Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

il legame : Baburen
di venises , Sun 11 November 2012 4:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


Come si fa a stabilire se un quadro è una copia o se è autentico?


Dirck van Baburen: Mezzana di Amsterdam

Dirck van Baburen: Mezzana (Rijksmuseum Amsterdam)


Dirck van Baburen: Mezzana di Boston

Dirck van Baburen: Mezzana (Boston)


A lungo si è ritenuto che il quadro "La Mezzana" conservato al Rijksmuseum di Amsterdam fosse di Dirck van Baburen, uno dei cosiddetti Caravaggisti di Utrecht (cioè uno di quelli che copiavano lo stile di Caravaggio).
Oggi la si ritiene una copia, l'originale "Mezzana" di Baburen essendo quella conservata a Boston. Questo quadro è arrivato sul mercato con molto ritardo rispetto alla versione di Amsterdam e solo col suo arrivo ci si è posta la questione dell'originalità della versione di Amsterdam, sino ad allora ritenuta originale1 (la razza umana non si pone problemi sin quando non è costretta a porseli. Una simile razza non durerà a lungo).

Due, le differenze geometriche fra le due opere:
1) lo spazio alle spalle della mezzana (personaggio a destra) nella versione di Boston, spazio che manca a quella di Amsterdam
2) la maggiore "verticalità" della postura della mezzana di Amsterdam rispetto a quella bostoniana.



Come possono tali differenze aiutarci a stabilire l'autenticità dell'uno verso l'altro dipinto?
Semplice, basta osservare Vermeer.

No, non ci riferiamo al quadro La Mezzana di Vermeer, ma all'opera Concerto a Tre, nel quale il quadro di Baburen compare sulla parete di fondo, come una citazione.

Vermeer: Mezzana

Johannes Vermeer: Mezzana



Vermeer: Concerto a Tre

Johannes Vermeer (1632-1675) : Concerto a Tre


Citazione letterale, nella posizione spaziale della mezzana così come nelle proporzioni della tela, identiche all'originale (101 x 107 cm).
Il Baburen originale è quindi quello di Boston.
Voilà.


Se non fosse, accidenti, che Vermeer riproduce la Mezzana di Baburen una seconda volta, all'interno del suo quadro Giovane Donna Seduta al Virginale.

Vermeer: Giovane Donna Seduta al Virginale

Johannes Vermeer (1632-1675) : Giovane Donna Seduta al Virginale


Stavolta il quadro-nel-quadro è tagliato in modo tale che né le dimensioni complessive né la presenza (o meno) dello spazio alle spalle della mezzana possono aiutarci a stabilire alcunché. La postura della mezzana? Verticale, accidentaccio, proprio come quella di Amsterdam.

Se a questo punto siete confusi potreste ascoltare la visita guidata a margine della mostra su Vermeer alle Scuderie del Quirinale a Roma (sino al 20 gennaio 2013).
La Ragazza seduta al Virginale è nella sala 8b (è raro poterla osservare provenendo essa da una collezione privata).

La spiegazione di rito del perché dell'inserimento di questo quadro del van Baburen all'interno dei Vermeer consiste nella seguente non-spiegazione:
- era nella casa della suocera di Vermeer, dove lui viveva appena sposato (vero)
- era consuetudine dell'arte olandese di quel periodo dipingere quadri alle pareti degli ambienti domestici (vero)
- il legame fra dipinto di Vermeer e 'citazione' di van Baburen è costituito dalla contrapposizione dei soggetti, pudicizia contro volgarità (evidentemente eravamo stanchi e abbiamo messo l'immaginazione a riposare).


Per il momento, a nessuno dei critici è venuto in mente che per stabilire l'originalità o meno del quadro del van Baburen bisogna partire dalla sorgente (i critici non si pongono problemi se possono evitarli. Una simile razza non durerà a lungo - speriamo).
L'opera del Baburen non ha per soggetto tre persone, né una scena, ma un unico personaggio: la mezzana (basterebbe fare attenzione al titolo).
Personaggio che è copiato dal Caravaggio - Baburen è un caravaggista dichiarato, quindi copia Caravaggio - e precisamente da questo quadro del Caravaggio.
Quindi - ora sì che non ci sono più dubbi - la versione di Amsterdam non può essere una copia originale ma deve essere un derivato.

Perché Vermeer cita due volte lo stesso quadro?
(Di Vermeer ci sono arrivate solo 34 opere - 35 se si accetta la Ragazza col Cappello Rosso - le quali contengono un totale di 18 quadri-nel-quadro).
Sinora nessun critico ha avanzato l'ipotesi che il legame sia diverso in queste due citazioni. Nessun critico ha rigettato tale ipotesi, semplicemente nessun critico l'ha considerata.

In Concerto a Tre, il legame è costituito dal numero tre - e dal rapporto formale fra i tre personaggi (basterebbe fare attenzione al titolo). Il legame è formale, pittorico, non contenutistico. La moralità e l'elevatezza della musica contrapposta alla volgarità della prostituzione non c'entrano per nulla.
Che la chiave di lettura del quadro sia formale ce lo dice l'altra 'citazione' (cha ha precisamente questo ruolo): la scena dipinta sul clavicembalo, una replica del quadro sulla sinistra.

In Giovane donna seduta al virginale il legame è la contrapposizione (stavolta siamo d'accordo con gli esperti) fra la ragazza seduta e la ragazza sulla sinistra del quadro di Baburen: ecco perché qui il quadro-nel-quadro è riprodotto parzialmente, per spostare il baricentro verso sinistra, verso la ragazza-prostituta; ecco perché la mezzana è a metà tagliata fuori dal quadro.

Il quadro di Baburen è centrato sul personaggio della mezzana - une re-interpretazione del Caravaggio.
Vermeer cita due volte Baburen per due ragioni distinte, il legame non essendo mai costituito dal personaggio principale di Baburen.





P. S. = le citazioni di Vermeer non sono mai letterali.
Guardate cosa fa alla Maddalena di Jordaens (personaggio ai piedi della croce) o all'uomo sulla scala.

Jacob Jordaens: Cristo sulla Croce

Jacob Jordaens (1593-1678): Cristo in Croce
(da non confondersi con Crocifissione )


Vermeer: Allegoria della Fede

Johannes Vermeer: Allegoria della Fede




1 Questo post trae ispirazione dalla lettura del libro di Daniel Arasse, L'Ambizione di Vermeer, Einaudi.

Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 11/11/2012 9:09  Aggiornato: 11/11/2012 9:09
Autore: fulmini

Bellissimo post.
"Le citazioni di Vermeer non sono mai letterali". Bene. Aggiungo. Le citazioni del grandi autori non sono mai letterali.
Restano da spiegare solo due cose.
1. La copia di Amsterdam è di Baburen?
2. Cosa ci fa Kirk Douglas nel Secolo d'Oro?

Pasquale Misuraca
Inviato: 11/11/2012 9:12  Aggiornato: 11/11/2012 9:12
Autore: fulmini

Dimenticavo: Kirk Douglas è nato ad Amsterdam.

Pasquale Misuraca
Inviato: 11/11/2012 9:35  Aggiornato: 11/11/2012 9:35
Autore: unviaggiatore

Una buona lezione per riconoscere un quadro, non è sempre facile. Genova: palazzo Spinola, palazzo rosso, palazzo bianco, troviano Van Eick, Rubens e Van dick. Facile saper che il trittico nella chiesa di San Donato è di Van cleve ma forse solo perché il trittico è unico. Siamo però sicuri che almeno in piccola parte una mano poco capace non abbia aggiunto una annunciazione?
Giuliano Cabrini