Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

leOpereeiGiorni : La Svizzera del Medioriente
di nefeli , Thu 21 March 2013 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 21/3/2013 8:20  Aggiornato: 21/3/2013 8:22
Leggendo ho rivisto - in parte - Cuba degli anni '50 del secolo scorso.

E' così?
Inviato: 21/3/2013 14:40  Aggiornato: 21/3/2013 16:00
Molto interessante l'articolo di Nefeli Misuraca. Già Lincoln diceva che il miglior e più efficace modo di sottomettere un paese sia concedendoli prestiti. Oggi la geopolitica si fonda sul sistema finanziario internazionale. I grandi e potenti concorrono fra di loro per avere i debiti dei paesi minori, poichè sanno che se rimangono loro creditori li possono mantenere dominati, e quando li tengano con l'acqua fino alla gola, potranno comperare a vile prezzo le loro risorse naturali, le loro richezze, opere d'arte, governi, e perfino i loro uomini e le loro donne.
Questo che oggi Nefeli ci mostra su Cipro, vale anche per il Portogallo, la Spagna, l'Italia, ecc.
Di fronte a ciò, l'unica risposta è la dignità e l'azione creativa, autonoma e solidale, di creazione di una nuova economia, politica, cultura. Ovviamente abbandonando il consumismo e lavorando seriamente con le proprie risorse, capacità e progetti.
Luis

"
Inviato: 21/3/2013 21:09  Aggiornato: 21/3/2013 21:55
Autore: venises

Molto interessante.
E pure molto ben scritto (cosa ormai rarissima), con questo continuo passare dal generale al particolare, dal passato al presente.

P. S. = (D'accordissimo con Luis)