Rachmaninov: Prélude in C sharp minor

Data Fri 30 May 2008 7:00 | Categoria: briciole musicali

Quando un’opera perseguita il proprio autore
ovvero
Il compositore dalle mani troppo grandi.

Il brano che state ascoltando, costruito intorno a quelle tre note che ritornano ossessivamente, è stato composto da un ragazzo di diciannove anni, alto quasi due metri e con mani gigantesche. Un pezzo incantato che darà immediatamente notorietà e successo al suo autore – ma che l’ossessionerà poi per sempre.
Quanto può essere difficile il rapporto fra compositore ed esecutore?
Eccovi il famosissimo Prélude in C sharp minor (1892) di Sergei Rachmaninov (1873-1943) nell’esecuzione al pianoforte di...... Sergei Rachmaninov.

Prima di eseguire al pianoforte quest’impegnativa composizione, Sergei usava bere un bicchiere di crema alla menta; diceva che l’aiutava a dominare i passaggi più difficili. Si consigliano i gentili ascoltatori di seguire il suo consiglio: anche l’ascolto è impegnativo.







La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=888