Lorenzo Levrini

Data Fri 25 January 2008 9:00 | Categoria: the London eye

[Nasce oggi una nuova rubrica aperiodica, THE LONDON EYE, di Lorenzo Levrini, fatta di sequenze fotografiche da Londra. Stiamo moltiplicando e aguzzando gli occhi e rizzando e affinando le orecchie.



Nella nostra passeggiata per Londra, iniziamo con l’ovvio. Prendiamo l’ottima metropolitana fino ad Embankment - il nome non solo della stazione, ma anche di tutta la costa settentrionale del Tamigi dentro Londra - e usciamo davanti all’Hungerford Bridge, uno dei ponti centrali. Da qui si vede il London Eye, una delle ruote panoramiche più grandi del mondo, quella che attraverso il suo nome ambiguo ha dato titolo a questa rubrica. Scendendo dal ponte, sentiamo l’improvvisazione di un signore, si direbbe un bravissimo trombettista jazz. Siamo ormai sulla riva meridionale del Tamigi, accanto all’Eye, e al suono della sua dolce musica, quella del Tamigi e quella del musicista, ci troviamo di fronte al sole che scompare dietro al parlamento. Tornando a casa, c’è ancora abbastanza luce per catturare il nostro improvvisatore.





La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=54