Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

sociografie : Giovanni Berlinguer
di pietropacelli , Tue 7 April 2015 7:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Giovanni Berlinguer è morto la notte scorsa; aveva 90 anni.
Per me è stato un vero maestro; nella politica, all’Università, nella vita.
La sua personalità era non omologabile e non ordinaria; era un uomo semplice, integro, geniale.
In questa occasione dolorosissima per me, voglio ricordarlo con due episodi:
1- Anni settanta: Università di Roma: fui incaricato dalla cellula del Pci di Sociologia di svolgere una relazione sulla Interdisciplinarietà della Scienza; Giovanni partecipò a quella riunione e prese posto tra il pubblico, anche se era già una personalità di alto rilievo nel Pci e nell’Università: tra l’altro era il mio Docente di Sociologia Urbana.
Ascoltò la mia relazione con attenzione, senza distrarsi un attimo; qualche volta annuiva, altre volte assumeva una espressione interrogativa, per me non decifrabile; ad un certo punto, proprio in un passo in cui non mi sentivo tanto sicuro, alzò un dito e mi chiese di spiegare meglio quel passo.
Alla fine della riunione mi chiamò da parte e mi disse che avevo fatto una buona relazione, ma avevo sbagliato ad affrontare un argomento che non mi era del tutto chiaro. Lo ringraziai e tenni bene in mente quella lezione di rigore per sempre.
2- Anni ottanta: Direzione del Pci del Lazio; Giovanni era segretario regionale e, di fronte ad una svolta storica del Pci propose di indire immediatamente assemblee in tutte le sezioni del Lazio e ascoltare la base, senza esprimere, prima, la linea della Direzione; la gran parte dei membri della Direzione si oppose, tutti dissero che dovevamo sì fare le assemblee, ma che era necessario indicare la linea della Direzione. Lui fu intransigente, mise ostinatamente ai voti la sua proposta che fu respinta a stragrande maggioranza: due soli voti a favore: il suo e il mio.
3- Ora che Giovanni se ne è andato, mi piace ricordarlo con questi due episodi, per me molto importanti per la mia formazione, ma anche come lezione di vita.
Vale a dire che non bisogna mai seguire l’onda, mai essere conformisti, mai rinunciare ad esprimere le proprie idee. Esattamente il contrario di quanto sta accadendo oggi nel cosiddetto Partito Democratico del signor Renzi dove il conformismo, la piaggeria e la sudditanza al capo la fanno da padrone.

Pietro Pacelli

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 7/4/2015 7:43  Aggiornato: 7/4/2015 7:43
Autore: fulmini

Husserl, uno della stessa razza di Giovanni Berlinguer, all'allieva Edith Stein disse una volta: "Mi prometta, mia cara, che non penserà mai qualcosa soltanto perché l'hanno pensato altri prima di lei."