Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

leOpereeiGiorni : Maria e Maddalena
di fulmini , Sun 26 November 2006 8:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Dialogando l’altro ieri con Stefania ( www.squilibri.splinder.com ) intorno a una cartapesta del Sansovino,

cartapesta di Jacopo Sansovino


ho pensato alle “Madonne Distratte” della pittura italiana - accennando alla Madonna dei Pellegrini del Caravaggio. Ieri sono andato a rileggere una nota stesa l’estate scorsa su quel quadro. Oggi pubblico quella nota e lascio a voi, amica e amico navigatori, il commento.

"Qualche tempo fa (sto scrivendo alla fine del giugno 2005) sono andato a vedere la Madonna dei Pellegrini del Caravaggio, che sta nella chiesa di Sant’Agostino, tra Piazza Navona e il Tevere. E non mi hanno colpito le famose sporche piante dei piedi del pellegrino di spalle in primo piano, bensì l’enormità del Bambino e la distrazione della Madonna.

Osservo attentamente il quadro, che sta al centro della prima cappella a sinistra, entrando. Sulla destra, in basso, un uomo e una donna, pellegrini, inginocchiati, di profilo, le mani giunte sollevate, i bastoni di viandanti appoggiati alle spalle, gli occhi rivolti in alto, di lato, verso il Bambino. Due viandanti pellegrini, poveri, popolani, dipinti con i terrestri colori delle terre. A sinistra, issata sopra una soglia erta, alta quanto la base di un piedistallo, una giovane donna che regge quel Bambino. Lo sostiene a fatica: il bambino è enorme. Sproporzionato. Sembra un bambino di diciotto-venti mesi, ma è enormemente grande quanto un ragazzo di otto-nove anni. Grande, lungo, affusolato, elegante, ricambia lo sguardo dei due pellegrini, specialmente della vecchia donna, e solleva un braccio, una mano, un dito indice, verso di lei, mentre i suoi piedi galleggiano nell’aria, nuotano nell’ombra. Le mani della giovane donna che lo reggono a stento sono delicate, disegnate, come delicato e disegnato è il panno bianco che protegge la tenera pelle del gran bambino. Panno bianco bianchissimo, diverso diversissimo dal bianco grigio della cuffietta torta di lei e della sbuffata camicia di lui pellegrini. Il Bambino, sebbene nuoti e galleggi nell’aria e nell’ombra, pesa evidentemente, e la mano della giovane donna che lo regge dal basso è gonfia dallo sforzo, e i piedi di lei si incrociano, e un ginocchio avanza per fare da puntello. In alto, le spalle di lei giovane si inclinano, il collo si piega, e il suo volto è tutto preso non però dallo sforzo, non dalla circostanza, non dal contesto, ma da un pensiero assorbente che la porta lontano, dai pellegrini, dal Bambino, da noi che siamo rapiti dalla sua bellezza, dalla sua grazia, dalla sua distrazione. Tra noi astanti in piedi e lei non c’è che il Bambino. Non ci fosse, sarebbe una giovane donna greca o romana scolpita da un epigono di Fidia o di Prassitele.

Ecco, questa giovane donna sembra appartenere ad un altro mondo rispetto al mondo dei due pellegrini, e persino del Bambino, un mondo privo delle ombre in cui la scena è immersa, ombre profonde, davanti a noi che assistiamo. Ma a che cosa stiamo assistendo? Davanti a qualcosa come una nicchia alta sopra un piedistallo c’è un bambino, inquietante, sproporzionato, anticlassico per la sua età di bambino, e ai suoi piedi stanno due classici popolani inginocchiati. Il bambino è Gesù bambino? E la giovane donna che lo regge a stento, classica, arciclassica, bella, distratta, proteggendolo con un delicato panno bianco, vestita di una fine gonna viola e una ricca tunica rosso velluto e d’un drappo profondo blu, è la Vergine? Ma chi era questa modella nella realtà?

La modella che ha posato per il Caravaggio si chiamava Maddalena. Faceva di professione la cortigiana. E Caravaggio – racconta una leggenda - l’aveva portata con sé in Sant’Agostino (chiesa prediletta eletta dalle cortigiane del Seicento a Roma) quando si era rifugiato dentro le sue mura per sfuggire alle conseguenze dell’omicidio del padre di una sua amante. Maddalena. Nomen omen. Una Maddalena. La Maddalena della Galleria Doria Pamphilij è triste perché (come ha mostrato e dimostrato Nefeli - www.nefeli.ilcannocchiale.it - una che la sa più lunga di me sul Caravaggio) priva del bambino, di un bambino, è una donna senza bambino, forse lo ha perso, forse non può averlo, forse teme di non poterlo avere, un bambino. E’ triste perché è senza. E questa Maddalena, che il bambino ce l’ha, perché è triste? Non è suo, il bambino? Il suo bambino è senza padre? O lei l’ha voluto contro tutti, questo bambino, contro i suoi clienti, persino contro i suoi genitori, ed ora che sua madre e suo padre stanno davanti a lui e lei, venuti dalla campagna, dalla provincia, lei pensa non più al bambino, ai clienti, a loro, pensa a qualcun altro, ed è assorbita dalla tristezza.

interno di Sant'Agostino a Roma


Ma com’era la chiesa di Sant’Agostino al tempo in cui Caravaggio dipinse il quadro? Nella chiesa si trova un gruppo scultoreo del Sansovino, Sant'Anna, Vergine, Bambino - celeberrimo a quei tempi in Roma e fuori, meta di pellegrinaggi e di feste di poeti. Eccolo, il gruppo marmoreo, di fronte a me, appoggiato ad un pilastro centrale della chiesa, su un alto piedistallo. Lo osservo, e nel mio campo visivo, a sinistra, in fondo, sta la Madonna dei Pellegrini del Caravaggio. Penso che Caravaggio ha dipinto il quadro per Sant’Agostino che già ospitava il gruppo marmoreo. E ancora che Caravaggio dialogava sempre con ciò che accadeva intorno a sé: idee del tempo suo, opere artistiche e letterarie, strutture architettoniche. E osservo attentamente. Il bambino del Sansovino dialoga con Sant’Anna (una vecchia), come il bambino del Caravaggio con la vecchia pellegrina. Ma il bambino del Sansovino è perfettamente proporzionato. La Vergine del Sansovino è presa da un pensiero, come la Maddalena del Caravaggio – ma quella in fondo a sinistra si torce allontanandosi dal bambino sproporzionato, questa di fronte in alto guarda all’infinito sulla sua testa. Si somigliano questa Vergine e quella Maddalena, due giovani matrone della antica Roma dotate di un volto greco antico, eppure questa Vergine è serena e tonda e protetta dalla vecchia e tiene comodamente il bambino in grembo, mentre quella Maddalena è tesa e affaticata e regge a stento il bambino e nessuno la protegge. I due in basso si limitano ad adorarla."

gruppo scultoreo di Sansovino

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 12/1/2009 11:30  Aggiornato: 12/1/2009 11:30
Autore: fulmini

Ho aggiunto due foto al post. Ma non è finita qui.
Inviato: 7/9/2019 18:46  Aggiornato: 7/9/2019 18:46
Autore: fulmini

Questo dipinto, all'inizio rifiutato dagli Agostiniani per via di quei piedi sporchi dei pellegrini per cui, come dice Bellori "si fece gran romore", è tuttora al suo posto nella chiesa per la struttura intrinseca delle figure che racconta della dottrina della grazia che passa non dalla Vergine ma direttamente da quel Cristo di carne e sangue, così terreno e disposto sulla diagonale dei corpi dei fedeli. I piedi del bambino stanno per toccare le mani del fedele in primo piano, nell'atto di passare la grazia attraverso, appunto, i piedi scalzi che attraversano il cammino (com'era prassi) fino al santuario.

Nefeli Misuraca