Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

lo Stato del meridione : Le mafie oggi
di filippopiccione , Sat 10 January 2015 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

La nozione aggiornata delle mafie, nel libro di un giovane autore

di Filippo Piccione

La definizione di Cosa nostra, che potrebbe valere anche per la ‘ndrangheta, la camorra, la sacra corona unita e la mafia capitale, è tratta dalle considerazioni conclusive di una lunga intervista fatta da un giovane scrittore a un ragazzo catanese pluriomicida, diventato collaboratore di giustizia.

Il libro è di Alessandro Vizzino, intitolato Trinacrime- Storia di un pentito di mafia- Imprimatur editore.

“L’errore più grande che si possa fare parlando di Cosa nostra è di pensare che essa possa essere sconfitta catturandone i capi o i suoi massimi esponenti. C.N. è bensì un serpente senza volto, ammonisce l’autore. Non è un luogo, aggiunge, né ha una forma precisa. E’ un organismo che non si estingue ma che si rigenera. E’ l’incarnazione del lato oscuro dell’uomo, la sua cupidigia, la sete di comando, il denaro facile, la brama di scorciatoie, la volontà di potere e di supremazia nei riguardi dell’altro, dell’ipocrisia di chi preferisce celare la verità dietro cumuli di parole non dette, di circostanze, di esempi di mal costume e di viltà. E’ l’effigie di un popolo che ancora non ha compreso se stesso, incapace di fraternizzare, e di riconoscersi, prima ancora che in una bandiera, in un unico afflato. Un popolo guappo che ha sconfessato le sue origini e per troppo tempo la propria sopravvivenza, praticando il sotterfugio.

Non basteranno dieci Falcone, cento Borsellino, migliaia di pentiti. C.N. morirà quando tutti noi italiani sapremo scacciarla dalla nostra mente e dalle nostre abitudini, dalla nostra ancestrale cultura, consci che un pezzo di essa è purtroppo dentro ciascuno di noi”.

Ognuno può commentare come vuole le parole sopra riportate. Scrittori ed esperti, senza nulla togliere ad Alessandro Vizzino, hanno cercato con grande efficacia di spiegarci la natura, l’origine e l’evoluzione della criminalità organizzata. Altri hanno indicato i mezzi più efficaci per contrastarla. Altri ancora si sono e si stanno adoperando, in primis la magistratura e le forze dell’ordine, per impedirne la sua espansione. Tutto questo è servito a rendere più consapevoli i cittadini circa la pericolosità del connubio sempre più stretto fra fenomeno mafioso e corruzione che, come sta dimostrando la vicenda romana, pare sempre più difficile combattere e arginare.

Forse ha ragione l’autore. Dobbiamo essere “consci che un pezzo di C.N. è dentro ciascuno di noi”. Una riflessione o una constatazione che, per certi versi, possiamo accettare. Ma il problema è se, come e quando si deciderà di farla finita con la malavita organizzata, la corruzione e la cattiva politica.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 10/1/2015 9:45  Aggiornato: 10/1/2015 9:46
Autore: fulmini

Caro Filippo, è una considerazione condivisibile, questa di Alessandro Vizzino.

In questi giorni segnati dalle sparatorie in Francia, in cui alcuni giovani francesi uccidono altri francesi, non riconoscendosi più come parte della comunità statale-nazionale, sento e leggo molti parlare di scontro di civiltà, della nostra civiltà moderna democratica ed evoluta versus altre civiltà meno democratiche e meno evolute.

Io, come sai, penso invece che stiamo vivendo una crisi di civiltà, dell'intera civiltà moderna. E penso che le mafie sono sorte in Italia nel momento storico in cui questa civiltà moderna raggiungeva la sua maturazione, nel secolo diciannovesimo. Questo dovrebbe farci pensare che mentre maturava la civiltà moderna mostrava i suoi limiti strutturali. Di conseguenza, per superare questi limiti, e sconfiggere le mafie, occorrerà superare la mafiosità che è in ciascuno di noi, come scrive Vizzino, certo, e nello stesso tempo, fondare sulle ceneri di questa civiltà capitalista e industrialista e statalista e positivista una nuova civiltà, la civiltà degli esseri umani creativi e autonomi e solidali.

Questa nuova civiltà è in atto, ma molti di noi non lo sanno e non vogliono saperlo. E continuano a coltivare l'albero già quasi tutto seccato - invece di coltivare l'albero nuovo.

Pasquale
Inviato: 7/2/2015 15:15  Aggiornato: 7/2/2015 15:15
Autore: fulmini

Inviato: 2/3/2015 10:54  Aggiornato: 2/3/2015 10:54
Autore: fulmini

Inviato: 14/5/2015 5:15  Aggiornato: 14/5/2015 5:15
Autore: fulmini

I poliziotti sono più bravi dei politici

La polizia italiana e l’Fbi hanno smantellato una centrale operativa della ’ndrangheta che operava tra l’Italia e gli Stati Uniti e gestiva un traffico internazionale di droga.
Inviato: 22/8/2015 12:29  Aggiornato: 22/8/2015 12:30
Inviato: 11/12/2015 12:27  Aggiornato: 11/12/2015 14:09
Autore: fulmini

Inviato: 16/12/2015 11:06  Aggiornato: 16/12/2015 11:06
Autore: fulmini

Inviato: 15/7/2016 11:08  Aggiornato: 15/7/2016 11:08
Autore: fulmini

Inviato: 5/8/2016 5:33  Aggiornato: 5/8/2016 5:33
Autore: fulmini

Arrestato il senatore Antonio Caridi, uno dei capi di Cosa Nuova: http://www.repubblica.it/politica/2016/08/04/news/tutte_le_accuse_a_caridi-145377955/?ref=HRER1-1
Inviato: 11/8/2016 17:02  Aggiornato: 11/8/2016 17:02
Autore: fulmini

Inviato: 21/8/2016 8:05  Aggiornato: 21/8/2016 8:05
Autore: fulmini

Inviato: 30/9/2016 9:17  Aggiornato: 30/9/2016 9:17
Autore: fulmini

I due quadri di Van Gogh rubati 14 anni fa in un museo di Amsterdam sono stati recuperati: erano finiti nelle mani della Camorra:
http://napoli.repubblica.it/cronaca/2016/09/30/news/ritrovati_i_due_van_gogh_trafugati_ad_amsterdam_14_anni_fa_rubati_dalla_camorra_l_anticipazione-148804138/?ref=HRER3-1
Inviato: 20/3/2017 8:25  Aggiornato: 20/3/2017 12:48
Inviato: 13/5/2017 4:05  Aggiornato: 13/5/2017 4:05
Autore: fulmini

Repubblica.itBlog
Navigazione principale
Home
Politica
Economia
Sport
Spettacoli
Tecnologia
Motori
Tutte le sezioni
D
Repubblica TV
Network
NETWORK
L’ESPRESSO
RE LE INCHIESTE
AccediAnnunci, lavoro e aste
LAVOROANNUNCIASTE
MAFIE
DA UN'IDEA DI ATTILIO BOLZONI

12MAG2017
Ecco le nostre indagini sui massacri di Palermo
http://mafie.blogautore.repubblica.it/2017/05/lari/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P30-S1.6-T1
Inviato: 23/5/2017 15:45  Aggiornato: 23/5/2017 15:45
Autore: fulmini

Falcone voleva vivere e i suoi nemici non erano solo i mafiosi. Uno dei principali motori dell'ostilità contro il magistrato, che nella vita collezionò tante sconfitte, fu l'invidia. Contro di lui giochi di potere e strumentalizzazioni - di ROBERTO SAVIANO
http://www.repubblica.it/cronaca/2017/05/23/news/falcone_voleva_vivere_e_i_suoi_nemici_non_erano_solo_i_mafiosi-166149153/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P2-S2.4-T1
Inviato: 5/9/2017 22:06  Aggiornato: 5/9/2017 22:06
Autore: fulmini

Inviato: 8/9/2017 13:28  Aggiornato: 8/9/2017 13:28
Autore: fulmini

La "Mala del Brenta” prima e dopo
di Arianna Zottarel (da repubblica.it dell'otto settembre 2017)
http://mafie.blogautore.repubblica.it/2017/09/1076/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P27-S1.6-T1
Inviato: 21/11/2017 14:37  Aggiornato: 21/11/2017 14:37
Autore: fulmini

"Elezioni nella cosca per scegliere i capi". Blitz a Santa Maria di Gesù, 27 arresti.
Pizzo, droga e scommesse. Individuati dal Ros i nuovi vertici operativi della cosca. Le intercettazioni: "All'epoca le facevano ogni cinque anni, saliva sempre Bontade", di FRANCESCO PATANE' (repubblica punto it)

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2017/11/21/news/_elezioni_nella_cosca_per_scegliere_i_capi_blitz_a_santa_maria_di_gesu_27_arresti-181676924/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P2-S1.6-T1
Inviato: 29/11/2017 12:35  Aggiornato: 29/11/2017 12:36