Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

RSS
(sfoglia) « 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 14 » (sfoglia)
agathotopia : Minima Moralia (1)
di unviaggiatore , Sat 30 August 2014 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Pallida illusione

Sa che io so, preferisce pensare che io non sappia.
A volte capisce che illude se stesso.
E' allora che si impegna nel massimo sforzo per convincersi che io non so.

Giuliano Cabrini

Leggi tutto... | 3 commenti
agathotopia : In treno
di unviaggiatore , Sun 23 March 2014 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Sul marciapiede di una piccola stazione di campagna una donna parlava con due amiche, tesseva gli elogi del marito, le amiche dicevano di conoscerlo bene, sapevano che era un marito perfetto e che lei era stata fortunata a sposare un uomo simile. Lei diceva di essere molto soddisfatta della vita con lui e che sapeva che non avrebbe potuto avere compagno migliore.

All'arrivo del treno le due amiche l'avevano salutata e in treno mi sono trovato seduto di fronte a quella donna, solo noi due nello scompartimento.
E' stata lei a iniziare la conversazione chiedendomi se vivevo da quelle parti, dove andavo, se da quelle parti conoscevo qualcuno, ha sorriso quando ho risposto che non conoscevo nessuno.
-Ho sentito quello che dicevi, fa piacere sentire una donna che parla in quel modo del marito, donna fortunata-
-Non è proprio così-
-Certo, capisco, siete stati fortunati a conoscervi ma intelligenti a non perdervi-
-Non intendevo questo-
-Cioè?-
-Lui non è esattamente come l'ho descritto, è un po' distratto-
-Distratto?-
-Si può anche dire così, lui non capisce che a volte sono stanca e avrei bisogno di aiuto nei lavori di casa, potrebbe fare anche solo piccole cose-
-Se non capisce puoi comunque chiedere che ti aiuti-
-Non è giusto: se qualcuno ha bisogno del mio aiuto non deve aver bisogno di chiedere, devo essere io a capirlo-
Continuava a parlare di suo marito ma ora sembrava un uomo diverso da quello di cui parlava alla stazione.
-Con le tue amiche parlavi di lui in maniera molto diversa-
-Non farei mai queste confidenze a chi ci conosce-
-Le fai a uno sconosciuto? Allora è una confidenza o uno sfogo? Non conosci neppure il mio nome-
Sorrideva dicendo -Non voglio saperlo e non ti dico il mio-
Si preparava a scendere, io proseguivo.
Sorrise ancora mentre mi salutava tendendo la mano
-At salùt sconosciuto-

Giuliano Cabrini

Commenti?
agathotopia : Dialogo
di unviaggiatore , Mon 6 January 2014 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Dialogo con una vecchia signora

Avevo trentasette anni quando ho incontrato una vecchia signora, mi ha detto che conosceva i miei genitori, i miei nonni e che mi aveva visto bambino, aveva saputo che l'anno precedente era morto mio padre, era dispiaciuta, mi parlava di loro e poi mi ha fatto una strana domanda

-Non ho mai capito perché la sorella di tuo padre aveva un cognome diverso, da tuo nonno e da tua nonna-
Ho detto che avevo fatto la stessa domanda a mio padre quando ero bambino, la mia era stata la curiosità di un bambino che scopre il mondo e mio padre mi aveva spiegato con molta naturalezza, come un padre parla a un figlio.
-Mia zia Albina era figlia del primo marito di mia nonna, quando lei ha conosciuto mio nonno era divorziata e aveva una figlia-
Ho visto una strana reazione di stizza
-Impossibile, il divorzio non c'era!-
-Mia nonna era luterana-
-Che cosa vuol dire?-
-Protestante, per loro il matrimonio non è un sacramento, quindi si può sciogliere-
-Non te la prendere, te lo hanno detto per non parlare male di tua nonna, tua zia era figlia illegittima-
-Comunque il divorzio c'era anche fra i cattolici-
-Non è vero-
-La sacra rota?-
-Non mi convinci-
Pestò il piede e andò via.

Sarebbe stato un lungo discorso che non si può fare a chi non è disposto a ascoltare.
Si può spiegare che il matrimonio per i luterani può essere interconfessionale quindi ci può essere l'intervento di un prete cattolico o di un rabbino?
Si può dire che per i luterani la Sacra Cena è solo commemorazione mentre per i cattolici la Comunione è anche presenza e sacrificio?
In questo caso si può ottenere il disprezzo di chi la pensa in altro modo soprattutto se sa di non sapere.
Gli intolleranti pensano di essere persone che non tollerano, che non sopportano, chi dice stupidaggini. In realtà non accettano le idee altrui. Essere tollerante non vuol dire sopportare , vuol dire saper ascoltare e essere sempre disposti a imparare.

Giuliano Cabrini

Commenti?
agathotopia : I dubbi di un uomo buono
di unviaggiatore , Sun 6 October 2013 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Sono considerato un uomo buono, uno che non farebbe male a una mosca.

Ho sentito dire:
- Giuliano non sa odiare, non ha mai odiato nessuno -

E' sicuramente vero che non ho mai odiato nessuno e forse non sarei capace di farlo, ma è anche vero che nessuno mi ha mai fatto del male.

Sono stato giudicato male una volta, sono stato insultato, non ho risposto all'insulto.

- Giuliano sopporta tutto, è troppo tollerante -

Tollerante? In realtà penso che quello che gli altri pensano di me sono problemi loro, quello che io penso di me stesso sono problemi miei, considerando però che gli amici non sono gli altri.

Fino all'età di diciannove anni ho pensato di non essere un violento poi è successo qualcosa.
Ricordo bene, eravamo in cinque, fermi sul marciapiede a parlare, quando un bambino, aveva forse dieci anni, passando con la bicicletta ha scontrato Franco, lui gli ha rigirato uno schiaffo e lo ha fatto cadere, la reazione degli altri tre è stata la più naturale, si sono chinati a sollevare il piccolo e vedere se si fosse fatto male. La mia reazione è stata diversa, credo che Franco non abbia mai preso un pugno sui denti così forte, un punto di sutura al labbro inferiore.

Giuliano Cabrini

Leggi tutto... | 1 commento
agathotopia : Padri, Madri e Figli
di unviaggiatore , Sun 8 September 2013 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Padri, Madri e Figli

Mio figlio è nato il 24 settembre 1980, da quel giorno ho cominciato a amarlo e ancora continuo a amarlo infinitamente.
Sua madre, ovvero mia moglie, ha cominciato a amarlo nove mesi prima, certo vedevo che lo portava nel grembo, ma non consideravo che si potesse amare un figlio prima di me.

Giuliano Cabrini

Commenti?
(sfoglia) « 1 2 3 (4) 5 6 7 ... 14 » (sfoglia)