Racconti come Trattamenti

Data Thu 16 April 2015 6:00 | Categoria: iLibrieleNotti

Tra i vari generi letterari-cinematografici, tra il Soggetto e la Sceneggiatura sta il Trattamento. Il Soggetto delinea la storia e i personaggi, la Sceneggiatura è il testo completo che serve, completo di luoghi e dialoghi e indicazioni tecniche, alle riprese del film. Il Trattamento “consiste nell'approfondire e ampliare in una forma narrativa simile al racconto il soggetto iniziale; è il materiale che poi lavorato dagli sceneggiatori diventerà la sceneggiatura finale” (Wikipedia)

Bebe Casera scrive Racconti come Trattamenti.
In questo suo recente libro: Petali di margherita, autoedizione 2015 (Bebe Casera, Via del Garofano, 5/c 00184 Roma, berardino.b@libero.it), facendo man bassa e gran tesoro delle sue esperienze vitali e letterarie cinematografiche racconta ‘sette vere storie d’amore’. Amore ordinario e straordinario, quotidiano ed eterno, ricercato ed imprevisto, vissuto.

Racconti-trattamenti, questi di Bebe, dicevo. Ecco l’incipit del ‘terzo petalo,’ intitolato Caffè amaro.

“Undici e trenta.
Fuori un sole che sbianca pur essendo fine gennaio.
Dentro le vetrine coperte di scritte multicolori per saldi di fine stagione e tra la luce e me, lei, leggermente in controluce.
Diciassette o diciotto anni, esile quel tanto che basta per cingerla con un solo braccio, tornita nel resto, bocca carnosa, denti un po’ felini quando sorride.”

E l’incipit del ‘quarto petalo’, intitolato Piccola storia di mare:

“Il battello andava nella notte con noi abbracciati proteggerci dal freddo.
Il mare calmo filava sotto le fiancate.
Intorno, tranne per il ronzio del motore, silenzio totale.
Poco lontano, a destra, qualche fioca luce.
Ci guardavamo negli occhi senza parlare aspettando il momento.
Decisi, nessuna alternativa: si aspettava soltanto che i marinai lasciassero il ponte.
Quando l’ultimo sparì in cambusa, ad un mio cenno, Irina scavalcò la ringhiera e saltò lontano per evitare le eliche e scomparve nell’acqua oscura, quindi feci la stessa cosa.
Quando emergemmo la nave era già lontana.”

Letteratura-cinema. Letteratura che vuol essere cinema. Si potrebbe ricordare in un certo senso ciò che diceva Pasolini della sceneggiatura: “Una struttura che vuole essere un’altra struttura.”

Pasquale Misuraca




La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=3573