Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

edifici contemporanei : grattacieli
di guidoaragona , Thu 27 March 2008 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Questa volta, niente dialoghi o incontri. Si mostreranno nuovi grattacieli in progetto a Parigi (Defense), previa breve introduzione con riferimenti all'attuale panorama mondiale.

Qualche anno fa, sembrava che il grattacielo fosse un tipo di costruzione in crisi. Gli attentati alle “Twin Towers” sembravano sancire il definitivo tramonto – anche per cause di sicurezza, oltre che ecologiche, di questo genere di costruzioni, ormai appannaggio soprattutto dei paesi asiatici “in via di sviluppo”.
Negli ultimi anni si assiste invece a un vero e proprio “boom” di nuovi grattacieli. Se non appare strano che a Shangai crescano come funghi torri ad altezze fino a poco tempo fa considerate da record (400-500 m di altezza), già più sorprendente può essere apprendere che, nella penisola araba, proprio ad incombere accanto alla Kaba, è in costruzione un pazzesco gruppo di edifici alti, al centro dei quali spicca un grattacielo di ben 595 metri, dal disegno quasi anni ’30 e che, mezzaluna a parte, sembra un misto fra la torre di Londra, l’Empire State Building, e il monumento alla IIIa internazionale nel brutto progetto vincente di Boris Jofan



e sapere che a Dubai, sia in costruzione avanzata un grattacielo che raggiunge l'altezza da capogiro di ben 819 metri (oltre il doppio dell'Empire State Building),


e tale da rendere un po’ meno visionario il disegno di F.L. Wright del 1956, il grattacielo alto un miglio che potete vedere qui.
E tutto ad un tratto, scopriamo che anche nella vecchia Europa è tutto un fiorire di progetti di edifici alti e qualche volta molto alti. Anche se sono altezze che, paragonate a quelle orientali, sono assai modeste, si tratta di “impatti” molto forti in relazione ai centri urbani europei. E, soprattutto, propongono un modello di città che è radicalmente non europeo. Suscitando un dibattito che ritengo tuttavia non sufficientemente vivace.
Così in Italia, a Milano, Torino e altre città del nord Italia.
Così a Parigi, nello storico “ghetto dei grattacieli” che è la Defense.
Mostreremo ora, senza troppi commenti, alcune immagini di progetto di due grattacieli in progetto: quello della “Tour Generali” , e i progetti di concorso finalisti della Tour Signal, entrambe di altezza intorno ai 300 metri, modeste in confronto agli standard orientali, ma di grande impatto in una città come Parigi, sia pure alla Defense (qui il sito ufficiale).















Si può notare qui, ma questo vale per la gran parte dei grattacieli attualmente in costruzione nel mondo, come spesso i nuovi grattacieli propongano forme molto più complesse rispetto ai grattacieli di precedente generazione. Pareti inclinate, curve basate su superfici rigate o di rivoluzione. Spesso alla ricerca del “mai visto”, e della meraviglia. Anche queste forme, come le altezze, erano finora impensabili. L'introduzione degli elaboratori elettronici nella progettazione e nella costruzione d'acciaio (controllo numerico), le hanno rese possibili.
Resto a disposizione per maggiori dettagli, chiarimenti, e informazioni.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 12/6/2008 13:58  Aggiornato: 12/6/2008 13:58
Autore: venises

A causa di un attacco di commenti-spam, abbiamo ripubblicato il post.
Ripubblichiamo qui di seguito i commenti ricevuti.


27/3/2008 8:35 Aggiornato: 27/3/2008 8:35
Caro Guido, essendo tu architetto per professione e vocazione, vorrei sapere se hai mai compiutamente progettato (o almeno preliminarmente disegnato) un grattacielo, e quale forma eventualmente gli hai dato.


Inviato: 27/3/2008 8:43 Aggiornato: 27/3/2008 8:43
No, non ho mai avuto un simile incarico. Ho soltanto collaborato, in sede di progetto di concorso vincente (2003) alla torre FS accanto al nuovo fabbricato viaggiatori Torino Porta Susa (Arup, D'Ascia, Magnaghi), una torre alta 100 metri, che - probabilmente diverso - dovrebbe sorgere accanto al costruendo grattacielo Intesa S.Paolo di Renzo Piano sulla Spina Centrale a Torino.
Sarà anche perchè non ne faccio, ma sono, in linea di massima, contrario ai grattacieli


Inviato: 28/3/2008 10:35 Aggiornato: 28/3/2008 10:35
Autore: Sogni
A me non dispiacciono, ma forse e' perche' ho vissuto in America, pero' penso che al massimo una citta' europea ne sopporta un paio, a Parigi e Londra gia' hanno esagerato. Devo dire che la Tour Generali non mi dispiace come forma :)


Inviato: 28/3/2008 12:44 Aggiornato: 28/3/2008 12:44
Tour generali non mi piace tanto. Mi ricorda un po' la forma dello "zampone", quello che si mangia con le lenticchie.
Gli altri parigini, tutto sommato non posso negare che quello di Libeskind e quello di Wilmotte (nella sequenza, il secondo e il quarto dopo i due rendering della Generali) possano avere il loro fascino dell'inconsueto; e comunque sono tutti progetti di qualità, nel loro genere.
Ma la mia contrarietà ai grattacieli non è, in genere, un fatto estetico, quanto urbanistico. La città pensata per edifici alti è un vicolo cieco, a mio avviso. Costi di ogni genere, e anche sociali enormi, per vantaggi riservati a pochi.


Inviato: 28/3/2008 12:45 Aggiornato: 28/3/2008 12:45
Ah, il commento 2 e 4 sono miei
Non riesco a "loggarmi"!
Guido Aragona


Inviato: 29/3/2008 1:20 Aggiornato: 29/3/2008 1:20
Autore: Sogni
Ah uno zampone, beh forse per quello mi piaceva la forma :) Per quanto riguarda i grattacieli della Mecca invece fanno proprio schifo, soprattutto la posizione, sembra tutto uno scherzo. Ho letto che hanno eliminato una fortezza ottomana per costruire quella roba. Meno male che ne' tu ne' io ci possiamo andare alla Mecca. Occhio non vede cuore non duole.


Inviato: 29/3/2008 11:45 Aggiornato: 11/6/2008 16:30
Si, quello della Mecca è grottesco: fortunatamente ancora non è ancora costruito. Oltretutto, quella immagine è relativa alla nuova versione, che peggiora la precedente.
Credo che i musulmani dovrebbero preoccuparsi più di questo progetto che della apostasia di Magdi Allam (invero, mi pare che giustamente non se ne siano granchè preoccupati di Allam, forse con suo rammarico