Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

lo Stato del meridione : Mafia-Corruzione
di filippopiccione , Tue 10 February 2015 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

In occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2015 tutte le relazioni dei presidenti e dei procuratori generali delle tre magistrature: Corte Suprema di Cassazione e corti d’Appello, Consiglio di Stato e Tribunali Amministrativi Regionali, Corte dei Conti e sue sedi decentrate hanno rilevato la crescente preoccupante presenza dell’intreccio mafia-corruzione.

Sembrava che le nuove categorie ‘Mafia Capitale’ e ‘Mondo di mezzo’ avessero potuto agire indisturbate, non solo a Roma ma in ogni parte del nostro Paese. Un nuovo e consolidato sistema che ha prodotto un’organizzazione delinquenziale di stampo mafioso capace di intimidire e corrompere politici di ogni schieramento.

Il procuratore della Direzione Nazionale Antimafia e il Presidente della Repubblica, ciascuno nell’ambito delle loro rispettive competenze, hanno rilevato la gravità del fenomeno.

Alla luce di quanto sta accadendo, se non si cambia registro nel contrastare l’Antistato, le Istituzioni finiranno per soccombere. Il livello degli scandali e della corruzione cresce in progressione geometrica, mentre l’azione di prevenzione e di repressione dei reati mafiosi cresce in progressione aritmetica.

Non sarà l’unico strumento, ma se chi si macchia del delitto di corruzione e di peculato venisse perseguito con le stesse pene riservate ai mafiosi sarebbe già un passo in avanti.

Filippo Piccione

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 10/2/2015 7:03  Aggiornato: 10/2/2015 7:03
Autore: fulmini

Inviato: 10/2/2015 9:15  Aggiornato: 10/2/2015 9:15
Autore: fulmini

Inviato: 10/2/2015 13:26  Aggiornato: 10/2/2015 13:27
Autore: fulmini

Inviato: 13/2/2015 11:03  Aggiornato: 13/2/2015 11:03
Autore: fulmini

Inviato: 24/2/2015 15:26  Aggiornato: 24/2/2015 15:32
Autore: fulmini

Relazione annuale del procuratore nazionale antimafia

(estrema sintesi)
Al Nord, e in particolare a Milano, la 'ndrangheta ha conquistato una posizione di "predominio, a discapito di altre compagini associative, come quella di origine siciliana". Cosa nostra mantiene il cervello a Palermo. La 'ndrangheta si è specializzata in appalti pubblici, entrando nel privato laddove esiste una partnership pubblico-privato. Gioia Tauro è il porto di approdo della cocaina. Bologna è entrata a far parte dell'elenco delle "terre di mafia". A Roma proliferano le mafie autoctone, come quella di Carminati. Mentre è in corso una indagine sul "protocollo fantasma", sull'ipotesi che alcuni magistrati siano da anni spiati per conto di una misteriosa entità.
Inviato: 3/3/2015 13:14  Aggiornato: 3/3/2015 13:14
Autore: fulmini

Inviato: 4/3/2015 14:32  Aggiornato: 4/3/2015 14:32
Autore: fulmini

Inviato: 29/4/2016 3:40  Aggiornato: 29/4/2016 3:40
Autore: fulmini

Inviato: 21/2/2017 16:49  Aggiornato: 21/2/2017 16:49
Autore: fulmini

Messina Denaro, i boss hanno paura delle microspie. Summit dentro una cella frigorifero.
"Operazione Freezer". Blitz di polizia e Dia ad Alcamo, scattano sei arresti. Il capomandamento è un medico già condannato per mafia, diceva: "Io mezza provincia di Trapani comando".
http://palermo.repubblica.it/cronaca/2017/02/21/news/messina_denaro_i_boss_hanno_paura_delle_microspie_i_summit_dentro_una_cella_frigorifero-158813950/?ref=HREC1-18