Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Gesù : Il Regno di Gesù
di fulmini , Sun 10 May 2015 3:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Ieri è uscita, su 'Alias', la mia recensione all'ultimo libro di Emmanuel Carrère. La ripubblico qui per i lettori del sito-rivista.

Intrecciando abilmente conti autobiografici degli ultimi anni e un verosimile racconto dei primi anni del cristianesimo, Emmanuel Carrère ha scritto un sapido libro: 'Il Regno' (Einaudi 2015).

Ricco di notazioni intelligenti sui vangeli come opere letterarie. E su Luca e Giovanni come scrittori. E Paolo organizzatore-teologo. E Giacomo, “diventato, sulla base di un puro principio ereditario, uno dei grandi personaggi della Chiesa delle origini”. E Maria Maddalena, “la prima a parlare della resurrezione di Gesù, e forse, in questo senso, quella che ha inventato il cristianesimo”. E altri ancora. Grazie.

Naturalmente Carrère parla anche di Gesù, in maniera inverosimile però – in quanto non distingue Gesù di Nazaret, la figura storica, da Gesù il Cristo, la figura mitologica (costruita proprio da Luca e Giovanni e Paolo eccetera): “Non si saprà mai chi era veramente Gesù né che cosa veramente abbia detto”, dal momento che lo conosciamo attraverso “intermediari, che hanno ricoperto le sue parole di spessi strati di leggenda e di teologia.”

Limitazione effettiva solo in parte – come, del resto, per i presocratici, e per Socrate stesso. La ragione maggiore della fuorviante rappresentazione di Carrère sta secondo me nella sua idea di Gesù come-Misterioso-Autore-del-Regno-come-Mondo-all’Incontrario. “Gesù diceva: Non abbiate bambini. Lasciateli venire a voi, fatevi ispirare dalla loro innocenza, ma non abbiatene. Amate tutti i bambini in generale, non un bambino in particolare. E perfino voi, soprattutto voi, non amate voi stessi. È umano volere il proprio bene, voi non dovete volerlo. Diffidate di tutto ciò che è normale e naturale desiderare: famiglia, ricchezza, stima da parte degli altri, rispetto di sé. Preferite l’afflizione, la disperazione, la solitudine, l’umiliazione. Considerate cattivo tutto ciò che la gente giudica buono, e viceversa.”

Così facendo Carrère riduce il progetto di Gesù a quello della trasvalutazione di tutti i valori. Come fosse un Nietzsche ante litteram, o un Gran Bastian Contrario. Ma l’idea del Regno (come ho mostrato nel Vangelo laico secondo Feliciano) non è fondata sull’opposizione, bensì sulla costruzione - di una nuova unità tra teoria e pratica, tra privato e pubblico. Questa costruzione di una nuova unità intellettuale e morale è fuori della portata dei fedeli e degli scettici. E Carrère oscilla, così nella vita come nel libro, tra queste due posizioni reciprocamente esclusive.

Il Regno, per il Gesù immaginato dai cristiani, Gesù il Cristo “Figlio di Dio”, è il “Regno dei Cieli”, è l’Altro Mondo. Invece, per Gesù di Nazaret, che si autodefiniva “figlio dell’uomo’, il Regno è la vita umana piena e completa qui e ora, come egli stesso mostra con le sue azioni (quelle effettivamente compiute) e dice con le sue parole (quelle effettivamente dette), e lo è nella misura in cui unifichiamo io e noi (“Siate perfetti come è perfetto il Padre celeste”), teoria e pratica (“Perché mi chiamate Maestro e non fate quello che dico?”), previsione e visione (“Il Regno non viene in modo da attirare l'attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il Regno è in mezzo a voi!”).

Pasquale Misuraca

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 10/5/2015 3:14  Aggiornato: 10/5/2015 3:14
Autore: fulmini

Ricevo via email da Antonino Drago un grazie per questo articolo e un notevole testo intorno ai Vangeli e gli uomini e le donne. Ne faccio partecipi i lettori del sito-rivista.

LE BEATITUDINI AL FEMMINILE, O ANCHE A COPPIE

Per spiegarmi meglio, subito riporto le beatitudini di Matteo (5, 1-10), lette nel senso del titolo:

Beate quelle, che in virtù dello Spirito, stanno lontane dalla ricchezza,
perché di esse è la ricchezza dei rapporti comunitari;
Beati quelli che rifuggono dalle violenze,
perché con essi continuerà la Vita;
Beate quelle che di fronte alle prepotenze piangono,
perché verranno consolate;
Beati quelli che non tollerano le ingiustizie,
perché saranno immersi nella Giustizia.
Beate quelle che si piegano alla misericordia verso gli ultimi,
perché per prime riceveranno misericordia;
Beati quelli che migliorano la vita sociale senza interessi ed ambizioni,
perché vedranno Dio;
Beate quelle che fanno superare i conflitti,
perché saranno chiamate figlie di Dio in Terra;
Beati quelli che lottano contro le ingiustizie fino al sacrificio personale,
perché con essi si rappresentano in Terra i rapporti trinitari di Dio.

Ho semplicemente messo al femminile i pronomi “quelli” a quelle Beatitudini che vediamo più spesso realizzate nelle donne. In questo modo: 1) il femminile viene riconosciuto anche nel massimo insegnamento del Vangelo; 2) nelle otto Beatitudini sono presenti sia il femminile che il maschile; 3) i due generi si alternano tra loro in piena parità; 4) e, così come è nella vita umana, formano coppie ben assortite (come il lettore può constatare rileggendo le Beatitudini due a due). Questo è un insegnamento su come affrontare e risolvere il primo di tutti i conflitti umani, quello nel rapporto uomo/donna. Con ciò le Beatitudini di Matteo danno la prova che i loro suggerimenti su come affrontare gli altri conflitti (compresi quelli con la struttura della società), rappresentano il metodo più sapiente.

Debbo precisare alcuni punti del testo su suggerito. La sequenza di coloro che ricevono le Beatitudini forma una progressione: si passa da chi è in uno stato di povertà, a chi si impegna nella vita interiore (rifuggire, reagire col pianto, non tollerare) e, dalla quinta in poi, a chi si impegna prima nei rapporti interpersonali (avere misericordia per altri) e infine nei rapporti sociali (fare la pace, combattere per la giustizia). Ma allora la sesta Beatitudine non deve essere intesa come intimistica (“puri di cuore”), ma come un impegno sociale; deve indicare quelli che “operano per la società”. Solo così la sequenza delle Beatitudini indica un preciso cammino di crescita pedagogica, sul quale ciascuno/a può misurarsi.
Le altre varianti sono facili chiarificazioni del testo originale.

E’ invece necessaria più attenzione per vedere che tutto il linguaggio delle Beatitudini di Matteo è proprio al femminile. Iniziamo chiedendoci: come si può crescere alla vita superterrena? Per rispondere, guardiamo la Beatitudine Gesù: di fronte al mondo, che è negativo perché è la negazione del regno di Dio, egli lo ha negato (come spiega bene San Paolo (1Cor 1, 18-31; 4, 10-13; di ricambio, il mondo nega Lui, cioè dice che è una follia il Suo accettare la croce). Le Beatitudini suggeriscono, sull’esempio di quanto Gesù ha fatto, le tante maniere di vivere in alternativa al mondo. In termini pedagogici, invitano coloro che sono di fronte alle malattie del mondo a negarle per mezzo della loro vita (o almeno, di alcuni loro atti vitali); cioè, a negare le negazioni di Dio in Terra.
Abbiamo ottenuto uno schema linguistico (la doppia negazione) che fa capire concettualmente come si può uscire dal materiale fino a trascendere nel mondo spirituale. Da quasi un secolo la logica matematica ha chiarito che se una frase doppiamente negata è equivalente alla corrispondente frase affermativa (ad es. “Non sono malato” = “sto bene”) allora siamo nella solita logica classica; ma se non è equivalente (perché la affermativa risulta astratta, o diversa dalla prima; ad es. “rifuggono dalle violenze = imbelli, incapaci, mti di nascita, ecc.), allora siamo nella logica non classica; cioè siamo in una maniera interamente diversa di ragionare. Si capisce bene questa differenza di logiche notando che ogni istituzione maschilista sopprime le doppie negazioni, tutto è sì o no (nella caserma: gli ordini sono senza dubbi; nell’esercito o si è amici o nemici; nella scienza dominante tutto è o vero o falso; i linguisti dell’impero coloniale più esteso della Terra e più duraturo nella storia, l’inglese, addirittura esorcizzano le doppie negazioni come tipiche delle lingue primitive). Così abbiamo ottenuto che ci sono essenzialmente due maniere di ragionare. Allora, siccome il mondo maschile pretende la sicurezza dei sì e no contrapposti, fino all’autoritarismo, possiamo dire che esso è legato alla logica classica; mentre le doppie negazioni, che sono aperte alle novità, in particolare al trascendente, sono appropriate al mondo femminile.
Ma allora le beatitudini di Matteo, che sono tutte a doppie negazioni (sottolineate nel testo), esprimono la logica del femminile. La esprimono anche perché sono organizzate inclusivamente: fanno posto paritario a quelle rivolte all’altro genere. Invece in Luca (6, 20-26) le prime quattro sono miste, ma poi i quattro “Guai!” sono di tipo solo negativo, cioè esprimono la logica maschile di tanti no autoritari ed esclusivi.
Allora gli atti indicati dalle doppie negazioni delle Beatitudini ci fanno fuoriuscire dalla logica del mondo. Ma dove porta questa logica delle Beatitudini? A diventare “Beati/e”. Ma per opera di chi, se noi neghiamo solamente? La prima di Matteo lo dice: “per l’azione dello Spirito Santo” nel mondo; in effetti ogni altra dovrebbe ripetere queste parole, ma tante ripetizioni sarebbero noiose. Allora la parola che inizia ogni Beatitudine (“Beati/e”) dice come lo Spirito Santo ci trasforma quando, come Gesù, abbiamo vissuto le negazioni del mondo. Ma quando saremo beati? Siccome “Lo Spirito soffia là dove [e quando] vuole”, dal punto di vista umano ogni Beatitudine non ha una regola nel tempo; perciò chiede di avere fiducia in Lui.

Ma c’è di più. Cristo ci ha insegnato: “Ama il prossimo tuo come te stesso” tanto da amare anche i nemici. E’ chiaro che esso sintetizza tutto il cammino di crescita suggerita dalle (neg)azioni delle Beatitudini. Ma si noti che nel mondo antico maschilista “amare” significava comportarsi al contrario dei maschi autoritari (e magari militareschi); perciò l’invito di Gesù di amare il prossimo e i nemici, significava comportarsi anche nell’ambito sociale così come le donne si comportavano nella vita privata. Quindi la sintesi delle Beatitudini, “amare”, esprime il femminile.
Però quell’insegnamento è espresso come un comandamento, il che è tipico della logica maschile. Ma si noti che Gesù aggiunge che l’amore nella vita pubblica non è tanto seguire un impulso o un semplice sentimento, ma è un amare equilibrato: “come” se stessi (Mt 22, 39); il che significa né più né meno di se stessi. Questa è una doppia negazione1 (e difatti la prima regola di questo amare è “Non resistete al male [col male]”; Mt 5, 39). Ma allora anche la sintesi delle Beatitudini suggerita da Gesù, amare i nemici, deve potersi esprimere con la logica femminile, con una doppia negazione. Scopriamolo.
Si noti che molti uomini considerano la violenza come naturale e necessaria; mentre le donne, che fisicamente sono più deboli degli uomini e quindi sono soggette a subire la loro violenza, giustamente giudicano la violenza negativamente, come la degenerazione della relazione umana. Ricordiamo che tutte le Beatitudini si riferiscono ai tanti aspetti negativi del mondo; il modo di giudicare delle donne li sintetizza tutti con il male più immediato e destabilizzante che esse possono temere: la violenza. Perciò la logica femminile porta a sintetizzare le Beatitudini con la doppia negazione: Beati/e i/le non violenti/e.
Di fatto, questa espressione è veramente capace di sintetizzare tutte le Beatitudini; perché: 1) riassume quella dei “miti” e quella delle “pacifiche”, perché il significato di queste due parole è chiaramente collegato a quello di “non violenza”; 2) del Cristianesimo Gandhi amava sopratutto le Beatitudini, alle quali si è ispirato nella sua lotta non violenta.
Ma vale anche il viceversa, Nel 1957 Lanza del Vasto, il discepolo occidentale di Gandhi, scriveva che le Beatitudini danno al Vangelo il carattere di Magna carta della non violenza occidentale (I quattro Flagelli, SEI, Torino, 1996, 551-552). Cinquanta anni dopo, nell’Angelus del 16/2/2007 Benedetto XVI ha detto:
Giustamente questa pagina evangelica viene considerata la magna charta della nonviolenza cristiana, che non consiste nell’arrendersi al male – secondo una falsa interpretazione del "porgere l’altra guancia" (cfr. Lc 6, 29) – ma nel rispondere al male con il bene (cfr. Rm 12,17-21), spezzando in tal modo la catena dell’ingiustizia. Si comprende allora che la nonviolenza per i cristiani non è un mero comportamento tattico, bensì un modo di essere della persona, l’atteggiamento di chi è così convinto dell’amore di Dio e della sua potenza, che non ha paura di affrontare il male con le sole armi dell’amore e della verità. L’amore del nemico costituisce il nucleo della "rivoluzione cristiana", una rivoluzione non basata su strategie di potere economico, politico o mediatico. La rivoluzione dell’amore, un amore che non poggia in definitiva sulle risorse umane, ma è dono di Dio che si ottiene confidando unicamente e senza riserve sulla sua bontà misericordiosa. Ecco la novità del Vangelo, che cambia il mondo senza far rumore. Ecco l’eroismo dei "piccoli", che credono nell’amore di Dio e lo diffondono anche a costo della vita.
In effetti, così come Gesù ha introdotto l’impulso femminile ad amare nella soluzione de(i conflitti del)la vita sociale, così Gandhi ha introdotto il criterio femminile di giudizio, cioè la “non violenza”, nella soluzione dei conflitti sociali. Quindi nella storia dell’umanità, tutti e due hanno aperto la strada alle donne per entrare a pieno titolo nella (soluzione dei conflitti della) vita sociale e nella vita spirituale.
Antonino Drago

1. Ancora secondo la logica matematica, il “come”, essendo una parola modale, è equivalente ad una doppia negazione (“non è vero che non sia…”); così lo è un’analogia o una parabola. Quindi il linguaggio delle doppie negazioni (della logica non classica) non è da gruppo minoritario ghettizzato, ma è molto frequente in tutti. Esso è creativo perché suggerisce tante maniere di modalizzare, analogizzare, creare corrispondenze; proprio così come è il linguaggio di Gesù nel Vangelo ed anche quello femminile.