Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

RSS
(1) 2 3 4 ... 13 » (sfoglia)
la lingua rubata : Neuropsichiatria secondo Alexandra Zambà
di AlfaZita , Sat 9 February 2019 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Sofia


In questo mese (per me) sabbatico ospito lavori di altri autori. Prosegue, dopo un lavoro di Nefeli, con un lavoro di Alexandra.

"Finora non ne avevo mai parlato con nessuno, perché certe cose si tengono dentro, ma anch'io ho attraversato penombre laceranti... La prima esperienza depressiva, l'ho vissuta intorno ai trent'anni. Non era successo niente di particolare, ma all'improvviso la mia sensibilità si è accentuata, alterata. Del resto, la depressione nasce quando vuole: situazioni interiori che fino a un minuto prima riuscivi a contenere, ad armonizzare, a nascondere s'incendiano, si fanno incandescenti... Con certi pazienti non si può lavorare, se non si siano conosciute delle intermittenze depressive. O almeno non è possibile immergersi nel loro dolore. Lo hanno detto altri prima di me, grandi psichiatri come Bleuler o Schneider".

Intervista di L.Sica allo psichiatra Eugenio Borgna
Foto: Sofia, la figlia piccola, dopo una giornata di lavoro come Neuropsichiatra infantile (post scritto nel 2013)

"Μέχρι τώρα δεν είχα μιλήσει με κανέναν, γιατί ορισμένα θέματα τα κρατάς βαθιά μέσα σου, όμως και εγώ πέρασα ανάμεσα απο οδυνηρές σκιές ... Έζησα την πρώτη εμπειρία κατάθλιψης, γύρω στα τριάντα. Δεν είχε συμβεί κάτι το ιδιαίτερο, αλλά ξαφνικά η ευαίσθησία προς τα γύρω μου, έγινε εντονότερη, άρχισε να με καταβάλλει η κατάθλιψη. Η κατάθλιψη προκύπτει όταν το θέλει: μερικές εσωτερικές καταστάσεις τις οποίες μέχρι εκείνη τη στιγμή μπορούσες να έχεις υπο έλεγχο, κατάφερνες την εναρμόνισή τους και τις έκρυβες, ξαφνικά πέρνουν φωτιά ... με μερικούς ασθενείς δεν μπορείς να εργαστείς, αν δεν έχεις γνωρίσει τη καταθλιπτική διαταραχή..." Συνέντευξη στον ιταλό Ψυχίατρο, Eugenio Borgna, μτφρ Alexandra Zambà

Φώτο: η Σοφία, η μικρή μας κόρη, νευροψυχίατρος, στο τέλος της εργασίας στη Ψυχιατρική κλινική.

Alexandra Zambà

Commenti?
la lingua rubata : Alexandra Zambà - Mai vista tanta acqua
di AlfaZita , Wed 17 October 2018 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Alexandra Zambà, alle 3 di mattina di domenica 14 ottobre 2018, a Palazzo Farnese di Piacenza – brano del suo intervento nella maratona di poesia "La piuma sul baratro", iniziata alle ore 21 di sabato 13 ottobre e conclusa alle ore 22 di domenica 14 ottobre 2018. Dialogo del Realismo terminale, movimento poetico fondato da Guido Oldani, con oltre 100 poeti italiani, a cura del Direttore del Piccolo Museo della Poesia Massimo Silvotti.

https://www.youtube.com/watch?v=GSWQo9Ed0O0&t=4s

Commenti?
la lingua rubata : AlfaZita a Piacenza
di AlfaZita , Thu 11 October 2018 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Italia creativa e solidale.
A partire dalle ore 21 di sabato 13 ottobre, e fino alle ore 22 di domenica 14 ottobre 2018, presso Palazzo Farnese a Piacenza, si terrà l’evento “La piuma sul baratro”, dialogo del Realismo terminale con oltre 100 poeti italiani, a cura di Massimo Silvotti. Si tratta di un evento unico nel suo genere in Italia.
Per 25 ore poeti provenienti da tutta la nazione leggeranno proprie opere ininterrottamente.
La manifestazione, promossa dal Piccolo Museo della Poesia di Piacenza con la collaborazione del Comune di Piacenza e il contributo del Rotary Club Piacenza, si terrà all’interno della suggestiva cornice della cittadella viscontea di Palazzo Farnese. La particolarità consiste nell’iniziativa del movimento poetico REALISMO TERMINALE (http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=3898), fondato dal poeta Guido Oldani, a porsi in dialogo con la poesia contemporanea, con la presenza dei poeti aderenti al movimento e autori dell’antologia “Luci di Posizione”: Giusy Cafari Panico, Franco Dionesalvi, Giuseppe Langella, Valentina Neri, Marco Pellegrini e ovviamente lo stesso Oldani, e molti noti autori che si alterneranno nelle letture - tra i quali la nostra AlfaZita - Alexandra Zambà.

due donne

Pasquale Misuraca, Limassol - 26 maggio 2018 - Alexandra ed Ελενα Τουμαζη


Tra i rilevanti ospiti, interverrà Giampiero Neri, decano dei poeti italiani. Uno spazio sarà riservato alla lettura di liriche composte dal Laboratorio Poetico del carcere di Opera e da studenti del Liceo Artistico Cassinari. Ci saranno molteplici inserti artistici e creativi con la performance pittorica in estemporanea dell’artista Giuseppe Donnaloia, degli attori Corrado Calda, Gilberto Colla, Roberto Carusi e Domitilla Colombo, danzatrici, percussionisti, i musicisti “Poeticanti” e altri strumentisti e cantanti. L’evento ha avuto un’anteprima domenica 7 ottobre presso la Casa della Poesia Trotter di Milano con la presenza di Guido Oldani, Massimo Silvotti e altri esponenti del Piccolo Museo e del movimento del Realismo Terminale.
Il comitato organizzativo, coordinato dallo stesso Silvotti, è formato da Giusy Cafari Panico, Sabrina De Canio, Domenico Ferrari Cesena, Doriana Riva.

Commenti?
la lingua rubata : I fari della lettura
di AlfaZita , Mon 2 October 2017 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

locandina


I FARI DELLA LETTURA
1° Festival del Mediterraneo
organizzato da NIMA e GSLG
LA LETTERATURA GIOVANILE A CIPRO
Martedì 10 ottobre 2017 ore 17.30 - Sala Conferenze del Goethe Institut di Roma - Via Savoia, 13

Commenti?
la lingua rubata : Tu, sì tu
di AlfaZita , Mon 25 September 2017 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  



(Nella sua pagina facebook AlfaZita, cioè Alexandra Zambà, ha pubblicato l'altro ieri una poesia in italiano e in greco, corredata da una immagine. Ripubblico qui l'insieme per i lettori e visionatori del sito-rivista. Pasquale Misuraca)

Tu, sì tu,
non odiarmi.
Io sono una persona imperfetta.
Guardo allo specchio imbarazzata
l'immagine non può riassumermi
è semplicemente la rifrazione della luce
la distorsione di un me scivolato in fondo.
La voce incisa sul registratore
non è la mia
non è nemmeno la voce di una donna
forse solo la voce della vita ferita
grido soffocato nelle doglie del parto
di donna sconosciuta che mi abita
girata sempre di spalle!


εσύ, ναι εσύ
μην με μισείς.
Είμαι ένα ατελές πρόσωπο.
Κοιτάζω με αμηχανία στον καθρέφτη
η εικόνα του δεν μπορεί να συνοψιστεί μαζί μου
είναι απλά η διάθλαση του φωτός
παραμόρφωση να γλιστράει στο βάθος.
Επίσης
η φωνή χαραγμένη στη ταινία
δεν είναι η δική μου
δεν είναι καν φωνή γυναίκας
ίσως μόνο πληγωμένη ζωική κραυγή
πνιγμένη στους πόνους του τοκετού
μιας άγνωστης που παραμένει μέσα μου
πάντα να κοιτάει αλλού!

Poesia di Alexandra Zambà / immagine di Gianni De Conno

foto di Gianni De Conno

Commenti?
(1) 2 3 4 ... 13 » (sfoglia)