Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

punti di fuga : Un trittico alla frutta
di stefaniamola , Mon 9 June 2008 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


immagine Madonna dal Trittico di San Domenico di Carlo Crivelli

Carlo Crivelli
Trittico di San Domenico, pannello centrale (1482)
Milano, Pinacoteca di Brera


Si compiacque d'introdurre in tutti i suoi quadri delle frutta e
delle verdure, dando la preferenza alla pesca ed al citriolo;
quantunque trattasse tutti gli accessorj con bravura tale che in
finitezza ed amore non cedono al confronto de' fiamminghi...


(Luigi Antonio Lanzi, Storia pittorica dell'Italia, 1831)


Dietro l’imperturbabile bellezza di questa Madonna e del suo Bambino imbronciato e pensoso, c’è anche una storia di avventure rocambolesche, viaggi, smembramenti e manomissioni. Siamo davanti ad un trittico di luci, colori e riflessi preziosi, oggi a Brera ma in origine dipinto per i Domenicani di Camerino. E dietro al suo “trasferimento”, avvenuto nel 1811, le razzie napoleoniche, evidentemente sensibili alla bellezza vistosa e spettacolare.

Una impalcatura complessa, di rientranze, sporgenze, gradini, bordi, spigoli; di marmi policromi, striati e venati, scolpiti a rilievo e "all'antica" negli spessori delle pedane e degli abaci. Al centro, una Madonna su un trono solenne come un piedistallo e conchiuso come un'edicola, fulcro visivo e prospettico ineludibile come una chiave di volta. Ai lati, un gradino più in basso nella scala delle gerarchie, due santi per parte nei loro abiti e attributi migliori: a sinistra Pietro e Domenico (il primo con triregno e chiavi, il secondo con il giglio dello Spirito) e a destra Pietro Martire (con tutti i suoi tragici attributi) e Venanzio (patrono di Camerino elegante come un paggio e con in mano il modellino della città). Mancano all’appello cuspidi e predelle, smembrate durante gli inventari napoleonici e mai più ricomposte, senza che ciò – tuttavia – intacchi la nostra meraviglia.

Sembra malinconica, Maria. E indaffarato il Bambino, a stringere tra le dita un uccellino dal lungo becco prefigurazione della sua Passione. E tutto troppo pieno, ridondante, enfiato, prezioso. Tutto troppo – e deliziosamente – materico, come i damaschi, i panneggi, i veli e le ombre, come la calzamaglia di san Venanzio che fa le grinze esattamente come quelle dei comuni mortali. E tattile, come il bordo sbrecciato dell'ultimo gradino, credibilmente percorso da una piccola crepa; talora illusionistico, come il velo che scende sulle vesti di san Pietro e non si sa bene dove inizi. Segreto che sta nel legare e stendere i pigmenti a seconda del materiale da “fingere”, finché – davvero – il colore assuma valore di materia.

Pieno e prezioso. Di frutti di una stagione provvida e generosa di simboli, disseminati ovunque come fossero lì per caso: festoni di cetrioli e frutta alla sommità, un vasetto di cristallo trasparente con alcune rose e un cestino di piccoli frutti posati all’altezza dello schienale; altri frutti, due boccioli di rosa, un baccello spezzato abbandonati sull’ultimo gradino di questa grande macchina scenica. Ancora pesche, mele, prugne, una pera ai piedi dei Santi, e ancora altri frutti intrecciati e sinistramente confusi a teschi e bucrani.

Amore e morte, salvezza e Passione, fedeltà e perdizione. Il cetriolo paga il suo essere frutto acquoso e poco nutriente con un significato negativo (perdizione e peccato) e abbonda con le Madonne a ricordare quanto la madre di Gesù ne sia immune. Parola di Isaia e Rabano Mauro. La mela, eterno ricordo del peccato originale e perciò frutto di redenzione, come la pesca, con la quale spesso si confonde, benché tale frutto “uno e trino” – come ricordato da Plinio il Vecchio: frutto, nocciolo e interno di quest’ultimo, lì dove è custodito il seme – sia propriamente associato alla Trinità. E ancora, le prugne, scure e violacee, allusive alla Passione e alla morte di Cristo. Nessun dettaglio è casuale come sembra e la sensazione è che ce ne sfugga più d’uno.

O, almeno, che ci sfuggano la complessità e la rete di rimandi e conoscenze attribuita agli elementi (e ai gesti) quotidiani; complessità e rimandi a cui – in passato, e per lungo tempo – non era possibile sottrarsi, pena l’incomprensione del messaggio sostenuto dall’immagine (ma – come si sa – questo pericolo non c’era: tantissima gente, a quel tempo, non sapeva leggere o scrivere e tuttavia possedeva gli strumenti per decifrare quei messaggi e poter apprendere). Come non provare nostalgia per quei significati sottopelle che spesso oggi non riusciamo a scorgere... Perduta la chiave chissà dove, ecco che gli oggetti ed ogni altra vita silenziosa smettono di parlarci…

Perché Crivelli e proprio questa bellissima Madonna “alla frutta” sopravvissuta al suo stesso splendore, alla razzia, ai disiecta membra, ai volenterosi quanto malaccorti restauri ottocenteschi a suon di nuove dorature, vernici e paste di vetro “ad imitazione delle pietre preziose”? Prima di tutto per un mio debole per questo pittore ma soprattutto perché – se “punto di fuga” dev’essere – c’è tempo ancora fino al 29 giugno per vedere questa ed altre 79 meraviglie restaurate a cura di Intesa SanPaolo all’interno della mostra Restituzioni 2008. Tesori d'arte restaurati, allestita a Vicenza nelle Gallerie di Palazzo Leoni Montanari.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 9/6/2008 13:56  Aggiornato: 9/6/2008 13:56
nelle marche abbiamo molti Crivelli, tutti bellissimi. il cetriolo secondo la mia collega che insegna arte significa "Rinascita" , perché se marcisce, dalle scorie, rinasce. Io dicevo per ridere che era un'allusione sconcia del pittore che si nascondeva dietro simboli eruditi....
Inviato: 9/6/2008 14:00  Aggiornato: 9/6/2008 14:00
in rete , invece , ho trovato queste spiegazioni: cetriolo simbolo di Lussuria (eccolo qua!!!) oppure perdizione (perchè gli ebrei nel deserto preferirono mangiare i cetrioli invece della manna (!!!???) , della resurrezione (come dice la collega)....sbizzarritevi come vi pare
Inviato: 9/6/2008 20:08  Aggiornato: 9/6/2008 20:08
Veramente ricchissimo, soprattutto di effetti materici.
Tutt'altro che rasserenante. Sembrano tutti non molto contenti; appunto la Madonna imbronciata, ma anche l'espressione di Pietro, quasi caricaturale e con la testa come incassata.
Probabilmente vi era un intento polemico verso qualcuno. No?
Biz
Inviato: 10/6/2008 1:09  Aggiornato: 10/6/2008 1:11
Autore: stefaniamola

Bisogna entrare nella mentalità di un'epoca e di una cultura, pena il non riuscire a capire quel che le immagini intendono dire. Ci sono codici ben precisi, ragioni profonde, chiavi spesso non più in nostro possesso. Tuttavia, le Scritture e le interpretazioni patristiche sono indispensabili. Per quel che ne so, escluderei varie ed eventuali "bizzarrie" sul significato simbolico del cetriolo tenendo per buone le interpretazioni tradizionali. Che sono tutte in senso "negativo"; ovvero di rinascite o resurrezioni non se ne parla proprio, visto che la particolare caratteristica di riprodursi in fretta fa di questo frutto il simbolo della forza cieca e incontrollabile.
È esatto il riferimento alla perdizione, testimoniato da quel passo in cui Rabano Mauro racconta degli ebrei che nel deserto preferirono cibarsi di cetrioli invece che di manna (Migne, Patrologia Latina, 111, 53), mentre l'associazione a Maria – intendendo così la sua estraneità al peccato – sarebbe sostenuta dall'interpretazione di un passo di Isaia (1, 8) in cui si dice che "la figlia di Sion è rimasta sola come una capanna in una vigna, come un tugurio in un campo di cocomeri, come una città assediata", istituendo idealmente un parallelo tra la città assediata e la figura della Madonna.

Guido, no, non credo che i personaggi siano "tristi" o eccessivamente "caricati". Rispecchiano invece una precisa "cifra" stilistica di quel periodo: opus Caroli Crivelli Veneti. E l'intero Adriatico passava sotto il nome di Golfo di Venezia... E fior di maestri le cui figure dipinte appaiono nodose e arcigne come sculture d'olivo. Vabbe', si va troppo lontano, lo so :)