Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Gramsci : Platone e Gramsci
di fulmini , Thu 2 August 2012 6:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  



Vedendo-e-sentendo questa lezione su Platone mi è venuto in mente questa nota dei Quaderni di Gramsci: “Se è vero che la filosofia non si sviluppa da altra filosofia ma è una continua soluzione di problemi che lo sviluppo storico propone, è anche vero che ogni filosofo non può trascurare i filosofi che l’hanno preceduto e anzi di solito opera proprio come se la sua filosofia fosse una polemica o uno svolgimento delle filosofie precedenti, delle concrete opere individuali dei filosofi precedenti. Talvolta anzi ‘giova’ proporre una propria scoperta di verità come se fosse svolgimento di una tesi precedente di altro filosofo, perché è una forza innestarsi nel particolare processo di svolgimento della particolare scienza cui si collabora.” (Q, 1273)

Riflettiamo:

1…“…la filosofia non si sviluppa da altra filosofia ma è una continua soluzione di problemi che lo sviluppo storico propone…” Questo vale per Platone, e vale per Gramsci.

2…“…ogni filosofo non può trascurare i filosofi che l’hanno preceduto e anzi di solito opera proprio come se la sua filosofia fosse una polemica o uno svolgimento delle filosofie precedenti…” Questo vale per Platone, e vale per Gramsci.

3…“…Talvolta anzi ‘giova’ proporre una propria scoperta di verità come se fosse svolgimento di una tesi precedente di altro filosofo, perché è una forza innestarsi nel particolare processo di svolgimento della particolare scienza cui si collabora…” Questo non vale per Platone, e non ha giovato a Gramsci. Innestandosi nel marxismo è stato di seguito confuso, ridotto, dai marxisti, al marxismo. La critica del marxismo è infatti alla base della sua nuova scienza, la scienza della storia e della politica.

4...Quando scrivo "la sua nuova scienza" mi domando quanto giovi a Luis Razeto ed a me il fatto che ci siamo "innestati" sul pensiero del Gramsci dei Quaderni del carcere. In effetti, noi abbiamo sviluppato con una certa originalità la scienza della storia e della politica.

Pasquale Misuraca


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti