Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

grattacieli

di  guidoaragona Data Thu 27 March 2008 8:00

Questa volta, niente dialoghi o incontri. Si mostreranno nuovi grattacieli in progetto a Parigi (Defense), previa breve introduzione con riferimenti all'attuale panorama mondiale.

Qualche anno fa, sembrava che il grattacielo fosse un tipo di costruzione in crisi. Gli attentati alle “Twin Towers” sembravano sancire il definitivo tramonto – anche per cause di sicurezza, oltre che ecologiche, di questo genere di costruzioni, ormai appannaggio soprattutto dei paesi asiatici “in via di sviluppo”.
Negli ultimi anni si assiste invece a un vero e proprio “boom” di nuovi grattacieli. Se non appare strano che a Shangai crescano come funghi torri ad altezze fino a poco tempo fa considerate da record (400-500 m di altezza), già più sorprendente può essere apprendere che, nella penisola araba, proprio ad incombere accanto alla Kaba, è in costruzione un pazzesco gruppo di edifici alti, al centro dei quali spicca un grattacielo di ben 595 metri, dal disegno quasi anni ’30 e che, mezzaluna a parte, sembra un misto fra la torre di Londra, l’Empire State Building, e il monumento alla IIIa internazionale nel brutto progetto vincente di Boris Jofan



e sapere che a Dubai, sia in costruzione avanzata un grattacielo che raggiunge l'altezza da capogiro di ben 819 metri (oltre il doppio dell'Empire State Building),


e tale da rendere un po’ meno visionario il disegno di F.L. Wright del 1956, il grattacielo alto un miglio che potete vedere qui.
E tutto ad un tratto, scopriamo che anche nella vecchia Europa è tutto un fiorire di progetti di edifici alti e qualche volta molto alti. Anche se sono altezze che, paragonate a quelle orientali, sono assai modeste, si tratta di “impatti” molto forti in relazione ai centri urbani europei. E, soprattutto, propongono un modello di città che è radicalmente non europeo. Suscitando un dibattito che ritengo tuttavia non sufficientemente vivace.
Così in Italia, a Milano, Torino e altre città del nord Italia.
Così a Parigi, nello storico “ghetto dei grattacieli” che è la Defense.
Mostreremo ora, senza troppi commenti, alcune immagini di progetto di due grattacieli in progetto: quello della “Tour Generali” , e i progetti di concorso finalisti della Tour Signal, entrambe di altezza intorno ai 300 metri, modeste in confronto agli standard orientali, ma di grande impatto in una città come Parigi, sia pure alla Defense (qui il sito ufficiale).















Si può notare qui, ma questo vale per la gran parte dei grattacieli attualmente in costruzione nel mondo, come spesso i nuovi grattacieli propongano forme molto più complesse rispetto ai grattacieli di precedente generazione. Pareti inclinate, curve basate su superfici rigate o di rivoluzione. Spesso alla ricerca del “mai visto”, e della meraviglia. Anche queste forme, come le altezze, erano finora impensabili. L'introduzione degli elaboratori elettronici nella progettazione e nella costruzione d'acciaio (controllo numerico), le hanno rese possibili.
Resto a disposizione per maggiori dettagli, chiarimenti, e informazioni.

Invia un commento
Regole per i commenti*
Tutti i commenti richiedono l'approvazione da parte di un amministratore.
Titolo*
Icona del messaggio*
Messaggio*
url email imgsrc image code quote
 ESEMPIO
bold italic underline linethrough   


 [altro...]
Opzioni*
Abilita faccine 
Abilita tag XOOPS 
A capo automatico