Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

(sfoglia) « 1 ... 827 828 829 (830) 831 832 833 ... 910 » (sfoglia)
la lingua rubata : africano
di AlfaZita , Sat 27 October 2007 11:20
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

[da UNA DOZZINA DI PENSIERI SGHEMBI]

1)

Africano
leggero passo d'uccello
battiti vibrati nel salto accennato
e voli dentro fessure in discesa
abissale
mareggiata di un violento libeccio
Africano

Commenti?
i nostri inviati : Ancillotto, Rimini, Tempesta elettrica, agosto 2007
di leonardoancillotto , Sat 27 October 2007 9:10
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Commenti?
dizionario sito : i sensi del blog
di fulmini , Sat 27 October 2007 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Leggo la Storia della bellezza di Umberto Eco e mi vengono in mente altri pensieri: “Suono e visione, le due forme percettive privilegiate dalla percezione greca (probabilmente perché, diversamente dall’odore e dal sapore, sono riconducibili a misure e ordini numerici). La bellezza greca viene espressa dai sensi che lasciano mantenere la distanza tra l’oggetto e l’osservatore: vista e udito piuttosto che tatto, gusto, olfatto. Al contrario, una scultura giapponese si tocca, con un mandala tibetano di sabbia si interagisce.”

A me i pensieri vengono all’aperto, specialmente camminando lungo una strada leggermente in salita, o leggendo, camminando lungo una strada leggermente biforcuta, non parto mai dal vuoto bensì dal pieno, della natura, della cultura.

Leggi tutto... | Commenti?
Gesù : maestro dell'attenzione
di fulmini , Fri 26 October 2007 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

I ragazzi ai quali l’altro ieri il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha conferito gli attestati di Alfiere del Lavoro, i ‘magnifici’ 25 degli ultimi esami di maturità, “il più delle volte ti sorprendono perché ti dicono: ‘Non occorre studiare troppo, basta stare attenti in classe’.” (Salvo Intravaia, ‘la Repubblica’ del 24 ottobre)

Dicono il vero i Discepoli dell’Attenzione. Non è lo studio in sé, è l’attenzione a tutto che fa diventare magnifici. Pensate a Gesù di Nazareth, che certo ha studiato libri (appena adolescente ne discuteva con i Dottori del Tempio) ma non stava sempre curvo sui libri, non stava sempre con i libri in mano, non ripeteva i libri: “Sta scritto… ma io vi dico…” Che vuol dire: studiate pure i libri, ma studiate tutto il mondo, voi stessi, gli altri, gli uccelli del cielo, i fichi sterili, e come si fa il vino - e bevetelo in compagnia.

Leggi tutto... | Commenti?
briciole musicali : Tchaikovsky, Concerto per Violino
di venises , Thu 25 October 2007 9:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

I concerti per violino (terza parte, Tchaikovsky)

Figlio di un ingegnere e di una pianista, Peter Ilic Tchaikovsky (1840-1893) a quattordici anni perde la madre di colera: reagisce scrivendo la sua prima composizione musicale. Avviato agli studi di giurisprudenza, decide invece che vuole essere altro: un compositore. Nel 1862 abbandona il posto al Ministero per iscriversi al conservatorio, dove tra altri ottimi insegnanti ha anche Rubinstein. Nel 1865 si licenzia dal conservatorio e nel 1866 Rubinstein l'onora consegnandogli la sua cattedra d'armonia.
Nel 1874 fece ascoltare a Rubinstein il suo primo "Concerto per pianoforte": il giudizio non fu favorevole, Rubinstein lo definì: “ineseguibile”. Invece la prima a Boston fu un trionfo straordinario e il pezzo divenne uno dei più applauditi della produzione tchaikovskyana e più tardi addirittura uno dei cavalli di battaglia dello stesso Rubinstein.
La sua ultima opera è la sinfonia numero 6 detta “Patetica” (opera della quale un giorno parleremo), la cui prima fu un fiasco. Tchaikovsky non si demoralizzò, restò convinto della validità della propria opera. Morì per un attacco di colera (proprio come la madre) pochi giorni dopo.

Leggi tutto... | 6 commenti
(sfoglia) « 1 ... 827 828 829 (830) 831 832 833 ... 910 » (sfoglia)