Buxtehude: Membra Jesu Nostri

Data Sat 24 May 2008 7:00 | Categoria: briciole musicali







Di Dietrich Buxtehude, (1637-1707), dall’opera Membra Jesu Nostri BuxWV75 (1680) ascoltate ‘Ad Pedes’.
In quest’inusuale opera, concepita per essere eseguita nel corso delle Abendmusiken (serate musicali) la contemplazione di uno spettatore immaginario della sofferenza del Cristo in croce si sviluppa attraverso uno sguardo ascendente, dai piedi sino al viso (la tonalità delle cantate ascende anch'essa, ovviamente).
Il ciclo delle sette cantate Membra Jesu Nostri, del 1680, è dedicato a Gustav Güben. Il testo è tratto dal poema Salve mundi salutare (noto anche come Rythmica Oratio) di Arnolfo di Lovanio. Noi ci soffermiamo sulla prima cantata.

Questa la struttura dell’opera (circolare, come noterete: attraverso salti di quinte, si ritorna alla tonalità di partenza):
I. Ad Pedes (do minore, 2 violini, violoncello, basso continuo)
II. Ad Genua (mi bemolle maggiore, 2 violini, violoncello, basso continuo)
III. Ad Manus (sol minore, 2 violini, violoncello, basso continuo)
IV. Ad Latus (re minore, 2 violini, violoncello, basso continuo)
V. Ad Pectus (la minore, 2 violini, violoncello, basso continuo)
VI. Ad Cor (mi minore, violino, 5 viole da gamba, basso continuo)
VII. Ad Faciem (do minore, 2 violini, violoncello, basso continuo)


Nelle sue Cantate, Buxtehude utilizza tre tipi di strutture: una forma concertante, dove il testo è direttamente preso dalle Scritture (Salmi) e caratterizzate da alternanza di soli e tutti e da un gioco di figurazioni sonore in assonanza col testo; una forma derivata direttamente dal corale luterano; una forma parafrase biblica, nella quale domina l’aria per voce sola (e praticamente senza da capo). Salvo poi a mescolare, nella stessa composizione, i tre generi.

Testo della cantata di Buxtehude denominata Ad Pedes
(Il filmato dell'opera completa è in Videoteca, il testo delle cantate si trova in Biblioteca)


Segue la Cantata Heut triumphieret Gottes Sohn (Oggi trionfa il Figlio di Dio), BuxWV43, che io trovo perfetta, meravigliosa, insuperabile: una pagina festosa, dominata dal coro, omofono, nel quale s’inseriscono delle brevi escursioni dei solisti¹ - quelle dei solisti restano comunque delle inserzioni, è il coro che domina. La struttura dell'opera è peculiare: s'apre con una sinfonia, poi seguita da una fanfara di trombe, quindi fanfara e sinfonia si congiungono per accogliere l'ingresso del coro. Coro e solisti (in varie alternanze) s'avvicendano, sino al fuoco d'artificio dell'Alleluia finale.

Testo della cantata di Buxtehude BuxWV43 (prima parte)
Testo della cantata di Buxtehude BuxWV43 (seconda parte)





¹ la Soprano II (la vedete cantare la strofa Clavos pedum, plagas duras nel filmato "Ad Pedes" - attenti però che noi vi stiamo facendo ascoltare una diversa esecuzione di 'Membra Jesu Nostri' ; è sua la voce che canta la strofa "Teufel höre auf mit Wüten" nel "Heut triumphieret.....") è Maria Cristina Kiehr, una delle voci più angeliche che sia dato ascoltare.
La conoscete già, è la voce che cantava la Salve Regina di Maurizio Cazzati la veglia di Natale.




- - - - - - -

E per coloro che hanno gradito l'Alleluia finale, eccovi l'alleluia più famoso della storia della musica classica, dal Messia di Händel.
Come Bach dopo di lui (il quale si fa oltre trecento chilometri a piedi per recarsi da Buxtehude e, artisticamente sconvolto dall'incontro, ci resta quattro volte più a lungo del tempo pianificato) anche Händel si reca (nel 1703) a Lubecca col proposito esplicito d'imparare la tecnica della composizione per organo e con la mira implicita di succedere al vecchio Buxtehude nella prestigiosa carica d'organista alla Marienkirche. Come Bach, anche lui troverà inaccettabile la clausola di dover sposare la figlia del maestro.






Hallelujah, for the Lord God Omnipotent reigneth, Hallelujah! (Revelation 19:6)
The Kingdom of this world is become the Kingdom of our Lord, and of His Christ;
and He shall reign for ever and ever, Hallelujah! 
(Revelation 11:15)
King of Kings, and Lord of Lords, and He shall reign for ever and ever, Hallelujah! 
(Revelation 19:16)


- - - - - - - - -


Per coloro che invece sono curiosi d'ascoltare un'altra interpretazione del tema dell'eco nella musica, ecco il madrigale Grotte ombrose di Biagio Marini interpretato da Maria Cristina Kiehr





E con questo per oggi abbiamo terminato.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -




 Buxtehude-Junghanel
 Buxtehude-Jacobs


 Buxtehude- Veldhoven
Buxtehude-Gardiner




La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=846