Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

agathotopia : Barabba
di unviaggiatore , Thu 16 May 2013 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  

Si era trovato per caso Eliahou in quella piazza, gente che parlava a voce alta, gente che urlava.
Forse non aveva capito o forse non era riuscito a sentire quello che aveva chiesto Pilato.

Volete voi che io liberi Gesù o Barabba?

Difficile capire, forse Pilato non conosceva l'aramaico. Non sapeva che in aramaico Bar-Abba vuol dire figlio del padre?
Come si può rispondere a una domanda simile?
Volete voi che io liberi Gesù o il figlio del padre?
Chi è il figlio del padre?

Entrambi pensò Eliahou sono figli del padre, entrambi si chiamano Joshua
Molti gridarono CRUCIFIGE CRUCIFIGE. Forse che una folla di ebrei ignoranti conosceva il latino e un uomo colto come Pilato non conosceva l'ebraico o l'aramaico?
Si allontanò perplesso Eliahou pensando che per lui uno era Joshua ben Jousef e l'altro Joshua Bar Abba
Ma ancora non capiva, molti ebrei chiamavano Abba colui che non si può nominare, chiamavano Abba l'Ineffabile.

Barabba stesso, libero seduto su una pietra, non capiva perché lui era stato liberato.

Neppure i due ladroni crocifissi capivano, seguaci di Barabba guardavano l'uomo crocifisso in mezzo a loro, uno lo dileggiava, l'altro provava pena e rispetto per lui.

Soltanto una donna era sicura di capire, sicura di provare immenso dolore per il figlio, il Nazzareno inchiodato nella croce.


Giuliano Cabrini


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 16/5/2013 14:51  Aggiornato: 16/5/2013 14:51
Autore: fulmini

Leggo e rileggo questo tuo racconto-apologo, Giuliano, e ogni volta lo considero veramente bello e buono. Poi mi occupo facendo e pensando altro, e mi torna in mente, dandomi molto da riflettere e da ammirare. Pasquale
Inviato: 17/5/2013 0:29  Aggiornato: 17/5/2013 0:29
Autore: venises

Punto di vista delizioso.

Un appassionato lettore di agathotopia.