Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Gramsci : Terzo dialogo tra Gennariello e Fulmini
di fulmini , Thu 12 June 2008 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Fulmini
Gennariello! Dove sei?

Gennariello
‘Nfaccia a muntagna’ (A vista del Vesuvio, a Napoli – N.d.R.) Ho letto un articolo su Gramsci, un momento fa, sulla ‘Stampa’, ed ho pensato a te.

Fulmini
Grazie. Leggi ‘La Stampa’? E da quando?

Gennariello
Da ieri. Camillo, il fidanzato di Eleonora mia sorella, è torinese, è venuta a trovarla, si sveglia presto la mattina, scende giù a comprarla – è fissato con ‘sto giornale - facciamo colazione insieme...

Fulmini
Ah... Anch’io stamattina ho letto ‘La Stampa’, e proprio l’articolo su Gramsci, me l’ha segnalato Filippo Piccione.

Gennariello
Quello che tiene la rubrica ‘lo Stato del Medidione’?

Fulmini
Sì.

Gennariello
E che ne pensi tu di quello che scrive la Annunziata? (Lucia Annunziata, ‘Gramsci rispunta da destra’ – N.d.R.)

Fulmini
Penso che la Annunziata non sa quello che dice. Dice che Gramsci è un ‘filosofo di sinistra’, e che la destra cerca di accaparrarselo. La destra italiana, e anche la destra francese (Nicolas Sarkozy in testa, il quale in un’intervista a ‘Le Figarò’ ha detto, ascolta... aspetta... ah, ecco: «La mia lotta non è politica, ma ideologica. In fondo mi sono appropriato dell’analisi di Gramsci: il potere si conquista con le idee»), e anche la destra americana (i neoconservatori nordamericani legati al ‘Project for the New American Century’, basato in qualche modo sulla convinzione gramsciana che l’agire politico è fondato nella diffusione di idee nella società civile, e che solo dopo viene il successo nella politica istituzionale). Ora, questo fatto, il fatto che la destra legga e riconsideri Gramsci, il Gramsci dei Quaderni del carcere, il Gramsci che scrive chiaro e tondo che la nuova politica è una attività intellettuale e morale, e la vecchia politica è una attività militare e burocratica, questo fatto per Lucia Annunziata è un male, perché priverebbe la sinistra di un “suo” filosofo. Ma secondo me se i cittadini di destra leggono Gramsci, questo è un bene, non un male. Sai che diceva Deng Xsiao Ping, il cinese? “Importante non è se il gatto è rosso o nero. Importante è che mangi il topo.” E il topo, Gennariello, è la vecchia politica.

Gennariello
Ma tu, Fulmini, sei o non sei uomo di sinistra?

Fulmini
Sono un uomo di sinistra che ha uno spirito di Stato e non solo spirito di Partito.

Gennariello
E qual è la differenza tra spirito di Partito e spirito di Stato?

Fulmini
La differenza... la differenza è... Te lo voglio spiegare con un esempio. Ascolta. Ieri sono sceso a comprare il quodidiano, abitualmente ma non esclusivamente ‘la Repubblica’ – come sai, dall’edicolante di fronte a casa mia. È un romanista sfegatato, ricordi?, e io, un po’ per gioco e un po’ per celia, gli dico: “Ma come facciamo (noi italiani – N.d.R.) a vincere gli Europei (i campionati europei di calcio, in corso in questi giorni in Svizzera e Austria – N.d.R.) se Donadoni non mette i nostri (se il Commissario Tecnico della Nazionale non mette nella rosa dei titolari i giocatori della nostra squadra, la Roma – N.d.R.)?

Gennariello
E lui?

Fulmini
Lui prima sorride, poi allarga le braccia, infine non riesce a trattenere questa tremenda frase: “Mejo, così non se spezzano!” (Meglio, così i giocatori della Roma non si fanno male, e la nostra squadra di club ci guadagna, avendo a disposizione per il campionato giocatori fisicamente integri!). Ecco. Sergio, l’edicolante romanista, ha spirito di Partito e non spirito di Stato, il suo spirito di Partito non si eleva allo spirito di Stato, il privato non si supera nel pubblico, il Club è più importante della Nazionale.

Gennariello
E Gramsci? Che avrebbe detto Gramsci?

Fulmini
Gramsci avrebbe detto appunto che lo spirito di Partito è essenziale come base dello spirito di Stato, ma che lo spirito di Stato implica la subordinazione e il superamento del particolare nel generale. “Stato significa specialmente direzione consapevole delle grandi moltitudini nazionali” ha scritto – cito a memoria - in qualche nota dei Quaderni. Perciò io dico a Lucia sinistra ed a Sergio romanista: Gramsci non è esclusivamente “di sinistra” e De Rossi non è esclusivamente “della Roma”. Gramsci è della sinistra e anche della destra, in quanto filosofo universale, e De Rossi è della Roma e anche della Nazionale in quanto giocatore italiano.

Gennariello
Vabbuo’, Fulmini. Come stai a gelati?

Fulmini
Male. Oggi a Roma piove.

Gennariello
A Napoli invece c’è il sole. Si vede che Dio, certe volte, è partigiano... Ah! Senti un po’, che ne pensi di ‘sta storia delle intercettazioni telefoniche?

Fulmini
Sai che ti dico? Per me sono una mano santa: sto registrando questa telefonata e la pubblico questo pomeriggio sul sito-rivista. Statte buono.

Gennariello
Statte accuorto.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti