Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

i nostri inviati : Orto genovese (1)
di unviaggiatore , Sat 16 September 2017 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

orto genovese nel Sestiere Oregina

Giuliano Cabrini, Genova, Orto del Sestiere Oregina - settembre 2017

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 17/9/2017 5:06  Aggiornato: 17/9/2017 6:37
Autore: unviaggiatore

Nel mio quartiere c'erano molti spazi verdi, quindi molti orti. Poi in quegli spazi sono state costruite case e gli orti sono spariti. Nell'orto di Giuan c'era un fico e noi bambini ci arrampicavamo sull'albero a prendere i fichi, più che il piacere di mangiare i frutti il piacere di rubare, di fare furbescamente una cosa proibita. Stavamo attenti per non essere visti e ridevamo immaginando la faccia di Giuan che si chiedeva chi prendeva i suoi fichi.
Un giorno, sotto l'albero abbiamo trovato un cesto pieno, abbiamo sentito la voce di Giuan dietro di noi: Bambini, non salite sull'albero, l'albero di fichi è traditore salite su un ramo, il ramo si rompe, cadete e vi fate male. Prendete quelli nel cesto. Giuan sorrideva ma noi da quel giorno non siamo più andati nell'orto, non c'era gusto a prendere fichi in modo così facile.
Giuliano Cabrini
Inviato: 17/9/2017 7:30  Aggiornato: 17/9/2017 7:30
Autore: fulmini

Memorabile, Giuliano. Sei bravo come fotografo, come commentatore (con la t di Torino - si capisce, non con la d di Duomo), ma soprattutto come... ladro!
Pasquale