Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 109 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Strict Standards: Non-static method XoopsLogger::instance() should not be called statically in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/class/logger.php on line 228 Napolitano e la Trattativa - lo Stato del meridione - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

lo Stato del meridione : Napolitano e la Trattativa
di filippopiccione , Wed 12 November 2014 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

La testimonianza del Presidente della Repubblica smonta la trattativa Stato- mafia e parla di aut aut della mafia.

In questi giorni circola la notizia di un’imminente dimissione del Presidente della Repubblica. Forse aspettava, prima di prendere una decisione in tal senso - oltre a rendere meno spinose le questioni politiche per le quali era stato spinto ad assumere il doppio mandato - il giorno della sua deposizione di testimone nel processo Stato – mafia. E questo giorno sappiamo tutti come è andato. Nelle 86 pagine depositate e mandate online emerge che le stragi del ’93 furono compiute per alleggerire il 41 bis, cioè attenuare le norme che disciplinano il regime del carcere duro per i mafiosi. “Fu un ricatto con le bombe senza alcun cedimento, nessuno scese a patti o pensò di fare favori ai boss di Cosa nostra”.

Intorno alla trattativa Stato – mafia si sono prodotti una serie infinita di documenti di ogni tipo. Libri, film, interviste, intere trasmissioni televisive. Ma ci fu anche una lunga e travagliata fase caratterizzata da un circuito politico mediatico giudiziario volto a strumentalizzare la vicenda che culminò nella contrapposizione fra la Procura di Palermo, capeggiata da Antonio Ingroia, e il Quirinale. Fu a quel punto che Napolitano sollevò il conflitto di attribuzione dinanzi alla Corte costituzionale la quale, come noto, riconobbe la piena fondatezza delle ragioni del suo ricorso.

Ma il Presidente della Repubblica non si è voluto sottrarre al confronto. Durante l’udienza del Quirinale, chiunque ha potuto constatare che in effetti a lui più che stare a cuore il rispetto delle prerogative sancite dalla Costituzione, interessava dare il massimo della trasparenza del suo operato e il massimo contributo all’amministrazione e al corso della giustizia. Per questa sua disponibilità e per l’interesse e l’utilità processuali che ne sono derivati, egli ha ricevuto attestati di gratitudine e di riconoscimento da parte del presidente della Corte d’assise, dei magistrati, dei procuratori e degli avvocati, presente all’udienza.

Fra i passi della sua testimonianza, quelli più decisivi, a nostro avviso, sono i seguenti. Il primo è quando parla del suo consigliere giuridico, morto per un infarto nel 2012: “Loris D’Ambrosio era un magistrato di tale qualità, ti tale esperienza giuridica, di tale lealtà istituzionale che se avesse avuto in mano degli elementi che non fossero solo ipotesi, lui sapeva benissimo quale era il suo dovere, andare all’autorità giudiziaria competente e fornire notizie di reato ed elementi utili a fini processuali. Evidentemente queste cose non le aveva, tanto meno le disse a me”.

Il secondo riguarda le alte cariche dello Stato. Esse avevano decifrato l’attacco stragista, in particolare, quello sferrato dai Corleonesi, in questo modo: “ I nuovi sussulti di tale attacco si susseguirono secondo una logica che apparve unica ed incalzante per mettere i pubblici poteri di fronte a degli aut aut e perché questi aut aut potessero avere per sbocco un alleggerimento delle misure soprattutto di custodia in carcere di mafiosi, o potessero avere per sbocco la destabilizzazione politico-istituzionale del Paese, era ed è materiale opinabile”.

Con riferimento poi alla domanda del Pm Di Matteo per sapere se il “teste” fosse a conoscenza che il primo settembre 1993 non venne prorogato il 41 bis per 330 detenuti”, non sappiamo quale sarebbe stata l’opinione di Napolitano, in quanto il presidente della Corte d’Assise aveva dichiarato tale richiesta inammissibile. In proposito si sa che, secondo la sua stessa ammissione, l’allora ministro della giustizia Conso decise autonomamente. A questa domanda nelle prossime udienze forse saranno altri a rispondere.

Filippo Piccione

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono propriet dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 12/11/2014 7:55  Aggiornato: 12/11/2014 7:55
Autore: fulmini

Il tuo post, Filippo, descrive bene la situazione. Situazione non chiarita dalla deposizione di Napolitano, che non ha potuto/voluto/saputo rispondere a una domanda decisiva:

"Con riferimento poi alla domanda del Pm Di Matteo per sapere se il “teste” fosse a conoscenza che il primo settembre 1993 non venne prorogato il 41 bis per 330 detenuti”, non sappiamo quale sarebbe stata l’opinione di Napolitano, in quanto il presidente della Corte d’Assise aveva dichiarato tale richiesta inammissibile. In proposito si sa che, secondo la sua stessa ammissione, l’allora ministro della giustizia Conso decise autonomamente."

Ritengo che Conso può aver deciso autonomamente. Così come l'avvocato dei camorristi che hanno minacciato di morte Roberto Saviano (vedi sentenza dei giorni scorsi). E' possibile. Ma improbabile.

Il prossimo post potresti dedicarlo a questa sentenza?

Pasquale
Inviato: 12/11/2014 14:19  Aggiornato: 12/11/2014 14:20
Autore: fulmini

Ecco fatto, Filippo, pubblico il tuo commento. Pasquale

Pasquale, sono pienamente d'accordo con te che il principale enigma della trattativa Stato-mafia sta nella decisione, (autonoma?) di Conso, che è subentrato a Claudio Martelli. Cercherò la prossima volta di approfondire l'argomento con la modestia dei mezzi di cui dispongo. Ti sarei grato se mi spiegassi come poter, tecnicamente, far un commento. Filippo
Inviato: 12/11/2014 14:24  Aggiornato: 12/11/2014 14:24
Autore: fulmini

Caro Filippo, fare un commento direttamente è facile. Se sei iscritto al sito-rivista. Tu sei iscritto, con un nick name e una password. Se entri nel sito-rivista con il tuo nick name e la tua password puoi pubblicare direttamente il tuo commento. Se non ti ricordi o il nick name o la password, niente paura, mi mandi una email col commento e il commento te lo pubblico io. Pasquale
Inviato: 12/11/2014 20:03  Aggiornato: 12/11/2014 20:05
Autore: venises

M'intrometto nello scambio sui commenti per chiarire che - a seguito di un considerevole aumento di messaggi spazzatura, volgarità e pubblicità - abbiamo configurato il sito in modo tale che i commenti abbiano bisogno dell'approvazione di uno dei pochissimi amministratori che hanno la facoltà di farlo (diciamo Pasquale, per semplicità).
Per questo non vedete commenti con proposte pubblicitarie né turpiloquio su questo sito.
Il prezzo da pagare è che bisogna aspettare che il proprio commento sia approvato da Pasquale prima di vederlo apparire sul sito.
Quindi, se avete inviato un commento, abbiate pazienza un paio d'ore e lo vedrete apparire - funziona tutto, ma preferiamo scoraggiare la volgarità e invitare i pubblicitari a dirigersi altrove.



P. S. = da quando abbiamo optato per l'approvazione obbligatoria dei commenti i tentativi d'utilizzare questo sito come piattaforma pubblicitaria sono drasticamente crollati.
Se non ci fossero questi individui in giro, noi preferiremmo dare fiducia all'intelligenza e alla correttezza dei nostri lettori e non introdurre alcuna forma di censura ai commenti (così com'era tempo fa).
Purtroppo, oltre ai lettori, esistono i passanti. Alcuni fra questi ultimi non sanno vivere e quelli bisogna annientarli.

Inviato: 13/11/2014 8:00  Aggiornato: 13/11/2014 8:27
Autore: fulmini

Sì, la questione dei commenti sta come bene l'ha descritta Venises. Correggo la mia... 'leggera svagatezza dell'allegra vecchiaia'. Buona giornata a tutti i lettori ed a tutte le lettrici del sito-rivista. Pasquale