Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

RSS
(sfoglia) « 1 (2) 3 4 5 ... 18 » (sfoglia)
il legame : Felicità è Successo
di venises , Fri 10 April 2015 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Cos'è la felicità? Pensiamo di conoscerla ma ne sappiamo poco.
Secondo il dizionario Garzanti è "lo stato d'animo (emozione) positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri". Al meglio, e volendo essere generosissimi, una definizione poco chiara (come la generosità, peraltro).
Il mito più difficile da superare, quello di cui tutti sono ciecamente convinti, è che la felicità venga da fuori, emerga come prodotto delle circostanze, degli avvenimenti, di ciò che si riesce a raggiungere, di ciò che ci accade.
Che il successo generi felicità.
E invece non è così.
È vero l'opposto.
La felicità si sintetizza, come abbiamo già visto.
Ma, ancora più fondamentale, è riconoscere che la felicità è una scelta di vita, che viene scelta a priori, che precede l'esperienza e gli accadimenti (belli o brutti) e che non risulta da quelli.



Shawn Achor TED Talk

Leggi tutto... | 7 commenti
il legame : La Trappola della Povertà
di venises , Sat 14 March 2015 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Ogni giorno, 22.000 bambini muoiono di povertà.
Una persona ogni sette (stiamo parlando di 1.2 miliardi di persone) vive in estrema povertà.
La quantità di aiuti che il mondo benestante invia al mondo degli affamati? Lo 0.05% delle risorse accumulate ogni anno. Questo dato è stabile, non diminuisce, non aumenta. Le promesse aumentano. Ora siamo arrivati a promettere oltre dieci volte più di quanto doniamo in realtà.

Se si guarda alla storia dell'umanità si scopre che la povertà è un problema recente. Non nel senso che si sia affacciata di recente sulla scena ma nel senso che - sino a tempi molto recenti - era la norma. Gli esseri umani erano tutti poveri; era normale dover lottare per la sopravvivenza e non avere abbastanza da mangiare1.
La ricchezza infatti è apparsa solo di recente: la dobbiamo interamente alla scienza2.
È con l'apparizione della ricchezza che la persistenza della povertà è diventata un problema.

Ai nostri giorni, la povertà è ufficialmente (e genericamente) definita come scarsezza dei mezzi materiali per il sostentamento.
Per la povertà estrema abbiamo invece una definizione precisa: questa è definita dalla linea ideale rappresentata dal guadagnare meno di 1 US$ al giorno (prezzi delle merci al 1996, corrisponde a circa 1.25 US$ attuali).
Nell'ultimo centinaio d'anni un'unica regione del mondo sta diventando sempre più povera in termini assoluti3: l'Africa Sub-Sahariana.

Africa Sub-Sahariana









Angelina Jolie e Jeffrey Sachs



Dalla povertà estrema si esce solo se si riesce a sfuggire alla Trappola della Povertà.

Leggi tutto... | 8 commenti
il legame : Internet è Democrazia
di venises , Fri 6 March 2015 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Egregio venises,
vorremmo contestare alla radice ciò che tu sostieni nel tuo post È democratica la Rete? e - all'opposto - sostenere che Internet rappresenta un modello insuperato di democrazia, di gran lunga superiore al modello dei modelli, quello della polis greca, un livello al quale solo il progresso, la scienza, la tecnologia ci hanno permesso d'arrivare.
Potremmo dire che la Democrazia non è mai esistita prima di Internet, che è Internet ad aver inventato la Democrazia ad averne realizzato, per la prima volta, le promesse.





Clay Shirky 2012 : Come Internet cambierà il modo di governare

Leggi tutto... | 6 commenti
il legame : La Scelta Giusta (4)
di venises , Fri 6 February 2015 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

puntata precedente




Kant risponde ad Aristotele. È errato fondare la legge morale su un concetto universale di cosa sia la vita giusta. Dov'è l'individuo in questa concezione? Dov'è lo spazio per la libertà individuale ?
Noi ci limitiamo ad invitarvi a fare attenzione al postulato implicito ed inconscio in tutti i pensatori moderni: che ci sia conflitto fra l'individuo e la comunità, che l'interesse, il benessere, la libertà dell'individuo divergano da quelli della comunità.
L'idea che l'interesse individuale coincida con l'interesse generale non è nemmeno discussa, è implicitamente inconcepibile.
Grandi sono le conseguenze teoriche di tale impostazione, del pensiero 'moderno': da un lato, per quel che riguarda l'individuo, vuol dire concepire l'individuo come un essere egoistico; dall'altro, per quel che riguarda la comunità, significa concepire la comunità come un aggregato di individui, come una macchina - e non come un organismo (avete mai visto un polmone i cui interessi siano in conflitto con quelli dello stomaco o del cuore? In un organismo le parti esistono solo come parti del tutto, separate da questo non esistono e non possono sopravvivere).
In questo modo di pensare l'individuo precede (teoricamente) la comunità.
L'unico pensatore moderno che ha contestato alla radice questo framework teorico, insistendo che l'individuo non esiste al di fuori della comunità, è stato Karl Marx (di cui Sandel ovviamente non parla). Fate però attenzione: il passo che Marx compie è "incompleto" (siamo a metà Ottocento, ha ottime ragioni, il dibattito sulla legge morale non è certo un dibattito teorico). Marx vede la società come il teatro di conflitti fra gruppi di individui organizzati fra loro ('classi sociali'). Siamo ancora all'insieme costruito attraverso il conflitto delle parti (anche se con Marx non parliamo più d'individui, di parti 'atomiche').

Leggi tutto... | 6 commenti
il legame : La Scelta Giusta (3)
di venises , Fri 30 January 2015 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

puntata precedente




Agire in nome del dovere, di una legge morale è compatibile con la libertà individuale? Si, secondo Kant, se la scelta della legge morale è una mia scelta (non mia in quanto me individuo particolare, mia in quanto essere razionale).
Ma allora, possono esserci un universo di morali differenti, una per ciascun individuo?

È lecito mentire? Nemmeno se una bugia servisse a salvare la vita ad un amico?
C’è una differenza fondamentale fra una bugia ed una mezza verità o un’affermazione fuorviante ed incompleta?
È lecito raggirare un ingenuo sulla base di informazioni incomplete e fuorvianti?

Leggi tutto... | Commenti?
(sfoglia) « 1 (2) 3 4 5 ... 18 » (sfoglia)