Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

iLibrieleNotti : LUCE SENZ'OMBRA. Capitolo secondo.
di fulmini , Sun 11 October 2020 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Eftimios a Piana Mola



Capitolo secondo


È venuto il momento di cominciare a trascrivere la sceneggiatura per un film che ho scritto con Eftimios nei primi mesi del 1987, e che aveva per titolo Luce senz’ombra.

Dicevo nel Prologo, con Pasolini, che sempre “la sceneggiatura è una struttura che vuole diventare un’altra struttura”, e aggiungevo che, non avendo potuto in questi 33 anni realizzare il film del quale la sceneggiatura era il progetto, la mappa, il libro di bordo, - per mancanza di mezzi finanziari - ho deciso infine (“Meglio avanzare e morire che fermarsi e morire” Gramsci, Quaderni) di farne un libro multimediale che contiene, trascritta in un certo modo, la sceneggiatura stessa.

Eccone l’incipit, la Scena Prima.

Casa tra gli alberi al lago. Esterno e Interno. Una bella mattina il Sole comincia a illuminare la Terra ma i raggi della stella ancora non hanno raggiunto il pianeta – che si trova per ciò, per una manciata di minuti nella condizione che Leonardo definiva ‘luce senz’ombra’.

Lenta panoramica da sinistra a destra dalla sommità di una collina nel territorio boschivo di Bassano Romano: sono inquadrati in successione (col respiro ampio e lento, con l’incanto commosso, dei quali è soffuso l’incipit dei Promessi Sposi: “Quel ramo del lago di Como che volge a mezzogiorno tra due catene non interrotte di monti…”) Monte Guerrano groppa di bisonte, Rocca Romana piramide rotonda, la conca del lago di Bracciano coronata in alto dalla striscia di terra che dalla Tuscia arriva al Mare Tirreno e in basso da Valle Mola, Monte Termine mandria di buoi.

Stacco.

Adesso ci troviamo all’interno della casa tra gli alberi al lago, alle spalle di un adolescente che, affacciato ad una finestra del piano sopraelevato di quella casa, contempla ciò che abbiamo appena visto con i suoi occhi.
Qualche secondo.

L’adolescente sente dietro di sé un fruscio, si volta e vede:

Un uomo che lo guarda.

Adolescente (fuori campo): Buon giorno, papà.

Uomo: Buon giorno per tutto il giorno, Eftimios! Hai già fatto colazione?

Eftimios (fuori campo): Sì, grazie… ho dormito poco stanotte…

Come seguito dallo sguardo del padre, Eftimios si stacca dalla finestra, si avvia verso una scala interna, la risale con passo vagamente incerto, scompare alla vista.
Qualche secondo.

Con gli occhi del padre avanziamo verso la scala, la risaliamo anche noi, in cima ecco un breve corridoio, a destra una porta aperta, ci affacciamo sulla soglia, ecco Eftimios disteso sul letto, lento zoom in avanti sul suo volto, tiene gli occhi chiusi, ora li apre ci guarda, li chiude. Intravediamo i suoi occhi muoversi sotto le palpebre.
Qualche secondo

Vediamo e sentiamo ciò che vede e sente nel dormiveglia:
https://www.youtube.com/watch?v=rjsmE7gZj20

Questa è dunque la Scena Prima della sceneggiatura di Luce senz’ombra, trascritta in questo libro multimediale in maniera linguisticamente diversa dal dattiloscritto originario del 1987, per la semplice ragione che negli Anni Ottanta e Novanta del Novecento io pensavo e scrivevo e facevo cinema in maniera linguisticamente diversa da come lo faccio oggi - ed ho cominciato a fare dagli inizi del Duemila:
https://www.youtube.com/watch?v=jEJpNn1p-Zk

Negli Anni Dieci e Venti del Duemila, infatti, sperimentatore e innovatore per natura come sono, ho pensato e scritto e fatto un nuovo genere di cinema – dico ‘nuovo’ rispetto al genere di cinema che ho realizzato nel Novecento, e cioè al ‘cinema di poesia’ o ‘realistico soggettivo’, e precisamente quello chiamo ‘cinema androgino’ o ‘cinema cappuccino’:
https://www.youtube.com/watch?v=bxJe0bNAPac

Ma diciamo altre due parole, sulla distinzione linguistica tra ‘cinema religioso’ e ‘cinema ateo’, che tanto mi appassiona come artista laico, ed essere umano che aspira alla “mondanizzazione e terrestrità assoluta” del pensiero e dell’azione (Gramsci, Quaderni). Nel 2011 ho realizzato un documentario autocritico dal titolo Con questa mia vengo a dirti, e per questo documentario ho girato una serie di video brevi, uno dei quali ha per titolo ‘per un cinema ateo’:
https://www.youtube.com/watch?v=ey3Ay90atjc&t=2s

***

L'insieme del libro multimediale, mano a mano che saranno resi pubblici i suoi singoli capitoli, andrà componendosi nel sito-rivista Fulmini e Saette e precisamente qui: http://www.fulminiesaette.it/modules/news/article.php?storyid=5067

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti