Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

iLibrieleNotti : La Vita Nuova. Capitolo 15
di fulmini , Sun 28 January 2018 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Capitolo 15. L'Umanesimo.


Il Rinascimento esprimeva nell'arte una concezione intellettuale e morale (conosciuta di seguito come Umanesimo) che si stava sviluppando grazie a un gruppo di scienziati, filosofi e letterati.
L'Umanesimo, avviato da alcuni saggisti e scrittori europei (Machiavelli, Pico della Mirandola, Erasmo da Rotterdam, Thomas More, Juan Luis Vives, Montaigne - tra gli altri), si estese rapidamente, giungendo a costituire un autentico movimento culturale.
Gli umanisti non solo pensarono e fecero conoscere una nuova concezione dell'uomo, bensì essi stessi come individui erano l'espressione vivente di un modo originale di essere uomo, che per la sua forza e prestanza esercitava una grande attrazione fra i giovani intellettuali. Gli umanisti preconizzarono e personificarono un nuovo 'tipo umano'.


Una grande riforma intellettuale e morale.

L'Umanesimo costituiva in se stesso una grande trasformazione del pensiero e delle credenze, della morale e dei costumi.
L'essenziale di questo movimento consisteva nel porre l'essere umano al centro del mondo. Questo era un cambiamento radicale rispetto alla concezione dominante nel Medioevo, che faceva girare gli uomini intorno a un centro di gravità assoluto costituito dalla divinità. Dal teocentrismo si passava all'antropocentrismo.
Questo implicava che le risposte a tutte le domande e le soluzioni ai problemi non si dovevano più cercare nella religione e nella teologia, bensì dovevamo cercarle noi esseri umani attraverso l'esercizio della ragione.


L'uomo secondo Leonardo.

(Foto e Video) Leonardo da Vinci, Uomo vitruviano, 1490 - 9 minuti 16 secondi
Centralità dell'uomo nella natura razionale, espressa dalla geometria.

Uomo vitruviano
https://www.youtube.com/watch?v=T6xKT0uhnwM


La creazione dell'individuo.

Ciò che veramente realizzò l'Umanesimo fu la creazione dell'individuo.
L'individuo come soggetto, ovvero ogni uomo e ogni donna intesi come persone indipendenti, che devono rendere conto a loro stessi, che valgono ciascuna per se stessa, e non soltanto per l'inserimento in una famiglia, in una religione, in una corporazione o gruppo o categoria sociale.
Appare per la prima volta nella storia l'individuo umano come soggetto che ha interessi individuali legittimi, che ha diritti i quali gli devono essere riconosciuti socialmente, che può intraprendere liberamente attività economiche, che può avere un pensiero proprio.


La ricchezza, il potere, il piacere, la fama.

Insieme alla promozione dell'individuo come soggetto di interessi e diritti inalienabili, si configura una nuova morale. Si relativizzano le norme e i valori tradizionali, e si spalanca alle persone un orizzonte di esperienze nuove, attraverso le quali possono dare un nuovo senso alla vita.
Questo si manifesta, concretamente, nel valorizzare ciò che fino ad allora era proibito e punito: la ricerca dell'arricchimento individuale, il godimento del piacere dei sensi, l'ambizione del potere e le ansie della fama.
Tutto questo, che prima era giudicato come 'vanità delle vanità', ora era apprezzato e cercato, senza che ciò implicasse una condanna morale.
Così si stabilì la ricerca della ricchezza, del potere, del piacere e della fama come le principali motivazioni dell'individuo moderno.


Civiltà nuova, musica nuova.

(Video) Claudio Monteverdi, Toccata d'Orfeo, 1607 - 4 minuti 25 secondi
Si forma l'individuo moderno, nasce il teatro musicale moderno - il melodramma.
https://www.youtube.com/watch?v=Fb7D9BOmj9M


"Le idee non cadono dal cielo."

Ponendo l'uomo al centro dell'universo e innalzandolo a valore supremo, l'Umanesimo fece della verità il frutto della conoscenza umana.
Fu questo il cambiamento dei cambiamenti, la grande trasformazione che diede origine alla scienza moderna: pensare che la conoscenza vera non è un regalo divino che premia la santità degli eletti, né qualcosa di criptato in esoterici messaggi e in oscuri simboli che soltanto alcuni possono interpretare.
Gli esseri umani hanno in loro stessi la capacità di accedere alla conoscenza della realtà, scoprire il significato delle cose, dare senso alla propria vita e al mondo.


Il valore dei sensi e la forza della ragione.

Secondo l'Umanesimo sono due - e soltanto due - le potenze cognitive: i sensi del corpo e la ragione della mente. Tutta la scienza e tutta l'arte si devono costruire impiegando queste due potenze naturali.
I sensi ci permettono di percepire la realtà obiettiva. Essi sono perfezionabili e potenziabili mediante strumenti che può produrre l'ingegno umano, e possiamo confidare nelle informazioni che ci offrono.
La ragione naturale ha luci proprie, e mediante l'induzione e la deduzione, il ragionamento filosofico e il calcolo matematico, perveniamo alla conoscenza delle leggi naturali e della verità scientifica.


L'uomo secondo Michelangelo.

(Video e Foto) David, 1501/4 - 1 minuto 30 secondi
Esaltazione della ragione (testa grande) e dei sensi (mani grandi).
https://www.youtube.com/watch?v=vA822InTG4w

David

Faccio notare come Leonardo da Vinci, ossessionato dalla proporzionalità vitruviana, in questo suo disegno del David di Michelangelo proporziona la testa e le mani della figura, da Michelangelo volutamente sproporzionate - vedi video.


L'età della ragione.

Gli umanisti pensarono che l'umanità avesse vissuto fino ad allora in un'età infantile, credendo in miti e lasciandosi guidare da venditori di illusioni e falsi messaggi.
Era ora di finirla d'essere bambini docili e creduli; era tempo di crescere, e come adulti, confidare nelle proprie capacità ed essere guida di se stessi.
Questa nuova fase storica alla quale doveva elevarsi l'umanità la chiamarono 'l'età della ragione'. Nell'età della ragione, qualsiasi credenza o sapere che pretendiamo di possedere o che pretendono di inculcarci, devono essere sottomessi alla verifica dei sensi e al giudizio della ragione. Gli umanisti non negano la religione, ma la sottomettono al giudizio della ragione.

---

L'insieme dell'opera, mano a mano che saranno resi pubblici i singoli capitoli, andrà componendosi nel mio sito ufficiale e precisamente qui: http://pasqualemisuraca.com/sito/index.php/scienza/196-la-vita-nuova-versione-multimediale.html?start=1

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 26/5/2020 18:34  Aggiornato: 27/5/2020 11:41
Autore: fulmini

Arricchimenti. Nicola Cusano e Pico della Mirandola filosofi dell'Umanesimo: cos'è l'uomo? come costruire la pace? https://www.youtube.com/watch?v=DvMzSK8anHQ