Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

Gramsci : Buster Keaton e noi
di fulmini , Mon 6 February 2012 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  


buster keaton

{E' uscito, sabato 4 febbraio, su 'Alias' supplemento settimanale de 'il manifesto', il fulmine che ho dedicato a Buster Keaton e la crisi di civiltà che stiamo vivendo. Lo ri-pubblico qui per i lettori del sito-officina.}

Gli autori che hanno meglio rappresentato la crisi che stiamo vivendo. Ecco il mio programma Alias per il 2012. Gennaio è stato il mese di Franz Kafka. Febbraio sarà il mese di Buster Keaton.

Kafka coglie gli esordi della crisi in Europa, Keaton in America. Così come per i personaggi protagonisti dei libri di Kafka, anche per Keaton personaggio protagonista dei propri film vale il motto goethiano “l’uomo vive fintanto che si protende”: Josef K. e Buster K. sono sempre attivi di fronte alle difficoltà, sempre coraggiosi di fronte ai problemi - fino alla fine, fino a che non gli girano il coltello due volte nel cuore due guardie in borghese o una donna.

Kafka, abbiamo visto, ci dice che la crisi è complessa – ridurla a uno dei suoi elementi comporta non comprenderla. E Keaton?

Nato nel 1895, l’anno in cui i Fratelli Lumière organizzano la prima proiezione cinematografica pubblica, l’attore-regista nordamericano ci dice che la crisi non riguarda alcuni e non altri, questa classe sì e quella no, quel paese no e questo sì. La crisi riguarda tutti, riguarda anche noi, è una ‘crisi di civiltà’. (Gramsci, nei Quaderni è stato il primo ad analizzare scientificamente questa crisi come crisi di civiltà – lui la chiamava ‘crisi organica’.)

Keaton-Buster dice questo costruendo il personaggio ‘uno come noi’, per farci ridere di noi stessi, molto diversamente da Chaplin-Charlot, che costruisce il personaggio ‘uno diverso da noi’, per farci ridere degli altri. “Sono rimasto sempre stupito quando la gente diceva che i personaggi che io e Charlie Chaplin interpretavamo nei film avevano dei punti in comune. Per me c’era, fin dall’inizio, una differenza di base: il vagabondo di Chaplin era un fannullone. Tanto carino com’era, avrebbe rubato se ne avesse avuto la possibilità. Il mio personaggio era un onesto lavoratore.” (Buster Keaton, Memorie a rotta di collo, Feltrinelli 1995)

Oltre a ciò, per rendere compiuta la costruzione del personaggio ‘uno come noi’, Keaton non piange e non ride, come fa invece Charlot - il volto di Buster è una maschera. Una maschera che ciascuno di noi può indossare, mentre viviamo questa crisi - lunga ormai un secolo.

Keaton, a questa scoperta-invenzione è giunto, come alla maggior parte degli artisti accade, intuitivamente. L’ha ri-conosciuta poi attraverso l’ascolto degli spettatori. Prendiamo la sua faccia-maschera: “Gli spettatori mi insegnarono una cosa legata al mio lavoro, che non sapevo. A Roscoe [Arbuckle, un attore col quale collaborava agli esordi] arrivarono delle lettere in cui si chiedeva perché l’omino dei suoi film – il mio personaggio - non sorrideva mai. Non ce ne eravamo accorti. Guardammo due-tre rulli che avevamo fatto insieme e constatammo che era vero. Alla fine del successivo film provai a sorridere. Al pubblico dell’anteprima non piacque e ci furono dei fischi. Dopodiché non ho mai più sorriso sullo schermo.” (come sopra, dall’autobiografia)

Evidentemente quegli spettatori sentivano in qualche modo la crisi come crisi di civiltà. E tu contemporaneo mio lettore, come vivi questa crisi? Pensi che riguardi solo gli altri? Aspetti che passi come un raffreddore?


Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti