Elogio dell'ombra (2)

Data Fri 1 July 2011 6:00 | Categoria: leOpereeiGiorni

Grazie a Sofia, ho iniziato a scrivere un libro ombroso. Ecco di seguito il capitolo secondo:

Passeggiare all'ombra, d'estate, a Roma
- guida peripatetica per pelli sensibili.


2. Da San Giovanni in Laterano al Colosseo, lungo lo Stradone.


Di prima mattina ci troviamo nel punto in cui via Merulana sfocia nella Piazza di San Giovanni in Laterano, e s’imbatte nell’obelisco trascinato qui alla fine del Cinquecento dal Circo Massimo, per volontà di Sisto V papa e opera di Domenico Fontana architetto.


San Giovanni in Laterano a Roma


Giriamo a destra, ancora a destra, e scendiamo verso il Colosseo, che sta in una valle - dintornata dai colli Esquilino, Oppio e Celio (per ciò inquieta particolarmente la sua mole, emergendo come dalla bocca di un vulcano). En passant, a destra, un’occhiata all’Antico Ospedale delle Donne:


Antico Ospedale delle Donne a Roma


Qualche passo, e sempre a destra, incastonata nell’alto muro, una formella con un Giovanni Battista decollato dal Capriccio e decolorato dalla Morte:

formella di Giovanni Battista a Roma


Subito dopo, una giovane robinia si fa largo e cerca colore e vita tra i tufi e i mattoni:


robinia a Roma


Scendiamo, sempre tenendoci a destra, ombrati dal muro che rinserra anonime caserme, e prima che lo Stradone – come lo chiamano i romani, o via San Giovanni in Laterano – come lo chiamano li forastieri, incroci via dei Querceti, volgiamo gli occhi in alto a sinistra a cogliere una finestrella infiorata:


finestrella infiorata a Roma


Due passi, volgiamo lo sguardo in alto a destra ed ecco il cedro del Libano che domina il giardino segreto di San Clemente:


cedro del Libano a Roma


Giriamo a destra, entrando nella Piazza di San Clemente ora ridotta a larga strada, ed ecco l'antico ingresso della chiesa, e dietro il protiro il portico:


ingresso di San Clemente  a Roma


Torniamo indietro, sullo Stradone, e seguitando a scendere troviamo un 'fratello pelle delicata' rinfrescato da robinie adulte:


uomo seduto all’ombra a Roma


Facciamo capoccetta all’interno del San Clemente dall’ingresso laterale, e troviamo subito a destra una cappella affrescata dai due amici Masolino (Tommaso piccolo) e Masaccio (Tommaso grande) – ultimo segno pittorico del gran Tommaso, scomparso nella città eterna a ventisette anni, subito dopo aver trasformato il modo di vedere dell’Occidente:


Masalino e Masaccio a Roma


Usciamo dall’antico ingresso principale della chiesa, poco fa visto da fuori, ora da dentro:


portico di San Clemente a Roma


Via. Scendiamo, scendiamo, sempre tenendo la destra, fino alla visione surrealista di un fratello pesce fuor d'acqua:


pesce in un acquario a Roma


Infine, il Colosseo. E due che non soffrono i raggi del Sole anzi li cercano.


due giovani di fianco al Colosseo a Roma


Non so a voi, a te, a me lei ricorda la straziante conclusione de 'La metamorfosi' di Franz Kafka: "...alla fine del tragitto la figlia si levò per prima in piedi, stirando il suo giovane corpo." Amen






La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=2229