Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

fratelli alberi : sicomoro
di fulmini , Sat 10 November 2007 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  



E’ questo, in ordine cronologico, il primo dei 1001 dipinti da vedere prima di morire secondo Stephen Farthing (edizioni Atlante S.r.l. 2007). Una rappresentazione anonima del Giardino Paradiso Egiziano, realizzata tra il 1420 e il 1375 a.C. nella tomba tebana di Nebamun, uomo di potere della XVIII dinastia.


Esagerato. Milleuno sono troppi, come troppe erano le milletré amanti spagnole del ‘Don Giovanni’ di Mozart e Da Ponte. Novantanove, bastano novantanove dipinti da vedere vivendo.

Secondo poi non può essere il primo in ordine cronologico, questo conturbante frammento parietale di 64 X 76 cm, il primo essendo il padre di tutti i bisonti, il Gran Bisonte del Paleolitico Superiore (tra il 21.000 e il 13.000 a.C.) della grotta di Altamira in Spagna.

Tuttavia tra ‘i novantanove’ ci può stare, il Giardino Paradiso Egiziano di Nebamun, con i suoi pesci tilapia, trampolieri, fiori di loto, papiri, palme, mandragore e l’albero degli alberi, l’albero della vita e della morte: il sicomoro.




È un albero enorme e sempreverde, comune in Medio Oriente e in Africa ma se state attenti lo riconoscete anche in Italia. Un tipo tosto: vive nelle zone paludose e sopravvive nel deserto, regala ombra generosa e siconi deliziosi.

Siconi? E che sono i siconi? Fichi. Sicomoro vuol dire in greco 'gelso che produce fichi'. Una mano santa per uccelli e mammiferi e per le popolazioni umane antiche e povere. Le foglie sono usate per il trattamento dell’ittero e del veleno di serpente; il lattice che si ricava incidendo la corteccia è un rimedio contro la dissenteria e la tigna, la tosse e le infezioni della gola. E tutto l’albero ha un ruolo importante per il miglioramento della qualità del suolo e per il suo consolidamento.

E' un fratello albero, il sicomoro. Fin dall'inizio. Ricordate il sicomoro di Gerico? Gesù pellegrinava da quelle parti e il capo mafia della zona, Zaccheo, cercava di guardarlo in faccia questo Gesù, ma non ci riusciva, perché c'era gran folla e lui era piccolo di statura. Fino a che un sicomoro gli allunga un ramo e Zaccheo ci sale sopra. Lo vede Zaccheo e lo vede Gesù maestro dell'attenzione "alzati gli occhi, gli disse: «Zaccheo, scendi, presto, perché oggi debbo fermarmi a casa tua». Egli si affrettò a scendere e lo accolse con gioia. Veduto questo, tutti mormoravano, dicendo: «È andato ad alloggiare in casa di un peccatore!» Ma Zaccheo si fece avanti e disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà dei miei beni ai poveri; se ho frodato qualcuno di qualcosa gli rendo il quadruplo»."

Pensate prima a come si comporta Gesù con gli uomini del disonore, e poi a come si comporta questo Benedetto XVI con gli uomini del disonore: trasferisce il vescovo di Locri trascinatore della lotta agli uomini del disonore di quella zona, agli uomini della 'ndrangheta. Io sono nato a Siderno, a tre chilometri da Locri, ci andavo a piedi perché c'era il più gran sicomoro della zona. Oggi mi viene da piangere pensando che questo papa capintesta cattolico immagina così trasferendo di imitare Gesù. Vada a Locri, piuttosto, si metta sotto il sicomoro e aspetti. Al resto ci penserà fratello sicomoro.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti