Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

RSS
(sfoglia) « 1 (2) 3 4 5 ... 9 » (sfoglia)
sociografie : Il governo presente e futuro
di pietropacelli , Fri 9 December 2011 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Non c’è alcun dubbio che Giorgio Napolitano Presidente della Repubblica abbia compiuto un capolavoro, usando bene il suo ridotto potere per sostituire un Governo pericoloso con il Governo attuale; così come non c’è dubbio che il Professor Monti sia un galantuomo: lo ha dimostrato in molti modi, non ultimo con la rinuncia ai suoi compensi e con la sua immediata azione per ridimensionare gli assurdi costi della politica; ma è giusto dire che la manovra del suo Governo non va; è sbagliata e non sufficiente. Certo, con la manovra recentemente adottata, l’Italia può salvarsi, forse, dal baratro, ma restano intatte le ingiustizie sociali e le ragioni che hanno generato la presente crisi.

Ora vorrei fare un piccolo, semplice ragionamento: aumentare la benzina, l’Iva e l’Ici sulla prima casa, non solo colpisce i più deboli, peggiorando drasticamente le loro condizioni di vita, ma deprime l’economia e i consumi, riducendo di riflesso anche le entrate dello Stato e avvitando il nostro Paese, ancor più, nella crisi della Società e del bilancio pubblico che resterà paralizzato dal suo Debito gigantesco che, in questi mesi si è certamente gonfiato ancora per effetto della maligna azione degli Spread; maligna azione perché, di fatto, ha significato guadagni enormi per le Banche che, difatti, sono volate in Borsa, consolidando i loro patrimoni.

Sarebbe stato possibile fare altrimenti? Io penso di sì e lo dimostrerò anche qui con un ragionamento molto semplice: la ricchezza in Italia, secondo i dati di Banca Italia è concentrata per il 47% nelle mani del 10% delle famiglie; si tratta di un patrimonio di 4.100 miliardi di Euro; con una patrimoniale del 15% da applicare in tre anni avremmo ridotto il Debito pubblico di 600 miliardi e trovato risorse per lo sviluppo e l’occupazione, senza dover toccare la sanità e la scuola.

Naturalmente, anche l’altro 90% dei cittadini avrebbe dovuto contribuire, però lo avrebbe fatto volentieri e in un modo più equo e accettabile.

Ma la Destra italiana non vuole, si dice. Bene, allora occorre fare una battaglia chiara e, una volta usciti dal baratro, andare a nuove elezioni con una linea giusta; se la Sinistra italiana non fa questo andrà verso la sua autodistruzione; perché si deve spiegare che quanto qui proposto non significa imporre i Soviet, ma affermare una politica basata sulla solidarietà.

Almeno questo.

Pietro Pacelli


Leggi tutto... | 4 commenti
sociografie : La Cina e l'Occidente
di pietropacelli , Tue 28 June 2011 11:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
Commenti?
sociografie : Sociografie
di pietropacelli , Sun 8 May 2011 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
Leggi tutto... | 1 commento
sociografie : Neuropsichiatria 4/4
di fulmini , Sun 23 January 2011 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Leggi tutto... | 3 commenti
sociografie : Neuropsichiatria 3/4
di fulmini , Sat 22 January 2011 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Leggi tutto... | 1 commento
(sfoglia) « 1 (2) 3 4 5 ... 9 » (sfoglia)