fiori-poesie: Giuseppe Gioacchino Belli

Data Wed 2 January 2008 8:00 | Categoria: Eftimios

(I fiori che durano più a lungo tra i fiori della terra sono i fiori-di-parole, i fiori-poesie. Ecco oggi fiorire nel cielo di Eftimios)

La Morte co la coda

Qua nun ze n’esce: o semo giacubbini (1),
o credemo a la lègge der Signore.
Si ce credemo, o minenti o paini (2),
la morte è un passo che ve gela er core.
Se curre a le commedie, a li festini,
se va pe l’ostarie, se fa l’amore,
se trafica, s’impozzeno quadrino (3),
se fa d’ogn’erba un fascio… eppoi se more!

E doppo? doppo viengheno li guai.
Doppo c’è l’antra vita, un antro monno,
che dura sempre e nun finisce mai!

È un penziere que mai, che te squinterna (4)!
Eppuro, o bene o male, o a galla o a fonno,
sta cana (5) eternità dev’èsse eterna!

Giuseppe Gioacchino Belli

(1) atei
(2) popolani o signori
(3) s’accumulano soldi
(4) ti sgomenta
(5) crudele, nemica, barbara

Ho scelto questo tra i duemila sonetti del Belli per la ragione generale che – per usare le parole sante di un amico di nome Emerico Giachery (Belli e Roma. Tra Carnevale e Quaresima, Edizioni Studium . Roma, 2007) qui come sempre il Belli “apre, anzi spalanca le porte al ‘linguaggio della piazza’”. Il linguaggio del Belli, la materia prima dei suoi sonetti, la ‘farina del suo sacco’ non è tutta sua, insomma, ma anche del popolo romano, della ‘plebe’. Belli poeta è della razza di Bartok musicista.

Secondo poi c’è una ragione particolare: una certa visione tragica della vita, e della morte come liberazione, che condivido col poeta romanesco.





La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=26