Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

il legame : Grafene
di venises , Sun 25 May 2014 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Immaginiamo che conosciate tutti il grafene, che non ci sia quindi bisogno di ricordarne le proprietà: 200 volte più resistente dell’acciaio, più sottile di un foglio di carta, flessibile, miglior conduttore del rame. Un materiale col quale si faranno presto batterie che si caricano dieci volte più rapidamente e che immagazzinano dieci volte più energia. I microcircuiti di grafene saranno 100 volte più veloci di quelli attuali di semiconduttori. Eccetera, eccetera, eccetera.
Si ottiene dalla grafite, la quale si trova..... dove? Il 70% è in Cina.





Il governo inglese, ormai qualche anno fa, ha investito 50 milioni di sterline per stimolare applicazioni che sfruttino le straordinarie proprietà di questo materiale.
Finanziamenti ingenti: come quelli stanziati dal governo polacco, che hanno permesso di collocare la Polonia fra i maggiori produttori di brevetti che hanno come oggetto l’utilizzo del grafene.
La Commissione Europea ha dichiarato la ricerca sul grafene come uno dei temi prioritari di ricerca e sviluppo.
I partiti italiani si danno quotidianamente battaglia su chi abbia il programma di sfruttamento del grafene più promettente e avanzato. Gli elettori italiani, sopraffatti da tanta lungimiranza ed intelligenza, fanno fatica a decidere a quale partito accordare il proprio favore: taluni rinunciano persino ad esercitare il diritto di voto, un fenomeno denotato ‘astensionismo di Buridano’.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 25/5/2014 8:31  Aggiornato: 25/5/2014 8:39
Autore: fulmini

Post complesso, Venises. E molto spiritoso.

Parte dagli italiani creativi e arriva agli italiani astensionisti.

Due osservazioni.

Prima osservazione. La critica dell’astensionismo è condivisibile nella misura in cui l'atteggiamento di scissione non costituisca il primo gradino per la conquista dell’autonomia. Vedi il post di Luis, dove si approfondisce l’essenziale distinzione fra antagonismo e autonomia, e si spiega il passaggio da compiersi dall’atteggiamento di scissione (uscire e restare fuori) allo spirito critico (lottare e porsi contro) e alla conquista dell’autonomia (innalzarsi fino ad un vertice inaccessibile al campo avversario).

Seconda osservazione. Se non si conquista effettivamente l’autonomia, attraverso il possesso e l’uso di un pensiero e una pratica realmente nuovi e superiori, si rimane – nonostante il sarcasmo appassionato e le buone intenzioni - nel gradino intermedio, che definirei… criticismo di Buridano.

Pasquale
Inviato: 26/5/2014 9:39  Aggiornato: 26/5/2014 9:40
Autore: venises

Inviato: 25/6/2014 15:12  Aggiornato: 25/6/2014 15:12
Autore: fulmini

Inviato: 15/10/2014 15:04  Aggiornato: 15/10/2014 15:04
Autore: fulmini

Inviato: 8/3/2016 7:00  Aggiornato: 8/3/2016 7:00
Autore: fulmini