Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

(sfoglia) « 1 ... 6 7 8 (9) 10 11 12 ... 910 » (sfoglia)
leOpereeiGiorni : El blog de Luis Razeto
di luisrazeto , Fri 3 May 2019 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
Commenti?
fotoGrafie : Le padelle e Peppe
di fulmini , Wed 1 May 2019 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


padelle

Pasquale Misuraca, Viterbo, aprile 2019


Ecco finalmente testimoniate fotograficamente le padelle di Peppe - il quale sta cucinando e si muove con l'allegra velocità della saetta
http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=3635

Commenti?
i nostri inviati : Mare, cielo, uccelli, agave
di didone , Mon 29 April 2019 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


mare, uccello, agave

Sofia Misuraca, Mirador De Gibralfaro, Málaga, aprile 2019


"Dalla stazione il mare
finalmente il mare si vede
si vede e si tocca l'odore
nei vestiti
nel vento
nelle parole" — presso Mirador De Gibralfaro, Málaga.

Commenti?
Poltergeist : L'immaginario occidentale e l'eroe migrante
di nefeli , Sat 27 April 2019 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Nefeli Misuraca, L'immaginario occidentale e l'eroe migrante:
https://ilmanifesto.it/limmaginario-occidentale-e-leroe-migrante/?fbclid=IwAR2vGG2xTp8iVsuSCFJdCFm2OoEoSyxZYJGZMIF1psma5aDRHJMLQ2EoX-4

Il nostro immaginario occidentale è affollato di eroi e, sordi al monito di Brecht («triste la terra che ha bisogno di eroi»), continuiamo a misurare la grandezza delle nazioni dal numero dei loro eroi. E sebbene per eroe intendiamo generalmente un individuo che rischia la propria vita in nome di un ideale condiviso dal suo popolo, facciamo una serie di eccezioni quando le sue azioni influenzano negativamente la nostra vita più o meno da vicino. È il caso, naturalmente, del terrorismo, ma è diventato anche il caso del flusso dei migranti, che siamo in grado di accettare nella misura in cui mettono a rischio la propria vita in nome di un ideale da noi riconosciuto.

È FORSE per questo motivo che i media raccontano con trasporto di un migrante solo nei casi in cui ci somiglia o ci ha portato beneficio: era laureato, aveva una pagella cucita addosso, ha salvato un «nostro» bambino, collaborava al miglioramento della nostra comunità. E nonostante la nostra civiltà sia nata attorno al primo migrante della storia, non riusciamo a pensare oggi a lui come a un eroe. Una figura oggi più spesso associata a chi resta in patria e si immola per essa, non a Enea, che abbandonò la sua patria in fiamme per diventare l’eroe che non era riuscito a essere per tutta l’Iliade. Questo è un tratto che condividiamo con tutti i paesi occidentali, e una serie americana sta mettendo in discussione il diagramma patriota-eroe. Scritta e diretta da Steve Conran, si intitola, appunto, Patriot (finora due stagioni prodotte, disponibili su Amazon Prime), anche se ha davvero poco a che vedere con omonime produzioni.

LA STRUTTURA di fondo è quella di un sogno, in cui azioni realistiche e paradossali si alternano senza soluzione di continuità e senza cambiamenti di stile che segnali l’ingresso di qualcosa di antinaturalistico (come fare un salto di una decina di metri e atterrare sulla testa perché è la parte meglio protetta del corpo, o mostrare che i genitali dei detective parigini sono tutti affetti dalla condizione di micropenia). La regia presenta una Parigi plumbea in pieno inverno attraverso gli occhi del protagonista colpito da un disturbo alla vista, creando così una versione frammentaria, caleidoscopica della realtà.
Il patriottismo di John Lakeman non ha niente di ovviamente eroico: le sue azioni sembrano essere dettate più dalle circostanze che da un piano – come sparare a un bambino che suona la fisarmonica per sviare i suoi inseguitori.Il suo patriottismo è quello di un antieroe che calpesta le regole, le leggi e la morale per raggiungere un obiettivo che, si spera, o si immagina, preserverà proprio quelle regole, quelle leggi e quella morale che sentiamo messe in pericolo.

VIENE da chiedersi quando riuscirà la nostra cultura finalmente a vedere degli eroi in coloro che sopravvivono nonostante le avversità, a celebrare quelle vite – non solo quelle di chi muore per la sua patria, ma di chi sopravvive nonostante la sua patria. Del resto, non è forse eroe chi riesce a mettere in salvo sé e i suoi cari sfidando la morte?

(24 aprile 2019, il manifesto)

Commenti?
leOpereeiGiorni : Guido Oldani ritratto autoritratto
di fulmini , Thu 25 April 2019 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Guido Oldani ritratto autoritratto
https://www.youtube.com/watch?v=YMApu4JePmc

Commenti?
(sfoglia) « 1 ... 6 7 8 (9) 10 11 12 ... 910 » (sfoglia)