Radio Fulmini

Per installare RadioFulmini sul tuo sito clicca qui
_________________
Chi siamo
Login
Per gli Iscritti
Ricerca

Ricerca avanzata


Questo sito-rivista è la prosecuzione del blog-rivista fulmini, che in diciotto mesi ha capitalizzato 180.000 visite. Per conoscere il funzionamento di questo sito-rivista si può leggere il "Chi siamo" qui in alto.

leOpereeiGiorni : Scolpire, forse
di fulmini , Sun 19 February 2012 5:00
English version   Version Française   Versión español   Deutsch version  
Formato stampa Invia questa news ad un amico Crea un file PDF dalla news
 
Si raccomanda di abilitare i cookies nel proprio browser prima di inviare un commento.
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Commenti
Inviato: 19/2/2012 9:35  Aggiornato: 19/2/2012 9:35
Non è mio costume valutare e/o sindacare le scelte altrui e non verrò di certo meno - ora - a tale mio principio di vita; ma devo confermare il mio dispiacere - profondo - per la distruzione dei Tuoi lavori giovanili da parte Tua.
Sculture, lavori in argilla, disegni, ecc... che con tanta cura avevo preservato, per anni, dalla Tua ira "iconoclasta", godendone la manifattura ed il contenuto artistico che ricordo di aver visto "plasmare" - giovane - sotto i miei occhi increduli.
Solo pochi "sopravvissuti", ora custoditi gelosamente - pur sempre di Tua proprietà artistica - e fuori dalla Tua furia che, ripeto, non intendo giudicare.
Mani d'oro le Tue di contro alle mie che sanno tenere - e non sempre con buoni risultati - solo la penna ed oggi strimpellano su una tastiera anonima.
Inviato: 19/2/2012 9:42  Aggiornato: 19/2/2012 10:07
Grande Luigi! Grazie dell'affettuos protesta. In mezzo secolo ne ho fatte di cotte e di crude (artisticamente parlando), e le crude vorrei evitarle ai posteri. Ho eliminato qualche opera di un certo valore? Forse. Lascerò qualche opera che non vale? Sicuro. Buona giornata. Pasquale
Inviato: 19/2/2012 13:07  Aggiornato: 19/2/2012 13:07
mi piace, questa silenziosa storia: sa di amore.

prish