Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

RSS
(1) 2 3 4 ... 98 » (sfoglia)
leOpereeiGiorni : Teatro e contraddizione
di fulmini , Sun 24 July 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Teatro e contraddizione: Peter Brook

https://www.youtube.com/watch?v=-F-FfTQ_AgE

Lo strano mistero del teatro. In teatro puoi guardare qualcuno che nella vita non ti interesserebbe mai, qualcuno che tu consideri una persona odiosa, repellente, disgustosa, e puoi entrare profondamente nella realtà di quella persona.
Quando ci sono due persone in conflitto, di solito nella nostra vita quotidiana siamo a favore di una persona o di un’altra. In un contesto teatrale noi siamo simultaneamente con i due opposti, ed è proprio oltre questa opposizione che il teatro può andare oltre il tema sociale, politico, ed essere effettivamente utile. Perché nella intensa energia della rappresentazione ogni membro del pubblico può capire e accettare la contraddizione, può andare oltre il prendere le parti dell’uno o dell’altro, può raggiungere un altro livello di comprensione umana.
E ciò significa che ogni spettatore per un breve tempo vive in modo più pieno di quando è entrato in teatro.

Commenti?
leOpereeiGiorni : Teatro e vita
di fulmini , Fri 22 July 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Teatro e vita: Peter Brook

https://www.youtube.com/watch?v=jUJsWwqGbEk

Il teatro è qualcosa che si può prendere in due maniere totalmente opposte.
Si può voler fare del teatro, si può voler diventare regista o attore perché nel profondo non si ama la vita, non si ama se stessi, non si amano gli altri. Allora per questa ragione si entra in un dominio straordinario, in una macchina straordinaria, dove si costruisce nell’arco della giornata qualcosa che è immaginario, ma che è molto meglio della vita. E tutto questo viene chiamato poesia, cultura eccetera. Questa è una maniera di ritirarsi da una vita che non si ama.
Ma c’è una direzione che è esattamente il contrario. Che è di rendersi conto che la sola ragione per arrivare a una forma artistica e praticare il teatro è perché attraverso questo si può entrare meglio nella vita.

Leggi tutto... | 1 commento
leOpereeiGiorni : Cos'è una soggettiva?
di fulmini , Mon 18 July 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Prendiamo Il barone rampante di Italo Calvino. Un libro ricco di invenzioni e asciutto di parole. Ogni capitolo una sorpresa, mai una parola in più. A pensarci bene, senza volerlo ho cercato di costruire così il mio sesto film, Voi non la conoscete.

Ecco una foto che ho scattato l'anno scorso nella faggeta di Monte Faito: una mia soggettiva evidentemente, e senza volerlo una soggettiva di Cosimo Piovasco di Rondò.

Noialtri vediamo così.

giovane donna acrobata


Pasquale Misuraca, Monte Faito - estate 2015

Commenti?
leOpereeiGiorni : Il vicino di casa
di fulmini , Thu 14 July 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Vivo da quindici anni in via Labicana, per tanti anni buongiorno e buonasera con un vicino decisamente riservato eppure vagamente spiritato - gli occhi silenziosamente lampeggianti. Ieri ho scoperto cosa ha fatto nella vita questo vicino. Ha restaurato Michelangelo. Avevo gli occhi e non vedevo. Viveva all'Inferno (con le tragedie familiari che vedevo svolgersi sotto i miei occhi) e viveva in Paradiso (con le creazioni artistiche che vedeva svolgersi sopra i suoi occhi). Voi li conoscete i vostri vicini di casa? E ditemi ancora: di cosa è fatto il vostro Paradiso?

Bruno Baratti restauratore

Commenti?
leOpereeiGiorni : Facebook
di fulmini , Tue 12 July 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Su Facebook. Un'amica, Maria Teresa De Vito Parascandolo, ha pubblicato questa nota di vita. La rivelo a coloro che non praticano la Piazza FacciaLibro.

"Speriamo che mi si riaccende la mamma." Siamo stati a cena con i figli e la moglie di un caro amico scomparso circa un anno fa. La moglie non riesce a farsene una ragione e soffre ancora molto. La figlia, con la dolcezza e la semplicità dei ragazzi, ha detto questa frase: "Speriamo che mi si riaccende la mamma."

Commenti?
(1) 2 3 4 ... 98 » (sfoglia)