Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

leOpereeiGiorni : L'essenziale di Pasolini
di fulmini , Sat 1 November 2014 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Pier Paolo Pasolini


Cosa è essenziale in Pasolini? vale a dire: cosa di lui si ricorderà tra diecimila anni? Qualche poesia, qualche film, i romanzi no, i disegni tanto meno. Resteranno, sopra tutto, i saggi degli ultimi anni, quelli raccolti poi nei due libri Scritti corsari e Lettere luterane.
E perché? - vi state domandando. Perché, in quei saggi, che ha scritto tra la fine dei Sessanta e la metà dei Settanta, Pasolini ha raccontato in diretta, in viva voce, la sua straziante e insopportabile scoperta: era venuta “la fine del mondo”.

Pasolini era un poeta, uno scrittore, un cineasta: un uomo d’arte; non era professore, non scienziato dell’economia e della società e della politica, e quindi non adoperava un linguaggio accademico, scientifico, adoperava un linguaggio artistico, metaforico. E così, quando voleva dire che era in atto la crisi della vecchia civiltà moderna, scriveva che erano “scomparse le lucciole”, scriveva che era venuta, appunto, “la fine del mondo”.

Era il solo a dirlo, questo? No, certo che no. Quaranta anni prima di lui Antonio Gramsci, scrivendo i Quaderni del carcere, aveva scritto che era in atto la crisi della vecchia civiltà moderna, e che stavamo vivendo, fin dall’inizio del Novecento, la fase iniziale della crisi della vecchia civiltà moderna, che lui chiamava “crisi organica”.

Pasolini, dunque. E prima di lui, Gramsci. E dopo di loro? Dopo di loro, cari amici vicini e lontani, gli intellettuali di professione, i professori, gli scienziati dell’economia e della società, della politica, si sono bevuti il cervello, e quindi non hanno saputo prevedere la crisi, capirla, spiegarla, e progettarne il superamento teorico. Aspettano che la crisi passi, tra una settimana, come un’influenza, tra un mese, come una polmonite, tra un anno, come un cancro benevolo, tra dieci o venti o trenta anni, come una vita difficile.

E Pasolini? Pasolini è buono per le commemorazioni, e le sfuriate. “Ah, il complotto!”
Pasolini ha scritto che nel mondo attuale vivono e vagano “giovani infelici” non più fascisti, non più comunisti, immersi come sono in un “vuoto culturale”, e che uccidono “senza mandanti e senza scopo”. (Anche voi, domani) E ha detto, fin dentro l’intervista a Furio Colombo del 1 novembre 1975, che l’idea del “complotto borghese e fascista” è facile, semplice, consolatoria: “Soprattutto il complotto ci fa delirare. Ci libera da tutto il peso di confrontarci da soli con la verità. Che bello se mentre siamo qui a parlare qualcuno in cantina sta facendo i piani per farci fuori. E’ facile, è semplice…”

Pasquale Misuraca

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 6/11/2014 16:10  Aggiornato: 6/11/2014 16:12
Questa che stiamo vivendo, lo vado dicendo, inutilmente, con Pasolini e Gramsci e Luis Razeto, da quarant'anni, è una crisi di civiltà, e quindi occorre costruire nuove scienze (dell'economia, della società, della politica, della cultura - per non parlare della costruzione di nuove arti), e questi politici superpolitici scoprono giorno dopo giorno che la crisi economica e finanziaria non è risolta, non è in via di risoluzione, forse si sta aggravando, probabilmente occorrerà "prendere in considerazione ulteriori misure non convenzionali se si verificasse un prolungato periodo di bassa inflazione".