Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

RSS
(sfoglia) « 1 (2) 3 4 5 ... 21 » (sfoglia)
lo Stato del meridione : Padrini e padroni
di filippopiccione , Thu 10 November 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Padrini e padroni. Il nuovo libro che parla ancora di ‘ndrangheta
di Filippo Piccione

Nicola Gratteri, uno dei magistrati più attivi nella lotta alla ‘ndrangheta e Antonio Nicasto, storico delle organizzazioni criminali, scrivono un nuovo libro insieme, che si occupa di mafia e in particolare della mafia calabrese. Con “Padrini e padroni- come la ‘ndrangheta è diventata classe dirigente- Mondadori, euro 18” i due autori partono dal tragico terremoto del 1908 che rase al suolo Messina e Reggio Calabria con 100 mila morti.

Furono stanziati 180 milioni di lire per la ricostruzione. La gestione fu affidata a boss e picciotti, i quali non solo trasformano i resti delle due città in enormi baraccopoli, i cui segni rimasero evidenti fino a qualche decennio fa, ma perché essi potevano meglio fronteggiare ogni tipo di ribellione delle popolazioni attraverso l’intimidazione e la violenza. Una situazione che dette vita a un malcostume diventato nel tempo abituale. Tanto che a distanza di poco più di un secolo e precisamente nel 2009 con il terremoto dell’Aquila e poi nel 2012 mentre con quello dell’Emilia crollavano le case la mafia arrivava prima dei soccorsi. Così capita per le grandi opere pubbliche. La fanno ancora da padrone la corruzione, le infiltrazioni criminali, i legami con i poteri occulti e le logge segrete: in sostanza i cosiddetti poteri forti e le politiche del territorio, a tutti i livelli, fino ai più alti, che sono parte di una strategia di reciproca legittimazione, messa in opera da decenni da tutte le mafie e in speciale modo la ‘ndrangheta.

Ancora una volta la denuncia e l’allarme accorato che emerge dalle pagine del libro nasce dal fatto che né i ricorrenti disastri ambientali, né il consumo e il dissesto del territorio, né il degrado di opere iniziate e mai ultimate e né i servizi lasciati a metà riescono minimamente a scalfire l’opinione pubblica. C’è un’assuefazione che sconcerta. Non importa a nessuno se la corruzione avvelena l’economia e nemmeno se ciò avviene con la complicità di alcuni degli uomini chiamati a combatterla. E se finora nessun governo si è posto l’obiettivo di porre rimedio, in parte, dipende dalla devastante indifferenza del popolo italiano. Lo stretto rapporto tra corruzione e mafia non è solo il prezzo che i cittadini pagano alla mala politica e alla mala economia ma anche e soprattutto al fattore strategico e strumentale dell’espansione mafiosa.

Leggi tutto... | 16 commenti
lo Stato del meridione : Corleone, Riina
di filippopiccione , Fri 10 June 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Perché, in questi ultimi tempi, si è parlato tanto di Corleone e della famiglia Riina?

di Filippo Piccione

Quest’anno non sono mancate le occasioni per parlare dei Riina, la famiglia più importante e potente di Corleone. Il cui capo assoluto continua ad essere Totò, Salvatore, condannato all’ergastolo per le stragi di Capaci e via D’Amelio, in cui morirono Falcone e Borsellino e le loro rispettive scorte. Da anni egli è sottoposto al regime del 41 bis.

Ha fatto discutere molto la trasmissione di Porta a Porta di Bruno Vespa in cui è stato ospite il figlio, Salvo. Anche il suo libro ha suscitato dispute sull’opportunità di leggerlo e divulgarlo, così come l’inchino, fatto fare al Santo davanti all’abitazione della famiglia di Corleone durante la processione nelle strade del paese, ha provocato in alcuni stupore e sbigottimento.

Leggi tutto... | 11 commenti
lo Stato del meridione : Riina, Vespa e dintorni
di filippopiccione , Sun 10 April 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Riina, Vespa, Confindustria, Antimafia

di Filippo Piccione

Questa è stata la settimana di Porta a Porta. E le polemiche, come quando si presentò alla trasmissione la figlia di Casamonica, non sono mancate. Allora ci fu una discussione sull’opportunità di ospitare un familiare del capo clan dei Sinti romani e il conduttore ebbe la meglio adducendo che anche un servizio pubblico può e deve invitare chiunque affinché i cittadini possano farsene un’opinione.

Anche Biagi e Zavoli hanno intervistato mafiosi e terroristi e nessuno si è scandalizzato, intendeva dire Vespa. Anche se qualcuno fa notare che esiste una differenza nel modo stesso con cui viene condotta l’intervista. Ciò detto, a noi interessa anche il fatto che la sera successiva è andata in onda una puntata “riparatrice” in cui, fra l’altro, si accennava al comportamento del giovane Riina, il quale, secondo alcuni osservatori, ha avuto un’occasione importante per pubblicizzare il suo libro e buon gioco per mandare qualche segnale o messaggio a quel che resta di Cosa Nostra, a uomini e settori dell’economia e dell’imprenditorialità - che colludono con il malaffare - e persino ad alcuni personaggi che operano, con ruoli preminenti, all’interno dell’Antimafia.

Leggi tutto... | 3 commenti
lo Stato del meridione : Capitale infetta
di filippopiccione , Tue 15 March 2016 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Alfonso Sabella, ex assessore alla legalità nella giunta Marino, presenta il suo libro “Capitale Infetta”.

di Filippo Piccione

Dopo l’esperienza con la giunta Marino, il magistrato antimafia Alfonso Sabella ha scritto un libro intitolato 'Capitale Infetta', che ha presentato da pochi giorni alla libreria Feltrinelli, Galleria Alberto Sordi, alla quale ha partecipato Raffaele Cantone, anche lui magistrato in aspettativa, con l’incarico di vigilare sugli appalti e l’anticorruzione.

Un evento importante sia per le conseguenze della vicenda Mafia Capitale, che hanno portato alla caduta della Giunta Marino, sia in vista della campagna elettorale per il rinnovo dell’Amministrazione capitolina.

Leggi tutto... | 4 commenti
lo Stato del meridione : I figli della 'ndrangheta
di filippopiccione , Wed 10 February 2016 4:50
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Salvare i figli della ‘ndrangheta è possibile

di Filippo Piccione

Lo scrittore calabrese Gioacchino Criaco, con il suo primo libro “Anime Nere” - pubblicato nel 2008 - Edizione Rubettino - da cui nel 2014 il regista Francesco Munzi ha tratto un film di successo, partecipando alla 71^ Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia - ha cercato di individuare i lati vulnerabili della ‘Ndrangheta.

Nel libro “Il saltozoppo” l’Autore afferma che “La Calabria è una terra strana, sospesa tra passato e presente. La sua lingua non conosce il futuro dei verbi e il domani è affidato al destino”. Il fascino del male in queste terre non è una finzione letteraria ma la vita vissuta di bambine e bambini sottoposti a una vera e propria educazione criminale che coinvolge anche i ragazzi delle famiglie normali e questo non cesserà fino a quando non si demolirà il mito della ‘Ndrangheta.

Quell’organizzazione criminale che si erge a potenza globale del mondo del malaffare, alleata dei Narcos e proiettata nei grandi traffici illeciti e nei grandi mercati finanziari strettamente legati al controllo del territorio attraverso un rete fitta con le famiglie dei luoghi in cui avviene la selezione dell’èlite criminale.

Leggi tutto... | 11 commenti
(sfoglia) « 1 (2) 3 4 5 ... 21 » (sfoglia)