Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

(sfoglia) « 1 ... 814 815 816 (817) 818 819 820 ... 827 » (sfoglia)
leOpereeiGiorni : Bellitalia e Mediterraneo
di fulmini , Mon 6 November 2006 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Ogni sabato non riesco a digerire la prima parte del pranzo, sono deliziato però dalla seconda. Le prime portate le assumo vedendo-e-sentendo su RaiTre i servizietti di “Bellitalia”, esteriore e conformista fin dal titolo. L’intento dichiarato di questa rubrica televisiva è mostrare “con un linguaggio accessibile a tutti ”le “meraviglie del nostro paese”, ma il risultato è inginocchiato, con la bella statuina curatrice, i giornalisti fuorusciti dal ‘Dizionario dei luoghi comuni’ di Flaubert, gli esperti sussiegosi, le riprese dozzinali, i montaggi taglia e cuci, e le musiche da ascensore al patibolo. Ma di seguito - per fortuna? o per scherzo del destino? - (l’accostamento ossimorico mi meraviglia e mi strazia ogni volta) fluiscono sul medesimo canale RaiTre i documentari-inchiesta della rubrica “Mediterraneo”, e si comprende a cosa e a chi serve la televisione fatta in piedi: a coloro che hanno occhi e orecchie e vogliono vedere e sentire. Digerisco, dunque, infine. Voi direte che la televisione, la conoscenza, l’arte, non sono fatte per digerire. Dipende dallo stomaco che tenete, “cari amici vicini e lontani”.

Commenti?
dizionario sito : suicidio e chiarezza
di fulmini , Sun 5 November 2006 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Sono un po’ arrabbiato con Vittorio Benussi scienziato in psicologia, e gli sono molto grato. Questa poca rabbia è suscitata dal ricordo del suo suicidio - a quarantanove anni, senza una ragione chiara – no, non per il suicidio in sé: ognuno ha il diritto di morire nel momento giusto, possibilmente un momento prima del sopravvenire di sofferenze umilianti (per sé e per gli altri). Ma per l’oscurità della ragione: ognuno ha il dovere di spiegare (agli altri e a se stesso) la necessità della spettacolare dipartita. La molta gratitudine nasce invece dalla scoperta di tutto il suo laboratorio, quello scatolino pieno di gessetti colorati con il quale l'imperterrito sperimentatore lavorava quando non aveva altri mezzi. Vivendo in un mondo di lamenti - nel quale la maggior parte fa di tutto niente, provo infinita gratitudine verso coloro che fanno tutto con niente.

Commenti?
racconti di racconti : Ciccio e Gabriel
di fulmini , Sat 4 November 2006 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Ospiti di un pranzo domenicale, un siciliano ed uno svevo raccontano le proprie mamme. Ciccio, trentasettenne sempre faceto e l’altro giorno particolarmente morigerato (“ho abusato l’ultimo mese”) si lamenta pateticamente della madre meridionale. La signora, ogni volta che il figlio “scende giù” da Roma al paese suo “affogato nella mafia”, lo costringe a ingoiare manicaretti e porzioni per lui indigesti e superflue. Gabriel, venticinquenne sempre attento che preferisce l’ascoltare al parlare, dal fondo degli occhi azzurri nati sulle rive del lago di Costanza - sollecitato - racconta che no, la madre settentrionale non lo prega, non lo assedia col cibo, quando torna su, anzi. “Forse anche da voi c’è un proverbio che dice dei figli che mangiano anche i capelli della madre?”

Commenti?
fratelli alberi : platano
di fulmini , Fri 3 November 2006 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Il platano è un fratello albero grande fino all’imponenza. E’ arrivato in Italia dall’Asia - non ci fosse stata l’Asia, in quali condizioni verserebbero questi famosi occidentali? persino un romano cosmopolìta come Plinio non finiva di stupirsi che un tale albero fosse stato importato “da un paese diverso solo per la sua ombra”! Omni modo, il platano sopporta bene gli enciclopedici naturalisti e l’inquinamento atmosferico, per merito del suo proprio scortecciamento. E’ per omologia dunque – penso - che Marsia finì appeso a un platano. Secondo i mitografi quel deforme sileno sfidò col suo flauto Apollo e la sua cetra, ponendo come condizione che il vincitore avesse mano libera sul vinto, ma restò sconfitto e venne scuoiato dal dio della bellezza. Torno a rivedere il “Marsia” dei Musei Capitolini: ammiro un uomo alle soglie della vecchiaia eppure alto, longilineo, proporzionato, elegante, bellissimo e mi domando dove sia il sileno selvatico gonfio come un otre, provvisto di naso camuso, orecchie e coda di cavallo. E se l’essere scuoiato appeso all’albero scortecciato – mi domando al quadrato - fosse invece Apollo, divino conoscitore del futuro e per ciò suicida alle soglie del crepuscolo degli dèi?

Commenti?
il legame : Global Hamlet
di venises , Wed 1 November 2006 3:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  




The Global Hamlet

Nefeli Misuraca e Simone Barillari a TED Lago di Como

Commenti?
(sfoglia) « 1 ... 814 815 816 (817) 818 819 820 ... 827 » (sfoglia)