Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

RSS
(sfoglia) « 1 2 (3) 4 5 6 ... 8 » (sfoglia)
eyes wide open : Jules e Georges
di fulmini , Fri 3 January 2014 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Maigret e la spilungona


“La verità non sembra mai vera.” È questa una frase aforistica di Georges Simenon, creatore del personaggio del commissario Jules Maigret. Piacerà molto a Venises.
A me piace molto, a proposito della verità, il doppio verso di Matteo Maria Boiardo: "La verità è bella, né per tema / si debba mai tacer, né per vergogna."
Sommando la prosa e la poesia se ne ricava che la verità è umbratile ed è bella. E' verosimile: la verità è donna. Tanto vero che Simenon/Maigret cercano in ogni modo di portarla alla luce (della scena) e di spogliarla (dei lustrini).

Commenti?
eyes wide open : Reality di Matteo Garrone
di fulmini , Sat 13 October 2012 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Come vede un regista un film di un altro regista?

L’altro ieri sera, giovedì 11 ottobre, ho visto al cinema Reality di Matteo Garrone.

Nell’insieme mi è parso consistente, a tratti ispirato. Vi ho ritrovato un po’ di realtà e mi ha commosso qualche immaginazione.

Dirò quattro parole ancora, da regista appunto, non volendo farla lunga e parlare delle mille cose che mi sono venute in mente mentre lo vedevo, mentre tornavo a casa, e poi, a ondate, fino a ora, la sera dopo - venerdì 12 ottobre.

INCIPIT
Il film comincia con un lungo piano sequenza in movimento orizzontale, dall’alto: si vede il Vesuvio e le case che lo assediano e una strada e una carrozza antica trainata da due cavalli bianchi e ci avviciniamo sempre più… La ripresa l’ha realizzata con un elicottero, mi sono detto. Buona idea ben realizzata. Un po’ troppo lunga, ho aggiunto tra me e me, leggermente insistita.

MONTAGGIO
Mentre vedevo il film, più d’una volta mi sono detto: qui si poteva stringere, tagliare, levare. Alla fine il film sarebbe dimagrito di una buona mezz’ora.

LINGUAGGIO
Siamo nel 2012, mi sono detto verso la fine, e si girano ancora film costruiti come i romanzi ottocenteschi. Il cinema agli inizi del Novecento era rivoluzionario, ora è conservatore – nel linguaggio.

EXPLICIT
Il film finisce con un lungo piano sequenza in movimento verticale, verso l’alto: si vede la sala bianca del Grande Fratello dall’alto col protagonista sdraiato che ride istericamente, ci allontaniamo salendo, usciamo dalla sala, ci allontaniamo ancora, si vede la luce della sala ritagliata nel buio lunare della notte, una zona sempre più vasta, si sale, si sale… La ripresa l’ha realizzata con il pallone aerostatico, mi sono detto. Buona idea ben realizzata. Un po’ troppo lunga, ho concluso tra me e me, leggermente telefonata.

Pasquale Misuraca


Leggi tutto... | 2 commenti
eyes wide open : Cinema!
di fabiobenincasa , Sun 10 July 2011 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
Commenti?
eyes wide open : Poesia e Pittura
di fabiobenincasa , Sun 6 March 2011 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
Leggi tutto... | 2 commenti
eyes wide open : Dalla morte in diretta all’immagine infinita - 2 parte –
di fabiobenincasa , Tue 5 May 2009 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Una prova evidente della costruzione di questo reticolato di immagini ci è data dalle reazioni al terremoto in Abruzzo. Si tratta del primo evento che io possa ricordare completamente coperto non solo dai media verticali, ma anche e soprattutto dal web 2.0, cioè dai social network e dai blog. Il terremoto per ore ha avuto immagini e commenti provenienti solo da Facebook, Twitter e Youtube. Gli stessi telegiornali, ancor prima che le troupe arrivassero sul luogo della tragedia hanno usato liberamente questi materiali per i loro servizi.

Nei giorni successivi alla tragedia si è assistito a un vero e proprio scontro fra due stili retorici di comunicazione. Da una parte Vespa che andava in giro baciando le vecchie e palpeggiando i peluche trovati fra le macerie. Dall’altra blogger e comuni cittadini che inserivano on line immagini e testimonianze anche crude, spesso in opposizione a quelle più sentimentali dei TG.

Leggi tutto... | 1 commento
(sfoglia) « 1 2 (3) 4 5 6 ... 8 » (sfoglia)