Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

(sfoglia) « 1 ... 890 891 892 (893) 894 895 896 ... 919 » (sfoglia)
i nostri inviati : Lorenzo Levrini - Parigi, febbraio 2007
di lorenzolevrini , Wed 21 February 2007 8:30
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Commenti?
poesie su commissione : Sembra il poeta
di fulmini , Wed 21 February 2007 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Sembra il poeta
Un uomo che non vive avventure
E tempeste
E battaglie.
In silenzio muove le sue parole.
Sembra il giocatore di scacchi
Un uomo che non corre sentieri
E rotte
E orizzonti.
In silenzio muove le sue figure.
Ma nel teatro del mondo
Si agitano Si spaccano
Le montagne Tinge
Di rosso il mare Perde
Le stelle il cielo Corrono
Gli uni contro gli altri
Ferendo Gridando
Gli dèi e gli umani
Tutti egualmente mossi
Come parole
Come figure
Dai silenziosi fratelli capaci di tutto.

Commenti?
haiku rimati : Taglia la corda
di fulmini , Tue 20 February 2007 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Taglia la corda
tessendola il poeta
baco da seta.

Commenti?
haiku rimati : Conti cantando
di fulmini , Sat 17 February 2007 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Conti cantando
le stelle, s'azzittano
le raganelle.

Leggi tutto... | 1 commento
fratelli alberi : cipresso
di fulmini , Fri 16 February 2007 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Entra in campo per primo l’amato, il Cervo. “Sacro alle ninfe che abitano i campi di Cartea, vi era un gigantesco cervo; con le corna ampiamente ramificate, esso da sé porgeva folta ombra alla sua testa. D’oro splendevano le corna e al ben tornito collo stavano appesi, scendendo sulle spalle, monili ornati di gemme. Gli balzava sulla fronte, legata da catenelle, una borchia d’argento, dal tempo della nascita; da ambe le orecchie, intorno alle tempie incavate, fulgevano perle. Senza paura esso era solito visitare volentieri le case e porgere per le carezze il collo a mani sconosciute.” (Ovidio, Metamorfosi)

Leggi tutto... | Commenti?
(sfoglia) « 1 ... 890 891 892 (893) 894 895 896 ... 919 » (sfoglia)