Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

il legame : Stabat Mater
di venises , Sun 16 June 2013 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Abbiamo già incontrato, più volte, lo Stabat Mater.
Nelle briciole, si trattava di musica.



Luigi Boccherini (1743-1805): Stabat Mater Dolorosa




Avete mai riflettuto su quale sia il soggetto dello Stabat Mater? Di cosa parli?
Se sia un soggetto religioso, o se possa essere anche laico ed universale?
Vi siete mai meravigliati – speriamo vivamente di sì - di come un soggetto così universale non esista in quella forma d’arte che è la pittura?
Tanti Stabat Mater in musica (sopra a tutti giganteggia quello composto da Pergolesi), ma neanche un dipinto che valga la pena citare.
Perché?


Crocifissione-Giotto
Giotto (1267-1337): Crocifissione

Crocifissione-SimoneMartini
Simone Martini (1284-1344): Crocifissione
(Osservate quanta attenzione è riservata alla rappresentazione del dolore della Madonna.
Simone - così come Giotto - appartiene al periodo culturale di Iacopone, quello che ha scoperto il dolore della Madre.
)


Lo Stabat Mater è una lauda dovuta al francescano Iacopone da Todi (1230-1306). Qualcuno disputa tale attribuzione, e presumibilmente a buon ragione; non a scapito d'un autore alternativo ma piuttosto perché il testo è stato progressivamente assemblato da mani diverse. Questa disputa da filologi (vil razza dannata) fa come sempre sfuggire il punto chiave: per oltre mille anni uno "Stabat" non è esistito nella tradizione cristiana. Tutta concentrata non sul dolore della morte, ma sul dolore di chi muore, la cultura cristiana non ha avuto attenzione per il dolore di chi resta.

Di cosa parla, infatti, lo Stabat Mater?
Parla del dolore di una madre che vede morire il figlio, così, davanti a lei, poco a poco – e che non può far nulla per salvarlo. Il proprio figlio, cioè la cosa più grande, più preziosa per qualunque essere umano.
Un innocente. Un giovane. È la descrizione del dolore più grande che un essere umano (non solo una madre) possa sperimentare. Un dolore che non è privilegio dei cristiani né esclusiva dei credenti, un dolore che appartiene ugualmente ai laici, ai non-credenti, persino a coloro che accettano la morte come parte integrante della vita. Perché in questo caso si tratta di un dolore contro natura. Si può (a fatica) accettare di perdere il proprio genitore, si può considerare che la morte faccia parte della vita; ma non si può accettare di sopravvivere alla nostra stessa prole.
Lo Stabat Mater è la narrazione del dolore più grande, più profondo che un essere umano possa mai sperimentare. Per questo la sua rappresentazione in musica non deve essere gridata – perché di fronte ad un tale orrore non si ha quasi neppure più la forza di ribellarsi, di recriminare: perché tutto è perduto. La musica deve descrivere l’abbandono delle forze, la perdita di ogni determinazione, l’abisso infinito in cui si piomba.


Come parla di questo dolore, lo Stabat Mater?
Ne parla in terza persona. Non lo descrive dal di dentro, non è la sofferenza a parlare, ma è lo spettacolo della sofferenza ad essere rappresentato. Per questo la musica deve parlarne con rispetto, sussurrando. Ne parla dal punto di vista di spettatori che assistano alla scena e la narrino a terzi. Non si rivolgono alla Madonna1, non ingaggiano un dialogo con quella: si rivolgono ad una platea lontana e raccontano ciò a cui hanno assistito.
Questo punto di vista detta la forma musicale, impone cioè il canone: le voci devono obbligatoriamente essere trattate in modo contrappuntistico.
Ascoltate l’attacco dello Stabat Mater di Boccherini. Ci riferiamo alla versione originale del 1781 e non a quella rimaneggiata del 1801 (per titillare il gusto del pubblico della società cittadina d’allora, per la quale aggiunse un Allegro molto strumentale quale Introduzione – copiato dalla sinfonia Op.35 n.4). Fate attenzione all’entrata delle voci, in successione [contatore a 0:55 del brano qui sopra]2; quindi seguitele.


Alcune delle migliori interpretazioni dello Stabat Mater Dolorosa della storia della pittura:

Rogier van der Weyden (1400-1464): Crocifissione



Masaccio (1401-1428): Crocifissione



Andrea Mantegna (1431-1506): Crocifissione



Pietro Perugino (1448-1523): Crocifissione



Raffaello Sanzio (1483-1520): Crocifissione



Johann Köler (1826-1899): Crocifissione


Possiamo affermare che lo Stabat Mater, cioè la rappresentazione del dolore più profondo che un essere possa provare, non esista nella pittura3.
Non esiste in modo autonomo, quale soggetto principale, quale fuoco dell’attenzione.
Esiste solo come soggetto a margine della Crocifissione, oscurato da quello: un grande tema universale che – nella tradizione cristiana – soccombe totalmente ad un altro tema universale, quello del sacrificio e del coraggio di morire (magari pure da giovani, magari per i nostri ideali, magari innocenti).
La pittura - così attenta al dolore di colui che muore - non è stata sinora capace d’affrontare il dolore di chi deve sopravvivere.
Così vigile verso chi ha scelto di sacrificarsi e così sorda verso coloro ai quali non è stata data scelta.
Un’Arte così sublime, l’Arte della visione, eppure così cieca4.






______________________________________________
1 Platea che si rivolge alla Madonna in un secondo momento, ma solo per chiedere, per ottenere qualcosa da lei.
Molto ci sarebbe da dire sulla seconda parte dello Stabat Mater (inizia da Eia, mater, fons amóris, me sentíre vim dolóris). Noi qui ci limitiamo a sostenere che non facesse parte della composizione originaria. Che fu aggiunta da altre mani. Un’invocazione diretta che stona – nel forma e nel contenuto – con la natura (della prima parte) dello Stabat, con questa inconciliabile.

2 Coloro che siano catturati dal primo (secondo) movimento, consultino il saggio di Cristina Cruz-Uribe.

3 Non si faccia confusione con i seguenti altri soggetti, tutti trattati dalla pittura: la Pietà, la Deposizione, l’Addolorata (o Madonna dei sette dolori).
Se non si fa troppo i difficili (la croce non c'è) qualche eccezione la si riesce a trovare, per esempio Tiziano (forse), a mani giunte e a mani aperte.
A dire il vero, almeno un’eccezione autentica esiste nella storia della pittura ed è costituita dal francese James Tissot (1836-1902), il quale ha rappresentato in modo appropriato e specifico il soggetto della Mater Dolorosa, a partire dall’inquadratura (la croce c'è ma non la sofferenza di Gesù). Tissot ha dedicato parecchi dipinti al tema della crocifissione (oltre 300 sulla vita di Gesù). Su tutti, insieme alla Mater Dolorosa, spicca certamente Ciò che Vide Nostro Signore dalla Croce.

4 Questo testo è dedicato ad una nostra carissima amica.



Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 16/6/2013 10:13  Aggiornato: 16/6/2013 10:16
Autore: venises

Per coloro che siano interessati ad avvicinarsi al coraggio di Iacopone da Todi :




Dario Fo : Le Malefatte di Bonifacio VIII (da Mistero Buffo)

Inviato: 16/6/2013 17:00  Aggiornato: 16/6/2013 17:00
Autore: fulmini

Il post mi ha dato molto da sentire, vedere, pensare. Grazie, Venises.
Ne riparleremo. La pentola bollirà per molto tempo.
Intanto, noto, se non sbaglio, che Masaccio (Crocifissione) ha visto e variato Simone Martini (Crocifissione), e che tutti e due mettono al centro il dolore della Maddalena.
Pasquale
Inviato: 16/6/2013 17:40  Aggiornato: 16/6/2013 17:40
Autore: venises

Vorrei dissentire dalla tesi centrale sostenuta da venises. Non aggrappandomi alle varie Addolorate, ché questo sì, sono d'accordo con lui, sarebbe veramente mancare il punto, sarebbe davvero troppo banale.
No, vorrei proprio colpire al cuore la sua tesi.

Affermando che una buona metà dei dipinti intitolati alla crocifissione sono in verità altrettante raffigurazioni del tema dello Stabat Mater. Si, proprio a partire da quel Simone Martini: non mi si dirà che questo dipinto rappresenti il dolore di Gesù! Avete notato come questi sia solo un pretesto, una figura marginale, solo geometricamente centrale? Avete notato chi indica il bimbo sulla destra? Avete notato chi cattura l'attenzione di tutti gli uomini dotati di pietas? A Gesù si rivolgono esclusivamente i soldati. Chi sa provare misericordia si rivolge alla Madre.

Come fa la Pittura a rappresentare - in modo centrale - il dolore della Madre, dovendo necessariamente raffigurare la Crocifissione di Gesù?
Per questo c'è la Maddalena, la donna che ama Gesù e che si dispera di fronte alla sua morte. La differenza nell'atteggiamento delle due donne esprime l'abisso che separa le due forme d'amore e la superiore profondità, la radicalità dell'amore della Madre. Come nella musica, anche la pittura rappresenta questo infinito orrore con compostezza (osservate nuovamente Köler o un altro qualsiasi degli esempi sopra citati). È la Maddalena a centrare il fuoco sul dolore della Madre.

Inviato: 19/6/2013 17:55  Aggiornato: 21/7/2013 12:03
Vorrei inserirmi nella diatriba interiore tra venises e venises e aggiungere un granello di mio.
Ho riflettuto sulla tesi secondo cui lo Stabat Mater è scritto in terza persona e ho pensato che forse sta proprio qui l'impossibilità di rappresentarlo in questo modo in pittura. La pittura non conosce la terza persona, né la prima o la seconda, perché è per sua natura epifanica: il soggetto è anche oggetto del dipinto ed è il suo mostrarsi, apparire, essere a determinarne l'esistenza. Per questo in pittura i racconti non riescono mai bene ed è anche per questo che la narrazione, che può anche essere presente in un quadro, o ne è una caratteristica marginale o rischia di pervertire l'opera stessa e di svilirla.
Nefeli
Inviato: 21/7/2013 12:32  Aggiornato: 21/7/2013 13:56
Autore: venises

Caro venises, noi vorremmo sostenere che nella storia della pittura è esistito almeno un autore che coscientemente, apertamente e coerentemente ha conferito centralità al dolore della Madre e questi è proprio il primo che tu citi, Rogier van der Weyden (e lasciamo da parte Tissot, per misericordia).

Osserviamo alcune sue opere in progressione, iniziando da questa.

Ecco un altro esempio di come lo fa.

Ecco come poi arriva a darle centralità sopra ogni altra sofferenza*.

Fino alla bestemmia (uno dei nostri quadri preferiti).




* Anche la rappresentazione della Maddalena (il primo personaggio sull'estrema sinistra, identificato dal barattolo con l'unguento che tiene in mano) è rivoluzionaria. La sommessa dolcezza con la quale terge le lacrime usando il drappo rosso sembra quasi invertire i ruoli fra lei e la Madre.
Non siamo sorpresi nel leggere che questa è una delle ultimissime opere del van der Weyden, probabilmente completata dai suoi allievi (la datazione delle opere di van der Weyden è sempre incerta visto che lui non le datava).

Inviato: 4/5/2014 19:54  Aggiornato: 4/5/2014 19:55
Autore: venises

venises,
il tuo riferimento polemico all’Introduzione inserita da Boccherini quale primo movimento dello Stabat Mater ci ha incuriosito.
Ce lo fai ascoltare?
Grazie

Inviato: 4/5/2014 19:55  Aggiornato: 4/5/2014 20:05
Autore: venises

Certamente, ecco ciò che ci hai chiesto – e ciò che ci avresti presto chiesto.




Luigi Boccherini – Stabat Mater: Introduzione (1801)





Luigi Boccherini – Sinfonia in F maggiore Op.35, n.4, G512 : Allegro (1782)





Luigi Boccherini – Stabat Mater: Eia Mater, Fons Amoris (1781)


Inviato: 5/5/2014 0:02  Aggiornato: 5/5/2014 0:03
Autore: fulmini

Certo che questo Boccherini è proprio forte, Venises, ... 'forte' è una 'parola grossa'... diciamo 'inatteso', come direbbe il mio Sancho Panza.

Ma non divaghiamo. Leggendo i tuoi commenti e ascoltando le tue musiche, Venises, mi tornava in mente quanto ci dicevamo, ieri, a Giannakochori, un paesino macedone sotto il Vermio, Ilias Tsexos, Alexandra ed io, discutendo, come sempre, giorno e notte, fanno i greci. (Che Ilias sia un greco esule dal Ponto, Alexandra da Cipro, io dalla Magna Grecia, poco conta - tutti greci siamo.)

Discutevamo il perché Dio, che "basta a se stesso" (Aristotele), abbia creato il mondo. Ora, Venises, leggendo e meditando i tuoi dialoghi con te stesso, ho compreso, nel recente passato, questo misterioso (per i non greci) perché. Dio era marxista, e dunque credeva nella teoria del rispecchiamento - tra struttura e sovrastruttura. Dio era kafkiano, e dunque pensava che Sancho Panza e Don Chisciotte erano uno, articolati metodicamente, non divisi ontologicamente.

Ma non divaghiamo. Dio ha creato il mondo per specchiarsi e dividersi. Due piccioni con una fava.

Pasquale