Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 La Fine dell'Unione Europea - Pagina stampabile - il legame - Fulmini e Saette


La Fine dell'Unione Europea

Data Sat 11 July 2015 5:00 | Categoria: il legame


Debito Greco


Attendiamo tutti l'ulteriore sviluppo del melodramma greco, gestito da tutte le parti coinvolte in nome della politichetta, senza riguardo per la logica, il buon senso, l'evidenza e l'intelligenza - così riuscendo in un colpo solo a :
• massacrare definitivamente quel che restava dell'economia greca;
• creare odio fra i popoli d'Europa, divisioni che lasceranno tracce lontane;
• togliere ogni credibilità delle istituzioni creditrici (Banca Europea, Fondo Monetraio Internazionale, Commissione Europea, paesi membri e sovrani dell'Europa unita);
• minare definitivamente la credibilità del progetto europeo (mentre blateravano che l'uscita della Grecia dall'Euro rischiava di produrre un tale effetto, i massimi governanti europei l'hanno fatta finita una volta per tutte col progetto europeo)
Se le decisioni fossero state prese tirando a sorte una monetina, si sarebbe provocato minor danno, tanta l'imperizia di tutti i protagonisti.


Debito Greco


Debito Greco

Alcune considerazioni fattuali offerte alla vostra considerazione e riflessione:

- la Grecia è entrata - fra l'altro grazie sia alle politiche di austerità che grazie al populismo forsennato di Syriza - nella trappola della povertà; dalla quale non si può uscire se - fra le altre misure - i creditori non accettano di decurtare il debito. Questo è affermato (non nel modo in cui lo riportano i giornali però) in un rapporto dello stesso FMI (uno dei creditori non pronto a decurtare il debito - condizione necessaria ancorché non sufficiente). Consultate direttamente la fonte e fatevene un'idea a prescindere da ciò che la stampa vuole che ne pensiate. Notate la data: 26 giugno (prima del default greco).

- il governo greco ha indetto un referendum popolare (un referendum?) che avrebbe permesso al governo stesso di negoziare condizioni migliori con i creditori. Il popolo ha votato come chiesto dal governo. Cosa è successo? L'attore più oltranzista del governo (ministro delle finanze) è stato forzato alle dimissioni (dai creditori) e il governo ha accettato le condizioni che aveva precedentemente rifiutato (con qualche ritocchino salvafaccia). Per chi voglia consultare il documento originale con le proposte greche (e preferisca non leggere i riassunti interpretativi degli organi di stampa), eccolo qui.

- le banche greche sono in una condizione peggiore della pessima condizione in cui erano prima dell'insediamento del governo Syriza.

- nel frattempo la crisi greca è già costata una frazione considerevole del denaro che si vuole recuperare (c'è chi sostiene pari alla metà).

- l'Italia è il terzo paese (fra quelli dell'Eurozona) più esposto con la Grecia (vedi) ma ha influenza zero: solo i tedeschi tengono al proprio denaro, noi no.

- nessuno discute né propone misure per evitare che situazioni come quella greca si ripetano (se ci fossero stati controlli, il debito non avrebbe raggiunto le proporzioni attuali e la soluzione sarebbe stata incomparabilmente meno dolorosa)

- nessuno discute di proposte quali, per esempio: far transitare la Grecia per un numero fissato d'anni fuori dall'eurozona pur restando nell'Unione Europea (tipo la Norvegia) per poi rientrarvi al termine del periodo fissato (adottando una moneta nazionale per il periodo indicato). O come la proposta di Luis di affiancare una moneta nazionale all'euro. Fattibili o meno che siano tali proposte, niente di tutto ciò viene nemmeno discusso, analizzato. Riflessione zero.

- Non si parla di nessuna iniziativa straordinaria. Invece di dividere i popoli si potrebbe promuovere una campagna eccezionale d'acquisto di prodotti greci, una promozione eccezionale del turismo greco per l'estate, etc. Niente si tenta, su nulla si riflette. Ci si comporta come se non si fronteggiasse un'emergenza, una catastrofe, una situazione eccezionale.

Nel frattempo, l'Unione Europea non esiste più.


Debito Greco







La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=3628