Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /storage/content/36/1010336/fulminiesaette.it/public_html/include/common.php on line 96 Il violino e la marea - briciole musicali - Rubriche : Fulmini e Saette
Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

briciole musicali : Il violino e la marea
di nefeli , Thu 13 June 2013 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
briciole musicali

Si può portare alle estreme conseguenze l’esercizio di bravura di venises nel suo pezzo sul suicidio di Tchaikovskij e cercare di capire qualcosa della vita del compositore esclusivamente dall’ascolto delle sue composizioni.
Di Shostakovich non so nulla; una cosa però la so, e cioè che non volle che il suo concerto per violino venisse mai eseguito mentre era in vita. È dedicato a Stalin.
Ad ascoltarlo si capisce bene che il suo non è stato un gesto alla Kafka che, scontento delle sue opere, chiese all’amico di bruciarle dopo la sua morte (le opere, come i figli, non si possono eliminare da sé, se non quando si è in preda a un raptus di follia).
Il violino, che dovrebbe essere il protagonista del concerto, suona la sua melodia senza essere mai accompagnato dall’orchestra e anzi si muove come controcorrente su un tappeto di cupe e liquide orchestrazioni. Fino a esserne sommerso, fino ad affogare nel maremoto della musica che dovrebbe fargli da spalla. E' nel quarto movimento in particolare che l'affondamento dell'io prende maggiore evidenza, in una lotta costante e straziante tra violino e contrabassi, violino e corpo di violini. Persino i legni sembrano minacciosi...
L’individuo, l’uomo solo contro il sistema ne viene sepolto vivo e i suoi lamenti si percepiscono in controcanto da lontano, sempre più lontano.


Il concerto eseguito da una grandissima Hilary Hahn:

















Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 13/6/2013 8:29  Aggiornato: 13/6/2013 8:29
Autore: fulmini

Opera stupefacente - che non conoscevo. Grazie, Nefeli, e stragrazie della introduzione critica. Alla quale aggiungo solo due parole: il violino è contraddetto e sovrastato, sì, ma non molla, mai, fino alla fine: come i protagonisti delle opere di Kafka (e di Buster Keaton, il Kafka del cinematografo).

Pasquale
Inviato: 16/6/2013 0:26  Aggiornato: 16/6/2013 1:02
Che capolavoro, non me lo ricordavo. Grazie.
Tania

http://pioggiadinote.com