Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Poltergeist : Il male che viene dallo schermo
di nefeli , Sun 29 October 2017 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Il male che viene dallo schermo, di Nefeli Misuraca
http://ilmanifesto.it/storia/il-male-che-viene-dallo-schermo/

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 29/10/2017 12:29  Aggiornato: 29/10/2017 12:29
Autore: fulmini

Nelle epoche di crisi di civiltà, Nefeli, gli umani si dividono ancora di più del solito. La gran parte degli umani cerca disperatamente di essere inferiore a se stessi. Una parte piccola prova superbamente di superarsi fino alla fondazione di un mondo nuovo, di una nuova civiltà. Poi, in mezzo, come un mercoledì, stanno coloro che cominciano e non finiscono, volevano ma non possono, desideravano cambiare il mondo e si contentano che il mondo non cambi loro. Loro si lavano le mani e si appartano, come Ponzio Pilato.
Inviato: 30/10/2017 19:52  Aggiornato: 30/10/2017 19:52
Autore: fulmini

(Giuliano non riesce a pubblicare un suo commento a questo articolo di Nefeli, mi chiede di farlo io - ecco fatto- Pasquale)

Interessante, la prospettiva e la realtà
La fotografia è una rappresentazione bidimensionale di una scena reale a 3 dimensioni. La prospettiva può essere definita come la rappresentazione del senso di profondità, relazioni di spazio tra gli oggetti ed il rapporto delle loro dimensioni rispetto al punto di vista di chi le osserva. Che cosa vede chi guarda? Se la prospettiva è centrale e la macchina è all'altezza dell'occhio di chi fotografa, chi guarda vede la realtà, un oggetto distante appare più piccolo come visto dall'occhio umano. Si può cambiare il punto di osservazione, quindi cambiare la prospettiva mettendo la macchina in alto, in basso, lateralmente. La prospettiva può diventare ingannevole, fotografare dal basso verso l'alto mostra il soggetto più alto di quello che è. Dall'alto verso il basso accade il contrario. Fotografia dall'alto: se nella foto io sono in primo piano ripreso dalla cintola in su e Pasquale sei, sette metri più lontano, l'amico Pasquale sembra più piccolo di me. Nella realtà è il contrario.
Giuliano Cabrini