Storia di una Maglietta

Data Tue 10 December 2013 4:00 | Categoria: il legame

Una fattoria nel Mississippi produce cotone per 9.4 milioni di magliette.
Per produrre questo cotone bastano 13 persone e 26 macchine.
Il cotone di una maglietta costa 0.60$.

Il trasporto di una maglietta finita negli Stati Uniti costa: 0.10$ (dal Bangladesh); 0.07$ (dicasi sette centesimi, dalla Colombia).
Fate attenzione al ruolo avuto dal container nel rendere possibile la globalizzazione.
Una delle invenzioni più rivoluzionarie dell'intera storia umana.

Una lavoratrice "tessile" del Bangladesh (quella che fa le magliette) guadagna 80 $ al mese, lavora 6 giorni la settimana.
Spedisce la maggior parte del proprio salario alla famiglia, nel villaggio natale.
Le lavoratrici/lavoratori di magliette sono 4.000.000 in Bangladesh.

Chi volesse saperne di più, guardi questi cinque brevi filmati prodotti da PlanetMoney.



Parte 1 – Cotone



Parte 2 – Macchine





Parte 3 – Persone





Parte 4 – Contenitori





Parte 5 – Tu




Salario Minimo


Un'ultima curiosità: le magliette importate dal Bangladesh sono soggette ad una tassa del 16.5%, quelle importante dalla Colombia sono esenti da tasse.
È una fortuna per le lavoratrici colombiane che le lobby dei grandi industriali tessili negli States siano riuscite ad ottenere questa eccezione dal Congresso, perché altrimenti loro, probabilmente, non avrebbero lavoro di sorta.
Loro - come pure i lavoratori in Bangladesh, Indonesia, Brasile, e in qualsiasi altra parte del mondo - non hanno diritto di partecipazione alla vita politica statunitense.
Il loro destino - nel bene come nel male1 - si decide senza di loro.




________________________________________________
1 E mi perdoni Luis se sono in radicale disaccordo con la sua tesi.
L'ottimismo della volontà è una bellissima cosa, ma non è sufficiente per cambiare il mondo.
Bisogna entrare nella stanza dei bottoni. E mettere ordine.






La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=3150