Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 BREXIT - economia di solidarietà - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

economia di solidarietà : BREXIT
di luisrazeto , Sat 25 June 2016 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

A propósito del BREXIT.

Recuerdo que, en los años 1974-1980, viviendo en Italia, trabajando con Pasquale Misuraca en lo que llamamos "nueva ciencia de la historia y de la política" para la creación de una nueva civilización (elaboración que dió lugar a dos libros que publicamos después en español con el título LA TRAVESÍA), decíamos que el proceso tendiente entonces a formar la Unión Europea, iba en la dirección de la nueva civilización en cuanto orientado a superar los nacionalismos; pero que se mantenía anclado en los marcos de la civilización moderna en crisis, porque era un proyecto protagonizado por los Estados y no por los pueblos y la sociedad civil, y que se mantenía en el modelo político estatalista, de crear un sistema burocrático-representativo aplicando a la UE el mismo modelo de organización de los Estados. Sostuvimos que se requería inventar una "nueva forma unificante", para lo cual era necesaria la nueva ciencia de la historia y de la política. Creo que la molestia que existe no sólo en el Reino Unido sino en muchos países europeos con la Unión Europea, es debida precisamente a que la tendencia a darle a esa Unión la forma estatal (que implica que además del estado nacional pesa sobre los ciudadanos un estado mayor) se ha venido acentuando.

Luis Razeto

A proposito dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

Negli anni 1974 – 1980, lavorando con Luis Razeto a ciò che chiamavamo “nuova scienza della storia e della politica” per la creazione di una nuova civiltà dalle ceneri della vecchia civiltà moderna, scrivevamo che il processo tendente a formare l’Unione Europea andava nella direzione della nuova civiltà in quanto orientato a superare i nazionalismi; ma che si manteneva ancorato nel quadro della vecchia civiltà moderna in crisi, nella misura in cui era un progetto guidato dagli Stati e non dai popoli e dalle società civili. Tale processo restava impigliato nel modello politico statalista, di creare un sistema burocratico-rappresentativo applicando all’Unione Europea lo stesso modello di organizzazione degli Stati. Sostenevamo che occorreva inventare una “nuova forma politica unificante”, per la quale era necessaria la nuova scienza della storia e della politica. Penso che il disagio esistente non solo in Gran Bretagna ma anche in molti paesi europei nei confronti dell’Unione Europea, sia dovuto precisamente al fatto che la tendenza a dare a questa Unione la forma statale (ciò implicando che oltre allo stato nazionale pesa sui cittadini uno stato sopranazionale) si sia venuto accentuando.

Pasquale Misuraca

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 16/7/2016 18:34  Aggiornato: 16/7/2016 18:34
Autore: fulmini