Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 109 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 apologetica - Vita di un uomo intero - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

RSS
(sfoglia) « 1 (2) 3 4 5 6 » (sfoglia)
apologetica : Vita di un uomo intero
di fulmini , Sat 22 October 2011 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Di cosa siamo fatti, tu che leggi, io che scrivo, e gli esseri umani intorno a noi? Leggendo l’autobiografia di Filippo Piccione (Il bracciante di Berbaro di Marsala, Albatros, 2011, pagine 191, euro 14,90) diventa chiaro che siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti gli eroi. Non gli eroi del mondo antico, che erano immutabilmente armati, ma gli eroi del mondo moderno, che sono “immutabilmente concentrati” (Charles Baudelaire).

Chi più e chi meno, certo. Ma tutti. Eroi non si nasce, si diventa. Nella precisa misura in cui si diventa concentrati. In cosa, concentrati? Nel “mestiere di uomo” (Roberto Rossellini).

Filippo lavora da cinquanta anni. Ha cominciato facendo il bracciante (a Berbaro di Marsala), poi il trasportatore di rifiuti urbani e tufo e sabbia, il bagnino, quindi il fattorino telegrafico e il commesso postale, e infine il dirigente dello Stato – dirigente dell’Ufficio Centrale della Giustizia Minorile di Roma.

Filippo studia da cinquanta anni. Fino a venti aveva la sola licenza elementare. Poi ha seguito un corso di recitazione per corrispondenza, ha conseguito privatamente la licenza media, privatamente si diploma ragioniere, e si è laureato infine, nell’Università pubblica, la ‘Sapienza’, in Economia e Commercio prima, in Giurisprudenza poi.

Oggi fa parte della redazione del settimanale online Pontediferro e collabora, con la rubrica ‘lo Stato del Meridione’, con il sito-rivista Fulmini e saette.

Ci sono scrittori di parole e scrittori di cose. Se preferite gli scrittori di parole questo libro non fa per voi, leggetevi Baricco. Ma se amate gli scrittori di cose procuratevelo, tenetelo stretto, fatelo leggere ai vostri figli svogliati, ai vostri amici disperati. Fa bene alla salute intellettuale e morale di coloro che non hanno ancora trovato la bussola, e a coloro che l’hanno persa.

Certo Filippo non ha fatto tutto da solo. È stato anche “il frutto della fecondità incontaminata dell’ambiente” (p. 115). La famiglia, il parentado, la contrada d’origine. Non solo: “Scuola, lavoro, sindacato, partito.” (p. 130) Senza il sindacato (la Cgil), senza il partito (il Pci), Filippo non sarebbe diventato, da quadruplice provinciale, cittadino del mondo. E tanto deve a Lea, la donna della sua vita, (volitiva almeno quanto lui), che lo tramortì “in un giorno di gennaio” col suo “volto radioso”, la “dentatura bianchissima”, “la dimensione del seno” e “il capolavoro dell’arcata sopraccigliare” (pp. 151-3).

Ma molto è dipeso da lui, dalla sua forza di volontà, dalla sua perseverante determinazione, dalla sua inesausta curiosità intellettuale e tensione morale. Negli ultimi anni difficili il concetto di eroe è stato usato per designare la figura di Vittorio Mangano criminale stalliere mafioso, e le figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino magistrati campioni nella lotta alla mafia. In mezzo, tra questi estremi, non c’è soltanto la “zona grigia”, la massa distratta dei cittadini a metà. Ci sono anche i Filippo Piccione, immutabilmente concentrati.

Pasquale Misuraca

Commenti?
apologetica : Luis Buñuel precursore
di fulmini , Thu 2 June 2011 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

fotogramma da film di Luis Buñuel


A propósito de Buñuel, un documentario poliglotta sulla vita e l'opera di un cineasta che considero un 'fratello maggiore', perché rappresentando surrealisticamente la crisi organica della 'civiltà moderna' ha concorso alla nascita di una civiltà ulteriore, la 'civiltà degli esseri umani creativi e autonomi e solidali':
1/10
2/10
3/10
4/10
5/10
6/10
7/10
8/10
9/10
10/10


Pasquale Misuraca


Leggi tutto... | 1 commento
apologetica : Alexandra Zambà
di fulmini , Sun 22 May 2011 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Alexandra Zambà è una donna multiforme (poesia, teatro, saggistica, fotografia, associazione...) che mi sta regalando la sua vita dal momento in cui ci siamo incontrati ventenni universitari a Roma. Lei proveniva dall’isola afrodisiaca che è Cipro, io da quel paradiso abitato da diavoli che è la Calabria. Non ci siamo più staccati, abbiamo fatto tutto insieme, figli e film, viaggi e documentari. Se dovessi nominare il filo per me decisivo tra i tanti che la compongono, direi l’autenticità: singolarità-e-genuinità-e-autorevolezza-e-autonomia-e-grazia a loro volta inestricabilmente intrecciate.

‘Ciprioti’, ‘Amorosa Caterina’, ‘Nostalgia delle città proibite’ sono i titoli di tre documentari che abbiamo realizzato a metà degli anni novanta a Cipro divisa, per Cipro intera.


Leggi tutto... | 1 commento
apologetica : Apologetica
di ethos , Sat 21 May 2011 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
Commenti?
apologetica : Apologia di Buster Keaton
di fulmini , Mon 13 December 2010 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

buster keaton

Buster Keaton: The Navigator – film del 1924, muto, in bianco-e-nero, 59 minuti.


Tempo fa ho detto due parole sul coraggioso montaggio di questo film.

Oggi ne dirò altre due su Franz Kafka e Buster Keaton, ripensando ad un progetto per una serie di sei documentari per la Rai del settembre 1982: 'La crisi nell’arte di Kafka e Keaton'. Utilizzando in maniera filologicamente avvertita parti delle opere di questi due grandi artisti del Novecento apparentemente così diversi tra loro, intendevo mostrare la loro comune profonda intuizione della crisi organica della civiltà occidentale, colta ai suoi esordi in Europa e in America.

Ne riparleremo. Intanto qui vorrei segnalare la vicinanza, l’affinità, la fraternità, dei protagonisti delle opere di Kafka e di Keaton: per loro vale il motto goethiano “es lebt der Mensch, solang er strebt”, l’uomo vive fintanto che si protende. Diciamolo in italiano: sempre attivi di fronte alle difficoltà, sempre coraggiosi di fronte ai problemi - fino a che non gli girano il coltello due volte nel cuore due guardie in borghese o una donna.

Parte Prima

Parte Seconda

Parte Terza

Parte Quarta

Parte Quinta

Parte Sesta


Pasquale Misuraca


Commenti?
(sfoglia) « 1 (2) 3 4 5 6 » (sfoglia)