Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

vita di imprenditore : La Tentazione e l'Opportunità
di fort , Fri 4 July 2008 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Mettetevi nei miei panni e immaginiamo di vivere una trentina di anni fa.

Lo zucchero, prodotto nobilissimo biologicamente, commercialmente è un prodotto povero: è già compreso nel prezzo del caffè - ma i gestori lo dimenticano volentieri e lo considerano un costo. E poi, ha il brutto difetto di essere pesante. Non solo: essendo un bene a domanda congiunta è logico che a venderlo siano le ditte di caffè, le torrefazioni - che però lo fanno malvolentieri perché non ci guadagnano. Per di più, lo zucchero ha un prezzo politico, è calmierato.

Pertanto le ditte di caffè lo usano come punto di forza, facendolo sembrare un favore, nonostante i relativi rappresentanti siano restii a questo servizio: come dicevo lo zucchero pesa, e non ricavano nessun guadagno percentuale sullo zucchero. A latere c’è lo zucchero in bustina monodose, si guadagna qualcosa ma il suo consumo è irrisorio, serve solo per i servizi al tavolo e non tutti i locali lo usano, molti preferiscono piccole zuccheriere.

Questo in breve lo stato delle cose zuccherose una trentina di anni fa. Esaminato attentamente il quale definii la mia strategia nella seguente maniera: risolvere il problema dei baristi liberandoli dalle “pressioni” dei torrefattori e facendo in modo che avessero bisogno di me per questo prodotto. Dopo, avrei “convinto” loro ad acquistare da me, e non più dal torrefattore, anche le bustine che avrei confezionato io.

Mio fratello lavorava alla Pirelli ed aveva un paio di anni più di me: trentaquattro per l’esattezza e si divideva tra lo stabilimento di via Ripamonti e la pista di Nardò in provincia di Lecce, pista sulla quale guidava i mezzi pesanti per il collaudo dei relativi pneumatici. Gli esposi la mia strategia, accettò entusiasta.

Ora, c’erano due anziani signori che dall’immediato dopoguerra vendevano zucchero ai torrefattori e confezionavano bustine per conto degli stessi, volevano andare in pensione, non avevano figli e combinammo il tutto. Adesso viene da ridere pensando a dove siamo arrivati ma il fatto è che partimmo con un affidamento di 250.000 lire a fronte di garanzie per 500.000 lire. Per non parlare d’altro.

In breve la voce si diffuse, non sembrava vero agli esercenti: ci sono due “pirla” che vendono solo zucchero, non insistono per vendere altro. E lo consegnano pure! Ed invece li stavamo avviluppando in una ragnatela dalla quale difficilmente si sarebbero potuti liberare. Fummo subissati dagli ordini. Il nostro guadagno era irrisorio ma pagavamo gli autotreni di zucchero a 30 giorni, e noi incassavamo subito, invece. Ci trovammo presto con una liquidità tale che, in qualche momento di difficoltà, scoraggiati dalla enorme mole di lavoro (provate a lasciare un locale senza zucchero) ci facemmo la famosa domandina, tra il serio ed il faceto: ‘E se non pagassimo 4 o 5 autotreni e scappassimo nei paesi caldi?’

Intanto sempre più persone straniere, provenienti da situazioni economiche e ambientali disastrose, entravano in Europa e le Autorità sanitarie cominciavano a preoccuparsi per il ritorno di alcune malattie, come la tubercolosi.

Dunque, avendo resistito alla tentazione, si presentava una inattesa opportunità per l’impresa che avevo, avevamo avviato. Opportunità basilare – ma questo, a dire il vero, non lo avevo ancora capito.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 10/7/2008 17:18  Aggiornato: 10/7/2008 17:18
Autore: fulmini

[Il 4 luglio ho stampato e spedito, via lettera, a Tonio copia del post di Fort. Ricevo oggi, 10 luglio, via lettera, il commento di Tonio a quel post, lo trascrivo e lo pubblico. Fulmini]

Gentile Fort,
Sono rimasto affascinato dal suo racconto, forse è vero che il capitalismo ha una fase in cui esercita un grande fascino quando lo “animal spirit” realizza. Dal lampo di un’idea si costruisce un’attività. Poi si accumula, spesso si sclerotizza e si diviene perfino tappo verso il resto che vuole uscire dal cratere.
Però ha fatto bene a non scappare con i soldi, era un guadagno effimero e sarebbero presto finiti. Inoltre, avrebbe deluso molte persone che si erano fidate di lei.
Oggi invece ha realizzato qualcosa di grande di cui penso andrà fiero.
Tonio (Velletri, 08.07.08)
Inviato: 11/7/2008 8:58  Aggiornato: 11/7/2008 8:58
Autore: fort

....il fatto della tentazione di scappare nei paesi caldi è un pò figurativo, diciamo così, l'ho scritto per meglio spiegarmi circa la necessità che c'era del nostro lavoro, dell'esigenza di Mercato, diciamo così.
E' molto interessante, anzi, interessantissimo l'aspetto umano che viene ad evidenziarsi. Aspetto che io ho intenzione di privilegiare nella descrizione di questa mia avventura e questo, già dal prossimo post.
Il lavoro ti fa trascurare tutto e, piano piano, perdi amicizie di lunga data, consideri il prossimo solo in funzione del vantaggio economico che può arrecarti ma, molto più pericoloso,ti lasci prendere e trascuri la famiglia.
Così è successo a me ma, fortunatamente mi è stata data una opportunità enorme: una seconda vita, "una vita in regalo" ed ancor più fortunatamente il tutto mi viene ricordato continuamente, quasi ad impedire dimenticanze, da una cicatrice di otto punti sulla testa.
Ed è di queste trasformazioni, di queste nuovi punti di vista che io ho intenzione di parlare e del come tento di conciliare "l'animo avido del mercante" con quanto mi è stato insegnato in una notte della serie"se supera la notte si salva"
Un salutone, intanto.