Giazotto

Data Sat 25 April 2015 5:00 | Categoria: briciole musicali


L'avete certamente già sentita, questa musica, certo che la conoscete bene.
E se vi dicessimo che l'autore è tale Remo Giazotto (1910-1998), allora sì che cadreste dalla sedia.
Ebbene, sì, conoscete tutti questo adagio del signor Giazotto perché il nostro lo compose basandosi su una linea di basso del grande Tommaso Albinoni (del quale era biografo) e, almeno inizialmente, attribuì la composizione al maestro (per intero).
Poi però, visto il successo della melodia, ci ripensò e se ne attribuì la paternità (per intero).
Nessuno ha mai visto il frammento originale, quindi la questione della paternità della composizione è, a tutt'oggi, indecidibile (ammesso che la questione stessa rivesta un qualche interesse).
E ammesso che una paternità condivisa sia un'eccezione nella storia della Creazione.







Tommaso Albinoni (1671-1751): Adagio in G minore


Vi è mai capitato di non riuscire a definire un concetto ma - quando lo incontrate - di saperlo riconoscere?
Bè, coloro che non sanno definire cosa sia la musica classica, la riconosceranno in questo pezzo.
Se poi si vuol capire, per differentiam, in cosa consista la 'non-sinfonicità' della musica leggera, basta ascoltare la versione dell'adagio ad opera di Sarah Brightman o dei Doors.






La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=3566