Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

apologetica : Adamo era androgino?
di unviaggiatore , Mon 19 June 2017 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Adamo era androgino?

Sappiamo che il racconto della creazione non è la mera descrizione dei fatti così come sono avvenuti, è un'allegoria. Che cos'è un'allegoria? Una figura retorica che, attraverso le parole, esprime un concetto diverso da quello che è il contenuto logico delle parole, ovvero in altro modo, attraverso i simboli. L’allegoria è il racconto di una azione che dev’essere interpretata diversamente dal suo significato apparente. E' suscettibile di una discussione critica per la sua interpretazione, si presta quindi a diverse letture. Abbiamo ora il problema della traduzione, se il traduttore usa una parola piuttosto che un'altra e il lettore non conosce la lingua originale del testo, se quella parola cambia anche solo in parte il suo significato nel tempo, è difficile una lettura critica.

Dio soffia (nefesh) nelle narici di Adamo e gli da la vita, poi leggiamo l'anima vivente, infine, sotto l'influenza ellenistica l'anima. La vita è mortale, l'anima è eterna.

Nella genesi leggiamo “Dio creò l'uomo a sua immagine, maschio (ish) e femmina (ishshah) lo creò. In forma chiastica “ maschio e femmina li creò, a immagine di Dio” in questo modo troviamo in parallelo la bipolarità sessuale, oltre a questo nella tradizione sacerdotale (VI secolo a.C.) non troviamo le parole ish e ishshah ma troviamo zakàr e neqebàh che sono un esplicito riferimento agli organi sessuali maschile e femminile.

Alcuni studiosi hanno pensato che Adamo sia stato creato sia maschile che femminile, Genesi 01:27, e che Dio abbia rimosso letteralmente la parte femminile di Adamo.
Tsela
La parola “tsela” appare circa 40 volte nelle scritture e viene generalmente tradotta con fianco, parte, metà.
Perché i traduttori biblici scelgono di tradurre la parola ebraica tsela con costola quando si riferisce alla formazione di Eva da Adamo in Genesi 2:22? Questa parola non è mai tradotta come costola tranne qui.
Gen 32:32; Es 25:12, 14; 26:20, 26s, 35; 27:7; 30:4; 36:25, 31s; 37:3, 5, 27; 38:7; 2Sam 16:13; 21:14; 1Re 6:5, 8, 15s, 34; 7:3; Gb 18:12; Sal 35:15; 38:18; Ger 20:10; Ez 41:5s, 11, 26; Mic 4:6s; So 3:19.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti