Lotti: ‘Mors Stupebit’

Data Sun 18 November 2007 2:00 | Categoria: briciole musicali

L’ottava nota, la più importante di tutte: la pausa (ovvero il silenzio).
L’unica adatta a rendere lo stupore, quello autentico, della Resurrezione.
Ascoltate come la musica, trapassando nel silenzio, sospenda il tempo.

Del veneziano Antonio Lotti (1667-1740) tre gemme:
Dapprima ‘Mors Stupebit’, dal suo incantevole Requiem;
Poi, ancora dal Requiem, ‘Judex Ergo’ (una brevissima meraviglia di contrappunto);
A chiudere, ‘Domine Deus’ (una voce dal Paradiso).



Mors stupebit et natura,
cum resurget creatura,
judicanti responsura
Stupiranno morte e natura,
quando risorgerà la creatura
per rispondere al giudice


Judex ergo cum sedebit,
quidquid latet apparebit,
nil inultum remanebit.
Quando sarà assiso il giudice,
tutto ciò che ora è ignoto apparirà,
nulla rimarrà impunito.


Domine Deus,
Rex Caelestis,
Deus Pater Omnipotens
Signore Iddio,
Re dei Cieli,
Dio Padre Onnipotente




La fonte di questa news è Fulmini e Saette
http://www.fulminiesaette.it

L'indirizzo di questa news è:
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=111